Il sonno di tuo figlio e il suo bisogno di contatto

Credits: Shutterstock
1 6

FARE LA NANNA
Negli ultimi anni le teorie sul co-sleeping e i metodi alla Estivill infuocano i dibattiti sul sonno dei bambini. Fare la nanna è diventata una questione scottante e la verità è che i più stressati sono i genitori, divisi fra le teorie, incerti sulla pratica, caricati da un senso di colpa perenne che si mescola alla frustrazione. La verità? Probabilmente la stiamo cercando in un posto sbagliato, perché ogni famiglia è un universo unico: la tua coppia non è uguale a un'altra, ogni bambino (ogni figlio, in verità) è diverso da tutti gli altri. È da questo che parte Alessandra Bortolotti, mamma e psicologa esperta del periodo perinatale, in I cuccioli non dormono da soli (Mondadori). La risposta giusta è prima di tutto nelle emozioni e sensazioni che stai provando, ecco perché imparare a fidarti fa bene a voi, genitori, e a lui, il tuo bambino.

(Continua a leggere)

/5

L'istinto ancestrale che unisce genitori e bambini verso un contatto empatico fondamentale per lo sviluppo

«Poiché credo nell'unicità delle persone e delle famiglie, non indico metodi uguali per tutti, né suggerisco scelte migliori o peggiori di altre: ho voluto che queste pagine fossero un punto di riferimento per compiere scelte libere, informate e consapevoli» Alessandra Bortolotti inizia con queste parole la prefazione al suo libro I cuccioli non dormono da soli. Seguire un metodo può dare sicurezza, eppure ogni bambino è un essere e speciale, così come non esistono due famiglie uguali al mondo. Impara a osservare tuo figlio, ascolta le tue emozioni, condividi ciò che senti con persone di fiducia: ecco il primo passo per crescere insieme ai tuoi figli con un sorriso.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te