Scegliere i vestiti sbagliati

A volte alcune lezioni o tipologie di yoga possono essere… alquanto acrobatiche! Per questo forse indossare pantaloni o magliette troppo larghi, seppur comodi, potrebbe non essere l’ideale. Ma, allo stesso tempo, vestiti troppo stretti potrebbero impedire alcuni movimenti e non farti sentire libera come dovresti.Scegli degli indumenti che possano rimanerti addosso senza stritolarti.

Guardare le tue “vicine di pratica”

La ragazza accanto a te riesce a mantenere l’equilibrio meglio di te e a cambiare posizione più fluidamente? Meglio concentrarti su te stessa.
Lo yoga non è una competizione: se non riesci a portare a termine alla perfezione una sequenza di asana non devi fartene una colpa, ma accettarlo e continuare ad allenarti per migliorare. Il motivo che ti spinge a praticare dovrebbe essere la sensazione di fare qualcosa di bello e utile per te stessa, portando il tuo corpo, la tua mente e la tu anima in armonia. D’altronde, anche i veri yogi non smettono mai di imparare… e praticare!

Mangiare prima

Quando si pratica yoga, come qualsiasi altro sport, è meglio non abbuffarsi prima di iniziare. Uno spuntino è, ovviamente, concesso e quasi raccomandato: una banana, una mela o un frutto di stagione vanno bene ma sarebbe meglio non esagerare con le porzioni.

Questo significa che il tuo corpo non sarà impegnato nella digestione durante la pratica, e le varie posizioni che assumerai (alcune non proprio comode, come le inversioni) saranno più piacevoli da mantenere a stomaco vuoto.

Fare asana per cui non sei pronta

Uno degli errori più comuni è quello di voler affrettare i tempi, costringendo il proprio corpo ad eseguire asana per cui non è ancora pronto. Praticare yoga non significa sforzarsi e fare solo sequenze complesse: questa disciplina, infatti, è un allenamento per il corpo, ma anche per la mente, e aiuta a conoscersi sotto tutti i punti di vista. Prenditi del tempo per ascoltare il tuo corpo e le sue esigenze, senza costringerti a posizioni che ancora non riesci a fare. Il segreto è scegliere la pratica giusta per il momento che stiamo vivendo.

Yoga: 10 errori tutti i principianti fanno e come evitarli

Sbagliare l’allineamento

Chi si allena soltanto per raggiungere una perfetta forma fisica dovrebbe ricordarsi che ci sono tanti modi per costruire massa muscolare (e lo yoga non serve soltanto a questo). Il punto di partenza per mostrare un corpo tonico e allenato è l’alimentazione: mangiare male non soltanto mette a rischio la salute ma distrugge tutti i benefici che le sessioni di yoga hanno sul corpo.

Ignorare i dolori

La pratica dello yoga ha il potere di curare molti dolori dell’apparato muscolo scheletrico, ma se svolta in modo non corretto rischia di crearne. Sii sempre attenta ai messaggi che il tuo corpo ti manda, ascoltalo e non ignorare eventuali campanelli d’allarme: se avverti qualcosa di strano parlane con la tua insegnante che saprà correggere eventuali errori nella tua postura e consigliarti. Se ignori i segnali che ti invia il tuo corpo potresti avere conseguenze nel futuro, meglio affrontare un dolorino oggi che un infortunio domani.

Fermarsi troppo presto

 Non importa se non riesci a praticare tutti i giorni, è fondamentale però che, quando si decide di spiegare il tappetino e dedicarsi allo yoga, lo si faccia completamente. Non avere fretta di finire le posizioni: ogni lezione è un ciclo e interrompere la pratica a metà o prima che finisca, è un errore perché non ti consentirà di raggiungere l’obiettivo prefissato. Pratica, quindi, solo quando sei certa di avere il tempo necessario per completare tutti gli asana della lezione.

Trascurare il respiro

La respirazione, quando si pratica yoga, è fondamentale. Il problema accomuna tutti gli sport: spesso chi pratica si ‘dimentica’ di respirare mentre esegue le posizioni più intense. Ma il respiro è funzionale agli asana: senza di esso, infatti, le posizioni vengono inficiate e tutti gli sforzi saranno stati vani.

Yoga: 10 errori tutti i principianti fanno e come evitarli

Non fare Savasana

Al termine della pratica, non trascurate la posizione di Savasana, conosciuta anche come il ‘cadavere’. Si tratta della asana con cui si conclude la pratica, durante la quale il corpo assimila i benefici derivanti dalle posizioni assunte. Spesso i principianti pensano che sia un ‘banale’ e noioso rilassamento, ma non è così: questo momento serve per capire appieno il significato di quanto si è appena fatto. 

Non credere abbastanza in te stessa

Di fronte a posizioni non sempre semplici, la tentazione di gettare la spugna e arrendersi è spesso molto forte. Ma se una posizione non ti riesce o se non percepisci sin da subito i benefici che lo yoga apporta al corpo e alla mente, non devi abbatterti: credi di più in te stessa e nelle tue capacità e vedrai che otterrai dei risultati incredibili.