Matrimonio, convivenza, differenze caratteriali e/o di venute, cambiamenti di varia natura. Quando si parla di coppie e di motivi per cui possono nascere discussioni e diverbi anche pesanti, il ventaglio delle possibilità è davvero ampio. Sia nelle relazioni appena nate sia in quelle che sembrano essere più consolidate.  Soprattutto quando si parla di un cambio vita radicale come quello che avviene quando si sceglie di allargare la famiglia o di non farlo. Per esempio nel caso in cui lui voglia un altro figlio e tu, invece, no.

Spesso, infatti, si pensa che il problema nasca solo a parti inverse, nel momento in cui il desiderio non condiviso arrivi da lei. Ma non è sempre così. Anzi. Capita molto spesso che siano gli uomini a volere un altro figlio mentre la donna preferisca non farlo per le più svariate ragioni, una fra tutte la perdita di un equilibrio tanto faticosamente ritrovato a seguito delle altre gravidanze e a cui non si vuole più rinunciare. Ma come fare, quindi, per superare questo possibile ostacolo nella coppia ed evitare che il vostro rapporto ne risenta?

Parlarne

La prima cosa da fare quando lui vuole un altro figlio e voi no, è quello di parlarne, affrontando l’argomento. Ma parlare di cosa? Dei motivi che spingono entrambi a volere o non volere allargare la famiglia. Se il desiderio di avere un figlio, infatti, è profondo e radicato, può essere che una volta compreso possa farvi cambiare idea, esattamente come può accadere il contrario. Se le vostre motivazioni per cui non volete intraprendere un’altra gravidanza sono profonde e realmente importanti per voi, è solo parlandone che il vostro compagno potrà comprenderle. Trovando insieme la giusta soluzione e assecondando il vostro desiderio.

Non cedete

Parando poi di assecondare è bene sottolineare una questione importante. Se siete forti nel vostro non volere un altro figlio non cedete. Mettete sul tavolo tutte le vostre motivazioni e se queste non vengono comprese o accettate non sentitevi obbligate a soddisfare la richiesta del partner. La scelta di avere un altro figlio deve essere condivisa da entrambi, soprattutto da chi dovrà affrontarne il carico maggiore sia a livello fisico che emotivo. Se non lo volete, quindi, non fatelo. E se  non verrete capite o ascoltate, forse è bene che rivediate qualche dettaglio del vostro rapporto e della persona con cui state. Scegliendo cosa fare.

Valutare insieme le tempistiche

E se si trattasse solo di tempistiche? Il non desiderare un altro figlio da parte vostra, infatti, potrebbe essere una decisione riferita a un determinato momento. Un periodo in cui magari siete concentrate maggiormente sulla vostra carriera, in cui non vi sentite ancora pronte per una nuova gravidanza, ecc. Se così fosse, la cosa migliore da fare è solo una, comunicare al partner che il vostro no, è solo momentaneo e non assoluto e/o definitivo. E che questo suo desiderio, quando sarà anche il vostro, potrà essere realizzato con la volontà di entrambi.

Un altro figlio? Pro e  contro

La scelta di avere un figlio è una delle più importanti nella vita di una coppia. E questo perché, inevitabilmente, l’arrivo di un’altra persona va a scombussolare l’equilibrio della coppia stessa. I ritmi, le abitudini, l’intimità ecc. Se poi si parla di avere un altro figlio la cosa si complica ulteriormente. Perché tutto questo va a modificarsi nuovamente. Magari dopo aver ripristinato una parvenza di “normalità” tra partner dopo tanti sacrifici da entrambe le parti. Ecco perché, prima di decidere cosa fare e anche per valutare meglio la cosa, è bene capire i pro (tantissimi) ma anche i contro di questa decisioni, che ci sono e non possono essere trascurati.

Capendo esattamente quello che si andrà ad affrontare e quali sono le conseguenze relative al proprio desiderio. Per verificare se è davvero quello che si vuole o non si vuole e capire insieme cosa fare e come proseguire la propria vita di coppia.