Progetto 333: come tenere in ordine l’armadio con il metodo minimalista

Conosci il metodo 333? Scopri la strategia per un armadio sempre in ordine

Quanto tempo impieghi ogni mattina per decidere come vestirti? Courtney Carver, scrittrice e fotografa americana, crea una rivoluzione nelle sue abitudini quotidiane quando le viene diagnosticata la sclerosi multipla. «Ho scoperto che possiamo ridurre il nostro stress quotidiano, godere di un maggior benessere e vivere con più leggerezza grazie a uno stile di vita più essenziale» spiega nel suo blog Be More With Less.

Nel 2010 nasce il progetto Minimalist Fashion Project 333 – be more with less, oggi diventato un metodo per imparare a liberarsi del superfluo.

L'armadio minimalista con 33 oggetti

Sì, 33 oggetti e non di più. In questo numero sono compresi vestiti, scarpe e accessori. Al contrario, non fanno parte del conteggio gioielli a cui siamo legati, come la fede nuziale o ricordi di famiglia, pigiami e intimo, indumenti per stare in casa o da lavoro.

Il primo passo per iniziare, come spiega l'autrice, è scegliere i 33 capi e impacchettare il resto, riponendo le scatole degli oggetti avanzati lontano dalla vista.

33 capi di abbigliamento per vestirsi 3 mesi

Il guardaroba con i 33 oggetti selezionati ti servirà per i prossimi tre mesi. È possibile fare uno scambio se ci si accorge che qualche capo è rotto o non si rivela realmente adatto alle tue esigenze.

Nel frattempo, scoprirai che vivere con meno vestiti non solo è possibile, ma attuerà un cambiamento positivo nella routine quotidiana: armadio più vuoto e organizzato, meno tempo per scegliere cosa indossare, più velocità nel fare le pulizie e tenere tutto in ordine.

Come applicare il metodo 333

Imparare a fare ordine, nell'armadio e in casa, semplifica la vita e... fa risparmiare!

Dalle ricerche emerge che una donna in media usa il 20% dell'abbigliamento presente nell'armadio. Secondo Courtney Carver per realizzare il metodo 333 è importante fare un inventario e iniziare a creare il proprio piccolo guardaroba a partire da ciò che amiamo di più: indossare un capo che ci fa sentire bene è gratificante.

In fondo questo è uno dei motivi per cui ci sono vestiti che tendiamo a scegliere spesso, i nostri capi preferiti, e altri che non utilizziamo mai.

Se anche tu hai maglioni con il cartellino attaccato o pantaloni fuori taglia sepolti in un cassetto è il momento giusto per cogliere l'occasione e fare pulizia del superfluo. Il vantaggio è doppio. Da una parte sarà più facile e veloce gestire il guardaroba, dall'altra inizierai a scegliere in modo diverso i tuoi capi: meno quantità, più qualità.

Riproduzione riservata