Giardino pensile con assi di legno

Le idee più creative per riciclare pallet e bancali

Sapete cosa fare per nobilitare un materiale di scarto regalandogli nuova vita? Allora preparatevi a scoprire qualche dritta pratica per riciclare pallet e bancali

Un pallet è tutt’altro che legname di avanzo o risulta, ma anzi, nasconde del potenziale inaspettato perché può essere riutilizzato per allestire casa o giardino sfruttando bancali usati. Che si tratti di arredamento da interno o esterno, si presta a molte soluzioni, basta solo affidarsi alla creatività e concedersi un po’ di tempo. L‘altro aspetto positivo è che questa operazione non richiede chissà quanto impegno, al massimo una piccola dose di ingegno.

Sono molteplici le occasioni per sfruttare queste materie prime, e trattarle non è così complesso come si potrebbe pensare: è sorprendente infatti quante funzionalità diverse siano in grado di assumere in una manciata di mosse. Siete pront* per scoprire i tips più trendy per riciclare pallet e bancali?

Elementi di arredo cheap and chic

Il riciclo con i pallet è un ottimo sistema per recuperare i bancali di legno usati per gli imballaggi che finiscono spesso per rimanere inutilizzati, prestandosi invece ad alternative di design o funzionali all’arredo domestico. Dai divani per interni ed esterni alle mensole, dagli appendiabiti ai tavolini da salotto, sono davvero moltissime le idee fai da te da cui poter trarre ispirazione per trasformarli in mobili efficienti, economici e originali. Come complementi outdoor parlando di tavolini o fioriere, puntare sulla naturale resistenza di questi oggetti in legno, ideati e prodotti per non cedere alle intemperie è una scelta vincente, che se associata all’uso dell’impregnante, consentirà di farli durare ancora più a lungo.

I pallet inoltre sono facilmente reperibili anche a costo zero, perché alcune aziende ne dispongono in quantità tale da cederli volentieri. Altrimenti online si possono trovare a basso costo, e basterà una mano di vernice bianca o colorata per regalare loro un nuovo volto. La sostenibilità è il principio base del fai da te, quindi il riciclo dei pallet è un’occasione ghiotta per risparmiare alberi abbattuti e sbizzarrirsi con la fantasia, unendo l’utile al dilettevole.

La struttura letto a base di pallet

Se siete alla ricerca di una testiera del letto e relativa struttura fuori dai codici estetici tradizionali? Optate per una soluzione in legno, che arredi la parete della camera e faccia del riciclo l’ispirazione principe. Si può strizzare l’occhio a un tatami dall’altezza limitata disponendo un solo strato di pallet oppure scegliere di sovrapporre più bancali per un effetto rialzato.

Per la realizzazione sarà necessario dotarsi di un numero esiguo chiodi e utensili tipici del lavoro fai da te. Il consiglio è prediligere pallet di nuova fattura, preoccupandosi di scartavetrare e levigarne la superficie, tinteggiandoli eventualmente del colore che si preferisce. Per una struttura letto il materiale da recuperare sarà: 8 bancali di legno, carta vetrata, vernice ad acqua, pennello, viti e avvitatore. Tenete conto che occorrerà carteggiare ogni bancale e per farlo consigliamo un pannello dalla grana media o grossa. Al fine di ricreare le dimensioni del letto posizionare i primi 4 bancali sul pavimento, e poi al di sopra di essi altri 4 facendoli combaciare, fissandoli tra loro con viti e avvitatore. Non resta che aggiungere il materasso. Per la testiera ne basteranno 2 da fissare al muro centrandoli rispetto alla larghezza del giaciglio e ad un’altezza leggermente superiore a quella del materasso.

Divani e sofà inside/out

Se si pensa al mobilio che per antonomasia sia in grado di garantire comfort, questo è il divano, quindi il primo imperativo per la realizzazione di questo oggetto è preoccuparsi che la seduta risulti comoda e rilassante. A tal fine dotarsi di una buona dose di gommapiuma, per un quantitativo tale da far raggiungere al cuscino circa 15 cm di altezza. Per il rivestimento poi si può scegliere una stoffa morbida ma resistente, giocando con fantasie e stili: quello industriale ad esempio alterna tonalità di grigio accostate al bianco dei pallet, lo shabby chic invece impone il total white.

Il lavoro non richiede troppa difficoltà, basta procurarsi dai 3 ai 4 pallet a seconda dell’altezza che si intende assegnare al divano e carteggiare i bancali - a mano o utilizzando una levigatrice a nastro per guadagnare tempo -, levigandoli accuratamente per rimuovere qualsiasi scheggia. A questo punto non rimane che tinteggiare i pallet con vernici ad acqua del colore scelto e collocarli nella posizione desiderata. Si possono affiancare o sovrapporre i bancali a seconda di come preferiate la seduta - bassa o alta - e, prima di disporre i cuscini, premuratevi di stabilizzare la struttura con viti, avvitatore ed eventuali linguette laddove risultino necessarie.

Un giardino verticale a portata di bancale

Se è vero che i pallet si prestano ad essere versatili e a resistere brillantemente agli ambienti esterni perché non sfruttarli per creare dei giardini verticali da posizionare sul balcone? Sappiamo infatti che non tutti possono disporre di grandi spazi al di fuori delle mura di casa - in città soprattutto -, per cui non rimane che optare per un orto o giardino pensile. Abbiamo dimostrazione del fatto che sia possibile coltivare fiori o piante grazie a un sistema stratificato a più piani, e in quest’ottica i bancali di legno si prestano perfettamente. La terra può essere posizionata all’interno dei diversi scomparti creati ad hoc con assi ricavate e i fiori disposti in verticale in modo da ottimizzare gli spazi e massimizzare la resa dello spazio poichè le aperture consentiranno alla vegetazione di espandersi.

La primavera porta consiglio, quindi pensate a quali soluzioni potrebbero fare al caso vostro per dedicarvi al fai da te con poco impegno e senza peccare nello stile!

Riproduzione riservata