Mai pensato di curarti con i funghi?

Credits: Olycom
1 11

In Oriente vengono usati da centinaia di anni, da noi sono ancora poco conosciuti. Eppure i benefici dei funghi medicinali sulla nostra salute sono stati comprovati da almeno 4.000 studi scientifici, effettuati dalle più importanti università di Cina, Giappone e Stati Uniti.

«La micoterapia è una grande risorsa che la natura ci mette a disposizione. Le ricerche hanno dimostrato che i funghi riducono sempre e in modo significativo i sintomi di molte malattie» spiega Walter Ardigò, medico omeopata, fitoterapeuta ed esperto in micoterapia. «In più, non hanno effetti collaterali e possono essere assunti insieme ai farmaci». Ma come agiscono sul nostro corpo? «Questi organismi speciali sono delle vere “fabbriche” di medicine: sono capaci di trasformare tutto ciò che assorbono dal terreno in sostanze preziose per la nostra salute, come antibiotici, amminoacidi e antiossidanti» spiega Ivo Bianchi, specialista in Medicina interna e omeopata.

I funghi medicinali riconosciuti dal ministero della Salute sono dodici, anche se i più utilizzati sono una decina. Vediamo, con l’aiuto dei nostri esperti, come la micoterapia può curare alcuni tra i problemi più frequenti.

/5

Combattono il raffreddore, l’herpes, l’ipertensione, la carie e perfino il cattivo umore. E piacciono a molti medici perché la loro efficacia è dimostrata da più di 4.000 studi scientifici

QUANDO E COME PRENDERE I FUNGHI MEDICINALI

● La scelta: questi medicinali si trovano nelle erboristerie o nelle farmacie che vendono rimedi naturali. Sono sotto forma di compresse, capsule o polvere. I funghi impiegati nella micoterapia non crescono spontanei nei boschi ma vengono coltivati in aziende agricole specializzate. Per essere sicuri che non contengano tracce di pesticidi, metalli pesanti e germi patogeni meglio chiedere informazioni al venditore o scegliere prodotti biologici o, ancora, che riportino sulla confezione una certificazione specifica (per esempio Cermet o Vitamar 1000).

● La dose: 2 grammi al giorno di principio attivo (ogni compressa ne contiene in media 500 mg).

● Il momento giusto: ai pasti o anche a digiuno perché sono facilmente digeribili. Meglio prenderli insieme a una compressa di vitamina C: questa sostanza spezza le lunghe catene di molecole che li compongono migliorandone l’assorbimento.

● L’efficacia: per vedere i primi risultati ci vuole un mese; dopo tre si raggiunge il massimo dei benefici.

● Lo specialista per te: rivolgiti a un medico esperto in micoterapia. Solo lui può decidere i rimedi giusti e stabilire i cicli di cure (trovi un elenco di professionisti sul sito freelandtime.com

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te