Pelliccia sì, ma finta

  • 1 8

    In passerella la propongono le grandi griffe e i giovani designer sensibili alla moda etica. Le fashioniste-animaliste la adorano, nei negozi non puoi sfuggirle: sì, l’ecopelliccia è tornata di moda. Con più stile rispetto agli anni ’80.

    Gilet leopardato con cintura (Paprika, 89 euro, taglie S-M).

  • 2 8

    Ecofur, ma che cos’è? «È un tessuto di materiale naturale o sintetico» spiega Magda Saldarini, titolare di Zenda Due, storico negozio di ecopelliccia di Milano. «Per capire se è ben fatta devi toccarla: quelle di scarsa qualità sono fredde e dure».

    Gilet di ecopelliccia bouclé (Northland, da 64 euro, taglia unica).

  • 3 8

    «Le migliori sono di cashmere e possono costare dai 300 ai 600 euro» dice Albertina Greta Leonardo, stilista di ecofur del marchio Olivia Green. Per spendere meno, punta sul finto che oggi abbonda sugli accessori: cappelli, borse, colletti.

    Cappello con visiera a rete e pelo maculato (Bershka, 14,99 euro).

  • 4 8

    Stivaletto di pelle con risvolto di ecofur (Stonefly, 99,90 euro).

  • 5 8

    Borsa rivestita di ecopelliccia (Samsonite, 159 euro).

  • 6 8

    Cuffia paraorecchie con cavo removibile (Carpisa, 15,90 euro).

  • 7 8

    Giacca di simil astrakan con cappuccio (OVS, 69,99 euro, taglie 42-48).

  • 8 8

    Cappa di finta pelliccia animalier (Koan by Coin, 129 euro, taglie 42-48).

/5

Si chiama ecofur, è morbida come la sorella vera, rispetta gli animali ed è amatissima dagli stilisti. Provala

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te