Guida alle piante grasse: scegli le tue preferite

Guida alle piante grasse: scegli le tue preferite

  • 06 03 2023

Ecco alcune delle varietà di piante grasse più facili da trovare nei vivai, per decorare casa con un tocco di natura esotica: ecco i nomi e le foto per riconoscerle

Le piante grasse sono amatissime perchè oltre a essere molto decorative – sia per gli interni che in esterno – sono davvero facili da coltivare e richiedono pochissime cure e pochi accorgimenti.

Decorare casa con le piante grasse (dette anche succulente) e con i cactus è facile e rilassante, e in più con le piante grasse possiamo creare composizioni, o semplicemente decorare angoli di casa creando un’atmosfera esotica e allegra. Iniziamo il nostro viaggio nel mondo delle piante grasse andando a vedere quali sono i tipi di piante più comuni, a partire dai loro nomi con le relative foto e immagini per imparare a riconoscerle e sapere quali acquistare. 

Piante grasse da interno

Le piante grasse da interno danno un tocco di colore alla tua casa e ti permettono di arredare alcuni angoli in modo semplice, originale e poco costoso. Un grande vantaggio è anche quello che le piante grasse da interno purificano l’aria della stanza. Queste piantine vanno tenute a una temperatura sempre superiore ai 13 gradi e posizionate in un punto della casa luminoso (anche se non in pieno sole), come per esempio un davanzale o su un mobile vicino alla finestra. Attenzione poi all’innaffiatura: la quantità di acqua da fornire alle piante grasse dipende dalla loro tipologia. Tra le tipologie più belle di piante grasse indoor troviamo l’aloe vera, l’opuntia, l’echeveria, l’ euphorbia e la crassula.

Guida alle piante grasse: scegli le tue preferite

Piante grasse da esterno

Se volete decorare e abbellire un terrazzo o un balcone, le piante grasse da esterno sono il modo perfetto. Ma dovete fare attenzione a scegliere solo quelle che resistono bene alle temperature più rigide e avere delle accortezze particolari. Il terreno, innanzitutto, deve essere poroso e drenante, da innaffiare solo quando è completamente asciutto. Vanno poi posizionate in punti soleggiati. Nei mesi molto freddi, quando la notte le temperature scendono anche sotto lo zero e si verificano delle gelate, è consigliabile coprire le piante grasse con un telo protettivo apposito. Le più famose piante grasse da giardino o balcone sono il sempervivum tectorum, la rebutia minuscula, l’agave, la mammillaria zeilmanniana e il mesembriantemo.

Come curare le piante grasse

VEDI ANCHE

Come curare le piante grasse

Piante grasse con fiori

Molte piante grasse regalano fioriture coloratissime e spettacolari, nel periodo compreso tra la primavera e l’estate. Talvolta il processo può richiedere molti anni, perché le piante grasse fioriscono solo al termine del loro ciclo di maturazione. In altri casi, invece, i fiori appaiono già dopo un anno. In base alla varietà, poi, cambia il periodo di tempo in cui i fiori restano visibili: in alcune solo qualche giorno, in altre anche 3-4 mesi. I colori dei fiori sono caldi e spaziano dal giallo all’arancione, dal rosso al rosa. Le più famose piante grasse che producono fiori sono il cactus di Natale, la mammillaria, l’echeveria, l’euphorbia, la rebutia minuscula, il delosperma, l’ astrophytum e il sedum palmeri.

Le piante grasse più comuni: i nomi e le foto

Ma ora scopriamo insieme quali sono le piante grasse più comuni, che spesso troviamo in vendita anche nei supermercati e non solo nei vivai specializzati. Queste piante sapranno regalare un angolo di verde ovunque decidiate di posizionarle!

Arredare con le piante grasse: le più belle e facili da curare sono queste

VEDI ANCHE

Arredare con le piante grasse: le più belle e facili da curare sono queste

Cactus o albero del deserto

Nome comune: Albero del deserto
Nome botanico: Trichocereus smirthianum
Famiglia: Cactaceae Ancor più comunemente è identificato come cactus. E’ una delle piante grasse più comuni e amate, si sviluppa in altezza e necessita di pochissime cure. Attenzione però alle spine.

Coda di volpe

Nome comune: Coda di volpe
Nome botanico: Aporocactus flagelliformis
Famiglia: Cactaceae

E’ un tipo di cactus particolarmente decorativo e che sta bene in balcone o in un vaso sospeso: si tratta infatti di una pianta pendente, e che diventa particolarmente bella quando fiorisce.

Cactus di Pasqua

Nome comune: Cactus di Pasqua
Nome botanico: Rhipsalidopsis gaertnerii
Famiglia: Cactaceae

Anche il cosidetto cactus di Pasqua va annoverato tra le piante grasse più decorative, e come la coda di volpe cresce con “rami” molli, che vanno a formare una pianta pendete, con splendidi fiori: insomma anche in questo caso obbligatorio un balcone oppure un vaso appeso.

Cactus di Pasqua

Cactus di Pasqua

Cactus di Natale

Nome comune: Cactus di Natale
Nome botanico: Schlumbergera ibrido
Famiglia: Cactaceae

Estremamente simile al cactus di Pasqua, si chiama così perchè fiorisce proprio tra dicembre e gennaio, cioè in corrispondenza delle feste natalizie. Predilige temperature calde (circa 20 gradi), quindi è perfetto da tenere in appartamento in inverno, preferibilmente esposto alla luce per prolungare la splendida fioritura.

La poltrona della suocera o cuscino della suocera

Nome comune: Poltrona della suocera
Nome botanico: Echinocactus grusonii
Famiglia: Cactaceae

E’ il classico cactus di forma circolare, cresce molto in larghezza ed è completamente ricoperto di spine, sulle quali molti di noi farebbero volentieri sedere qualcuno di molto antipatico – da qui l’ironico nome che cita le suocere. Questi cactus vivono benissimo in vaso e richiedono pochissime cure, in più quando superano i 15 anni di età cominciano a fiorire, con splendidi fiori gialli dall’aspetto cotonoso.

Cuscino della suocera

Cuscino della suocera

Sassi viventi

Nome comune: Sassi viventi
Nome botanico: Lithops
Famiglia: Aizoaceae

Queste piante grasse sono originarie dell’Africa Meridionale, e sono abituate a vivere nei climi desertici: anche e soprattutto per questo sopravvivono per anni e anni richiedendo scarsissime cure. Il loro aspetto somiglia davvero a dei sassi, ma possono anche fiorire.

Testa di vecchio

Nome comune: Testa di vecchio
Nome botanico: Cephalolocereus senilis
Famiglia: Cactaceae

Così chiamato per la sua superficie lanuginosa che ricorda i capelli bianchi degli anziani.

Cactus testa di vecchio

Cactus testa di vecchio

Orecchie d’elefante

Nome comune: Orecchie d’elefante
Nome botanico: Kalanchoe beharensis
Famiglia: Crassulaceae

E’ un tipo di pianta grassa il cui aspetto si avvicina più a quello delle piante normali, e ne esistono numerosissime tipologie, tutte perfette come piante da appartamento.

Porcellana

Nome comune: Porcellana
Nome botanico: Portulaca grandiflora
Famiglia: Portulacaceae

La portulaca, conosciuta anche come porcellana o come porcacchia, in realtà non è una vera e propria pianta grassa, anche se alla piante grasse viene assimilata per via delle sue foglie carnose. In estate fiorisce con dei deliziosi fiorellini gialli che di notte si chiudono.

Portulaca

Portulaca

Spina Christi

Nome comune: Spina Christi
Nome botanico: Euphorbia milii
Famiglia: Euphorbiaceae

Ricca di foglie (ma anche di spine): è composta da arbusti spinosi che crescono in altezza, mentre foglie e fiori crescono solo sulla sommità.

Rosa del deserto

Nome comune: Rosa del deserto
Nome botanico: Adenium obesum
Famiglia: Apocinaceae

Si tratta di una pianta grassa tropicale, che alla vista ricorda molto un bonsai e si contraddistingue per i suoi splendidi fiori fucsia.

Rosa del deserto

Rosa del deserto

Ragnatela

Nome comune: Ragnatela
Nome botanico: Sempervivum arachnoideum
Famiglia: Crassulaceae

Una delle piante grasse in assoluto più amate: la cosidetta ragnatela si contraddistingue per il suo aspetto davvero molto ornamentale, e per il fatto che non ha spine. In più si tratta di una pianta incredibilmente longeva, che resiste davvero a tutto – e seppur di rado fiorisce in modo delizioso.

Berretta del vescovo

Nome comune: Berretta del vescovo
Nome botanico: Astrophitum myriostigma ornatum
Famiglia: Cactaceae

La sua forma a “globo” è inconfondibile, e si tratta di un particolare tipo di cactus, di rado fiorisce, e i suoi fiori sulla sommità durano di solito 4 o 5 giorni.

Berretto del vescovo

Berretto del vescovo

Fico d’india

Nome comune: Fico d’India
Nome botanico: Opuntia ficus-indica
Famiglia: Cactaceae

Anche il fico d’india è una varietà di cactus, e si distingue per il suo frutto, anche se arriva dal Centroamerica attualmente è diffusissima in tutto il mediterraneo.

Riproduzione riservata