Ricostruire le unghie: come e perché

  • 1 9
    Credits: Corbis

    Perché ricostruire le unghie

    "Quella con il gel può essere usata da chiunque", spiega l'onicotecnico Massimo Brignola, "sia da chi ha le unghie rovinate, ad esempio a causa dell'onicofagia, sia da chi ha semplicemente le unghie fragili, ma anche da chi desidera abbellire le sue unghie naturali".

    Continua a sfogliare la gallery: troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno per scegliere la ricostruzione più adatta a te.

  • 2 9
    Credits: Corbis

    Perché ricostruire le unghie: le tecniche

    Esistono però diverse tecniche: mentre alcuni gel possono essere stesi direttamente sull'unghia naturale, altri invece vanno applicati solo sull'allungamento dell’unghia fatto con le tip.

    "Questo tipo di ricostruzione a base di gel è adatta anche a chi lavora con le mani tutto il giorno perché il gel per sua natura si adatta e penetra anche negli avvallamenti delle unghie rendendole resistenti e compatte", continua l'esperto.

  • 3 9
    Credits: Corbis

    Come si fa

    Si utilizza il gel che va steso su tutta la superficie dell'unghia e indurito grazie ai raggi ultravioletti (quello che siamo soliti chiamare 'fornetto'): "si tratta di una sostanza molto fluida che una volta stesa sull'unghia va fatta asciugare appunto mediante l’azione di raggi ultravioletti emessi da apposite lampade che sono in grado in pochi minuti di innescare il processo di polimerizzazione e quindi indurimento ed essicazione del gel stesso", continua Brignola.

  • 4 9
    Credits: Corbis

    Il sistema monofasico

    "La scelta dei prodotti è molto importante perché il processo chimico della polimerizzazione è determinato dall'interazione tra raggi emessi dalle lampade e i fotoiniziatori presenti nel gel", spiega l'onicotecnico.
    "Esistono gel di diverse densità e tipologie. I due più importanti sono il monofasico e il trifasico. Il 'mono' in un unico prodotto racchiude tutte e tre fasi della ricostruzione:
    base, builder e infine la sigillatura comprensiva anche della fase di lucidatura finale".

  • 5 9
    Credits: Corbis

    Il sistema trifasico

    "Con sistema trifasico si devono usare tre prodotti diversi per le varie fasi ricostruttive, che richiedono pertanto maggior tempo e costi", continua l'esperto (continua a sfogliare la gallery).

  • 6 9
    Credits: Corbis

    Il sistema trifasico

    Per chi ha problemi di allergie al nichel o agli acrilici oppure è in gravidanza, ci sono gel anallergici che non bruciano la pelle durante la polimerizzazione.
    "Esistono infine gel chiamati 'refill' che si utilizzano semplicemente per piccoli ritocchi e per eliminare l’effetto ricrescita".

  • 7 9
    Credits: Corbis

    Tutte le fasi della ricostruzione

    Il nostro esperto, Massimo Brignola ci racconta infine quali sono le fasi che interessano la ricostruzione dell'unghia così che, nel momento in cui decidiamo di provare questo 'trattamento di bellezza' per le nostre mani (ma anche per i piedi), sappiamo in anticipo quello a cui andiamo incontro.

  • 8 9
    Credits: Corbis

    È importante innanzitutto disinfettare le mani prima di procedere con la ricostruzione. A questo punto, si può procedere con l'applicazione di uno strato di primer su tutta l’unghia e lasciare asciugare. Infine, stendere uno strato di gel esattamente come accade con la stesura dello smalto.

  • 9 9
    Credits: Corbis

    Steso lo strato di gel, si fa polimerizzare sotto la lampada per 120 secondi, per poi sgrassare l’unghia con un cleaner. A questo punto è possibile procedere con eventuali decorazioni o mail art. Ovviamente, ogni ogni passaggio va polimerizzato sotto lampada UV!

    Per un effetto ultra brillante, dopo l'ultimo passaggio e l'ultima sgrassatura, si può procedere con un passaggio di olio per cuticole (ma anche quello extra vergine d'oliva va bene se usato solo per tamponare l'unghia con un batuffolo di cotone).

/5

La tecnica di ricostruzione in gel è molto veloce e garantisce alle unghie brillantezza e lucentezza. Ecco perché viene scelta sempre più per avere mani curate ed eleganti

Le unghie, la loro salute, il loro colore, la nuance dello smalto più in voga: parliamo di ricostruzione. Perché ormai non si tratta più di un semplice accessorio ma del punto focale di un look sempre più curato e impeccabile.

La ricostruzione delle unghie è diventata un fenomeno in grande crescita proprio perché si è diffusa sempre più nelle donne l’attenzione al presentarsi con unghie ben curate in ogni occasione e non solo per qualche grande occasione.

Le unghie in gel, rispetto alla storica tecnica di ricostruzione a base acrilica, sono molto veloci e facili da realizzare e restano brillanti e lucide per almeno tre settimane.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te