Piccoli frutti d’autunno

  • 1 11
    Credits: Issel Tessari

    Lentaggine (Viburnum tinus).
    La lucentezza del fogliame è tra gli aspetti più apprezzati di questo arbusto che ama i climi miti. Le infiorescenze chiare incominciano a sbocciare in inverno, quando sono ancora presenti le bacche blu.

    COLTIVARLI è FACILE: QUALE TERRA
    Qualunque arbusto, per crescere rigoglioso, ha bisogno di suolo fertile. Il motivo è semplice: una volta messo nella terra (o in una fioriera da balcone) difficilmente verrà spostato. Quindi, dopo aver scavato la buca dove piantarlo, è importante arricchire con fertilizzante naturale il terriccio che si metterà sul fondo e quello che si verserà per il riempimento. Una piccola aggiunta di sabbia grossolana renderà più facile lo scorrimento dell'acqua e le radici non avranno problemi di ristagni. Dopo il primo anno, una volta esaurita la prima dose di fertilizzante, ricordatevi di concimare il terriccio in superficie: da inizio primavera a fine estate, una volta al mese, usate fertilizzante chimico; poi, nel tardo autunno, distribuite alla base del cespuglio fertilizzante naturale.

  • 2 11
    Credits: Issel Tessari

    Lentisco (Pistacia lentiscus).
    Cresce nei climi caldi e non teme la siccità: infatti, è caratteristico della macchia mediterranea e dei giardini al mare. È sempreverde, con rami piacevolmente disordinati, fiorellini primaverili rossi e bacche autunnali rosso scuro.

    COLTIVARLI è FACILE: QUANTA ACQUA
    Tutti i cespugli hanno bisogno di essere innaffiati con costanza il primo anno dopo esser stati piantati. La regola vale sia in giardino sia sul balcone. Quindi, non dimenticatevi di bagnare due volte alla settimana, mentre da marzo a settembre potete installare un impianto di irrigazione automatico. Gli anni successivi, salvo momenti di grande caldo in estate, non dovrete innaffiare più di due volte al mese.

  • 3 11
    Credits: Issel Tessari

    Rosa rugosa (Rosa rugosa).
    Tra le tante specie di rosa, è una delle più decorative perché a partire da mezza estate, dopo un?unica fioritura di corolle grandi, bianche e rosa, porta a maturazione  bacche rosso pomodoro che risaltano sul fogliame.  

    COLTIVARLI è FACILE: LUCE E OMBRA
    Tutti questi arbusti amano il sole. Non a caso, in giardino, vengono spesso utilizzati per fare siepi di confine o per creare una macchia di colore sul prato, ben lontani dalla chioma ombrosa degli alberi. Sul balcone crescono bene anche a mezz'ombra, perché il riverbero delle pareti e del pavimento aumenta la quantità di luce e di calore.

  • 4 11
    Credits: Issel Tessari

    Agrifoglio (Ilex aquifolium).
    Cresce spontaneo nei nostri boschi ma è facilissimo da usare per fare siepi sempreverdi che diventano molto decorative in inverno quando, sui rami, maturano bacche rosso fuoco. Ottima scelta anche per i balconi.

    MANTIENILI COSì.
    Anche i cespugli da bacca amano essere potati, ma non in modo eccessivo.Per evitare infezioni, usate forbici da giardino affilate e pulite. Se dovete sfoltire la chioma, lavorate all?interno, dove arriva meno luce e, per primi, eliminate i rametti esili, quelli con poche foglie e quelli secchi.

  • 5 11
    Credits: Issel Tessari

    Corbezzolo (Arbutus unedo).
    È un alberello sempreverde con frutti granulosi rosso-arancione, commestibili, utilizzati per preparare confetture. In pieno inverno, nello stesso momento dei fruttisbocciano anche i fiori bianchi.

    MANTIENILI COSì.
    Anche i cespugli da bacca amano essere potati, ma non in modo eccessivo.Se potate all?inizio della primavera, evitate i rami con gemme pronte a fiorire. Per trasformare corbezzolo e agrifoglio da cespuglio ad alberello, eliminate due volte l?anno i rametti che crescono lungo il fusto principale. Presto avrete un bel tronco liscio.

  • 6 11
    Credits: Issel Tessari

    Cotoneastro (Cotoneaster franchetii).
    Con questo arbusto cinese è facile creare siepi decorative, voluminose e fitte. A giugno, i lunghi rami arcuati diventano una nuvola di fiorellini rosa; in autunno si coprono di bacche ovali rosso-arancione.

    GUIDA ALL'ACQUISTO: L?autunno è il periodo migliore per comprare questi arbusti perché le bacche sono ben visibili. Quindi, oltre alla taglia, osservate anche il colore, la forma e la quantità dei frutti.

  • 7 11
    Credits: Issel Tessari

    Come portacandela
    Giocate sui contrasti per realizzare questi specialissimi bicchieri: riempite il primo di bacche di viburno blu e mettete al centro una candela rossa. Nel secondo, usate bacche rosse di agrifoglio e una candela blu.

    GUIDA ALL'ACQUISTO: In questo periodo gli arbusti si pagano a prezzo pieno: da 10 a 20 euro per pianta. Da fine inverno a inizio primavera, privi di bacche e senza fiori, costano dai 2 ai 5 euro in meno.

  • 8 11
    Credits: Issel Tessari

    Come decoro
    Grazie al loro colore rosso vivo, le bacche di rosa canina e di rosa rugosa (qui legate a mazzetto) sono un?idea perfetta per vivacizzare un piatto monocolore, per esempio una portata di formaggi misti a pasta molle.

    DOVE CRESCONO
    Dalle colline che si affacciano sul mare alle pendici delle montagne. Dai margini dei prati al sottobosco. Ovunque crescano, non passano inosservati. Sono i cespugli da bacca che producono una miriade di piccoli frutti (le bacche, appunto) gialli, rossi, arancioni, blu. Non importa quanto siano grandi perché, grazie ai colori vivaci, le bacche attirano non solo la nostra attenzione ma anche quella degli uccellini. Per noi sono una gioia degli occhi, per loro una delizia del palato.

  • 9 11
    Credits: Issel Tessari

    Come "trappola"
    Volete stupire i vostri bambini? Insegnategli ad attirare gli uccellini con un trucco: fate dei mazzetti di bacche e legateli a due mele appese a un ramo d?albero con dello spago. I passerotti non sapranno resistere!
    PERCHé SCEGLIERLI
    Coltivare arbusti da bacca offre più di un vantaggio, sia in giardino che sul balcone. Perché le varie specie fioriscono in periodi diversi: lentaggine, lentisco e rosa rugosa (l?unica che non è sempreverde) tra l?inizio e la fine della primavera, cotoneastro e agrifoglio in estate, corbezzolo in pieno inverno.

  • 10 11
    Credits: Issel Tessari

    Come lanterna
    Dedicato ai più romantici, ecco come decorare un angolino della casa o del giardino: fate una coroncina a forma di cuore con il fil di ferro, intrecciate rami di cotoneastro e appendete al centro un portacandela di vetro.

    COME SI CURANO
    Prima di acquistare le bacche in vivaio, tenete presente le esigenze climatiche degli arbusti. Corbezzolo, lentaggine e lentisco sono tipici delle zone a clima mite, mentre rosa rugosa, agrifoglio e cotoneastro sopportano il freddo. Tutti, con il passare degli anni, crescono e hanno bisogno di spazio (almeno un metro quadro.

  • 11 11
    Credits: Issel Tessari

    Come composizione
    Basta un vaso trasparente, un po' d'acqua e tanti rametti da bacca per avere un centrotavola coloratissimo e facile da realizzare. Le varietà che abbiamo utilizzato per questa composizione sono: cotoneastro, corbezzolo, viburno, piracanta, agrifoglio, rosa rugosa, lentisco e biancospino.

/5

Rosse, gialle, arancioni, blu: nelle giornate grigie, le bacche regalano un'allegra esplosione di colori. Ecco come utilizzarle in casa, in giardino e... come richiamo per gli uccellini

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te