1/7 – Introduzione

La frutta secca, considerata per anni un alimento dannoso per l’organismo, ultimamente ha visto rivalutato il suo ruolo; sono state riconosciute, infatti, le sue molte proprietà e la ricchezza di sostanze nutritive. Ricca di fibre, vitamine, sali minerali e proteine, la frutta secca è stata riabilitata come alimento utile anche nelle diete, infatti recenti studi dimostrano come aiuti a mantenere regolare il peso forma. Ovviamente, come per molti altri alimenti, si sconsiglia il largo consumo della frutta secca, ma una buona dose specialmente di prima mattina, dà la giusta carica per cominciare la giornata. Ecco quindi alcune idee su come mangiare la frutta secca a colazione.

2/7 Occorrente

  • Frutta secca a guscio di qualità
  • Frutta secca polposa disidrata
  • Yogurt magro
  • Latte

3/7 – Frutta secca a guscio con yogurt e latte

Prima di tutto bisogna fare una distinzione nella frutta secca tra quella a guscio e quella polposa disidratata. La frutta secca a guscio comprende tutti quegli alimenti che come il nome suggerisce, si trovano all’interno di una corazza più o meno dura, a seconda del frutto. Mandorle, noci, pistacchi, arachidi sono alimenti ricchi di grassi insaturi e polinsaturi, risultando così privi di colesterolo; inoltre, il fatto di contenere pochissima acqua li rende perfetti come concentrato di energia. Una buona idea è fare colazione con del pane e marmellata di castagna, uno dei frutti meno calorici; oppure uno yogurt magro con un muesli ricco di cereali e frutta secca. Quest’ultima combinazione è consigliata per chi deve passare una mattinata a lavoro o a studiare, in quanto la frutta a guscio è ricca di minerali, fosforo e ferro, elementi che aiutano la concentrazione. Bere latte di mandorla oppure creare dei centrifugati di frutta secca, può aiutare l’organismo ad assimilare tutti i principi nutritivi di questi elementi, e sono delle idee su come mangiare la frutta secca a colazione.

4/7 – Frutta secca polposa da mangiare per colazioni lampo

La frutta secca polposa è quasi totalmente priva di grassi, mentre è ricca di fibre, zuccheri e minerali. Il fatto di essere disidratata e cioè priva di acqua, la rende meglio di quella frutta fresca in quanto gli elementi vengono assorbiti in maniera più immediata e concentrata. La frutta secca disidratata è composta da datteri, uva passa, mirtilli, albicocche, fichi, prugne, e tutta quella frutta fresca che la si fa essiccare al sole o in un forno. La sua assimilazione nel corso di una colazione può essere effettuata senza problemi, perché gli zuccheri finiranno per essere consumati nelle ore successive; meglio evitarla nel pomeriggio o alla sera, perché non vi sarà sufficiente tempo per smaltire tali zuccheri. Una manciata di prugne o uva passa per regolamentare l’intestino è consigliato ogni mattina; oppure una macedonia veloce con frutta fresca come mela o banana, insieme a mirtilli, albicocche e uva passa, può dare il giusto sprint e possono essere delle alternative valide su come mangiare frutta secca a colazione.

5/7 – Dolci con frutta secca a colazione ma non per tutti

La frutta secca viene largamente usata anche nelle ricette di dolci: ciambella con mandorle e pinoli, torta di al cioccolato e uva passa, crostata di albicocche, plumcakes con noci, croccante alle mandorle, sono solo alcuni dei dolci da poter utilizzare come alternativa a come mangiare la frutta secca a colazione. Sicuramente molto più calorici, i dolci rappresentano una scelta più golosa e gustosa per chi preferisce una colazione con più zuccheri e magari più sfiziosa. Pur essendo consigliata in moltissimi casi, la frutta secca dovrebbe essere limitata, anche a colazione, per le persone che soffrono di problemi renali, oppure per i diabetici che devono evitarla per l’alto contenuto di zuccheri. Mentre chi soffre di disturbi gastrointestinali e malattie del colon, farebbe bene ad astenersi dall’assunzione per la loro forte percentuale di fibre.

6/7 Guarda il video

7/7 Consigli

  • Mangiare un po’ di frutta secca ogni mattina aiuta a regolamentare l’intestino e a concentrarsi a lavoro

Alcuni link che potrebbero esserti utili