Euforbia: come coltivarla e renderla bellissima

Credits: Shutterstock

Una bellissima Euforbia Cyparissias.

Credits: Shutterstock

L' Euforbia Pulcherrima, più nota come "Stella di Natale".

Credits: Shutterstock

Una bellissima Euforbia Amygdaloides.

Credits: Shutterstock

L' Euforbia Aggregata.

Credits: Shutterstock

L' Euforbia Milii, anche chiamata "Spina di Cristo".

Credits: Shutterstock

Il bellissimo fiore di una Euforbia Cyparissias.

Credits: Shutterstock

Un' Euforbia Agraria.

Credits: Shutterstock

Il dettaglio del fiore di una Euforbia Agraria.

Credits: Shutterstock

Una bellissima Euforbia Myrsinites.

Foto

Conosci l’euforbia? Ecco tutto quello che devi sapere per renderla la regina del tuo verde casalingo

Cosa è l'euforbia?

Quando parliamo di euforbia dire che si tratta di una piante è in realtà errato. L’euforbia infatti non è una pianta, ma un genere che racchiude al suo interno un grande numero di specie che variano da quelle erbacee fino a quelle più grandi legnose.

La caratteristica che accomuna tutte queste piante è il fiore, che è piccolo e unisessuale. Quasi tutte le specie di euforbia hanno poi la caratteristica di produrre, se incise, una sostanza bianca, urticante e velenosa da cui si ricava la gomma e il caucciù. Per il resto vi si trovano piante davvero molto diverse ed eterogenee: grasse, non grasse, simili a veri e propri cactus, con vere e proprie foglie, a cespuglio, ricadenti o ad albero.

Le fioriture di queste piante sono spesso molto belle, anche se, a dire la verità, non dovute ai veri e propri fiori, ma alle cosiddette “brattee”, cioè alle foglie che circondano il fiore e che mutano di colore.

Stella di Natale: l'euforbia più famosa

Pensi di non aver mai avuto in casa un’euforbia? Errore. La più famosa infatti è forse la pianta più comune e diffusa nelle nostre case, anche se solo per un periodo limitato dell’anno: l’Euphorbia Pulcherrima, cioè la comune Stella di Natale. Se ci fai caso infatti la stella di Natale non ha dei veri e proprio fiori, ma delle foglie che diventano rosse.

Le varietà di euforbia più diffuse

Oltre alla Pulcherrima ci sono altre specie di euforbia molto comuni nei nostri vasi e giardini. Sono l’euforbia arborea e l’euforbia spina di Cristo (puoi vedere le foto nella gallery). La prima è una pianta che cresce rigogliosa in cespugli verdi in inverno e più secchi e “scheletrici” in estate con piccoli fiori gialli che fioriscono fra aprile e giugno.

La seconda è una deliziosa pianta grassa perfetta anche per la coltivazione in appartamento, caratterizzata da tronchi legnosi e pieni di grosse spine sormontati da ciuffi verdi di foglie e da piccoli fiori rosso ciliegia.

Come coltivare l’euforbia

Tutte le varietà di euforbia sono generalmente forti, resistenti e facili da coltivare. Necessitano di essere annaffiate con regolarità, soprattutto in presenza di clima caldo e asciutto, e amano la luce, quindi scegli per loro una posizione luminosa, evitando se possibile il pieno sole.

Ricorda inoltre che resistono bene anche ai freddi intensi, ma in caso di gelate potrebbero soffrire e morire. Predisponi delle coperture o porta i vasi al riparo se il termometro scende sotto i 4 gradi!

Proprietà terapeutiche dell'euforbia

L’euforbia, in particolare la varietà Peplus, è una valida alleata naturale contro vesciche, verruche e piccole lesioni della pelle. A contenere le preziose virtù terapeutiche la sua linfa bianca, ottenibile semplicemente incidendone il fusto.


Riproduzione riservata