Piante grasse da esterno: le specie più resistenti

Semperivivum Credits: Corbis
01/06
Foto

Alcune piante grasse possono vivere fuori casa anche in inverno perchè sono particolarmente resistenti: ecco quali sono

Le piante grasse da esterno più resistenti

Le piante grasse non smettono di sorprenderci. Versatili e resistenti, sopravvivono praticamente in ogni condizione climatica: basta scegliere le specie giuste. Non tutti sanno che alcune piante grasse sono prettamente da esterno proprio perchè sono molto resistenti al freddo e possiamo quindi tenerle in vaso sul balcone per tutto l'anno.

In particolare se vivi in zone geografiche in cui, d’inverno, le temperature sono molto rigide non disperare! Ci sono le piante grasse perfette anche per te.
Queste specie resistono tranquillamente quando il termometro va sotto lo zero perché sono originarie di paesi in cui gli sbalzi climatici - anche intensi - sono all’ordine del giorno e richiedono la sola accortezza di essere posizionate in una zona riparata dalle piogge, perché il loro nemico numero uno non è il gelo, bensì il terreno bagnato.

Semperiverum

I semperiverum sono piante grasse appartenenti alla famiglia delle crassulacee, e contano alcune decine di specie anche con morfologie piuttosto differenti a seconda del luogo in cui vivono. Generalmente si riconoscono per le fitte rosette carnose di piccole dimensioni - dai 3/4 cm a un massimo di 20 cm di diametro - con foglie triangolari e appuntite, di colori che variano dal verde molto chiaro al rosso porpora. Il loro nome ci dice molto sulla loro rusticità: crescono praticamente dappertutto, in qualunque condizione climatica, prediligendo però il sole e i terreni ben drenati. Non necessitano di annaffiature - basta la pioggia - e possono essere tranquillamente coltivate, sia in terra che in vaso, durante tutto l’arco dell’anno. Sono tra l'altro piante longevissime, che salvo disastri possono vivere anche per decenni.

Opunzie o fichi d'India

Meglio conosciute come fichi d’India per via dei loro famosi frutti, le opunzie grasse fanno parte della famiglia delle cactacee e dal Messico, loro paese di origine, si sono diffuse praticamente un po’ ovunque grazie alla loro bellezza e alla loro incredibile rusticità. Generalmente amano il sole e preferiscono i terreni ben drenati, ma resistono anche a temperature di parecchi gradi sotto lo zero. Assicurati, se possibile, di piantarle o posizionare i vasi in un posto riparato dalla pioggia perché l’unica cosa che non amano è il terreno bagnato e gelato!

Agave

Le agavi sono piante grasse che fanno parte della famiglia delle succulente. Si riconoscono per le grandi foglie spesse e piuttosto dure, spesso sormontate da una spina e “seghettate” lungo i bordi. Sono originarie dell’America del sud ma si sono rapidamente sviluppate nel nostro continente, privilegiando il clima mediterraneo.

La loro rusticità dipende moltissimo dalla varietà: generalmente preferiscono che il termometro non si abbassi sotto i 5° gradi, ma alcune specie molto diffuse come l’agave americana o la Victoriae-Reginae sono a loro agio perfino con temperature inferiori ai dieci gradi sotto zero! Anche in questo caso evita solo i ristagni d’acqua e la vedrai bella e rigogliosa anche coperta di neve.

Sedum

Il sedum è una pianta succulenta definita “tappezzante”, perché si sviluppa appunto allargandosi da un nucleo centrale e ricoprendo le superfici libere limitrofe. È caratterizzata da lunghi fusti carnosi e da foglie generalmente tondeggianti, con un colore che varia dal verde brillante fino a prendere sfumature rossastre durante i mesi freddi. Ha tendenza infestante e non teme proprio nulla: freddo, caldo, gelo, umidità, secco, le sedur non si fermano davvero davanti a nulla, caratteristica che le rende molto usata nei giardini rocciosi.


Echinocactus grusonii o cusino della suocera


Conosciuta anche come “cuscino di suocera”, questa famiglia di piante grasse fa parte delle cactacee, con grosse e appuntite spine di colore giallo. È piuttosto rustica ma resiste a temperature che si mantengono sopra lo zero. In caso contrario meglio ritirarla in un ambiente più caldo o crearle un riparo.


Mammilaria


La mammillaria è uno dei gruppi di cactacee più numerosi e conta più di trecento specie. Sono piante di origine ancora una volta sudamericana, molto diffuse oggi in tutto il mondo per la loro facilità di coltivazione e perché in primavera fioriscono in abbondanza. Come molte cactacee sopportano temperature invernali anche vicine agli zero gradi, con l’accortezza di essere tenute in una zona ben secca e priva di umidità, soprattutto per quanto riguarda il terreno.

Riproduzione riservata