Cucinare i friggitelli: ricette coi peperoncini verdi dolci

Tipici della cucina del Sud, i friggitelli o friarelli (ovvero i piccoli peperoni verdi dolci dalla forma allungata a sigaretta) sono di stagione lungo tutta l'estate da giugno a settembre e tradizionalmente, soprattutto a Napoli e in Campania, si preparano fritti in padella. Impara a cucinarli in tante altre ricette: ripieni, al forno, nel sugo per la pasta coi pomodorini e non solo.

Cosa sono i friggitelli

Dolci e carnosi, i friggitellifriarelli (da non confondere con i friarielli, il nome napoletano dato alle infiorescenze della cima di rapa) sono peperoni verdi di forma allungata e piccole dimensioni (circa 10 cm in tutto). Sono chiamati così in molte zone del Sud per l’abitudine di friggerli interi, senza eliminare i semi e il picciolo. La loro produzione è concentrata in effetti in Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. Qui sono coltivati e raccolti a mano staccando a mano a mano i frutti maturi nel periodo da giugno sino fino a settembre.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, puoi tranquillamente considerare i friggitelli alimenti ipocalorici: 100 grammi di peperoncini verdi apportano solo 22-23 calorie. Ma tutto dipende, naturalmente, da come vengono cucinati... Sono inoltre ricchi di vitamina C (ne contengono molto più degli agrumi), di vitamina A e di calcio ma è meglio non consumarli in grandissime quantità o il rischio, soprattutto se non si elimina la pelle, è di avere difficoltà nella digestione.

Come sceglierli

Al momento dell'acquisto verifica che la loro buccia sia lucida e tesa, la polpa soda al tatto e il picciolo turgido e di un bel colore verde brillante. I friarielli migliori sono quelli giovani: freschi sono molto croccanti e si spaccano con uno schiocco; se si piegano senza rompersi significa che sono stati colti già da un po' di tempo; se il loro colore vira al rosso amaranto significa che sono stati colti sovramaturi. Per quanto riguarda la conservazione, a casa si mantengono fino a 4 giorni: chiudili in un sacchetto di carta e riponili nella parte meno fredda del frigorifero.

Come pulirli

I friarelli più piccoli e stretti vengono tradizionalmente fritti senza ripieno. Essendo molto dolci, non occorre togliere i semi: si mangiano interi in un sol boccone! Se invece hai per le mani dei peperoncini verdi lunghi almeno 10 cm e vuoi farcirli sappi che esiste una tecnica (semplicissima) per pulire i friggitelli senza romperli. Procedi così: una volta lavati sotto acqua corrente, asciugali, taglia loro la calotta e sollevala per il picciolo in modo da staccare il torsolo. Elimina quest'ultimo e togli tutti i semini rimasti all'interno molto delicatamente.

Le ricette con i friggitelli

peperoncini verdi dolci sono ottimi in tantissime ricette sia cotti che crudi. Puoi provarli nella insalata, abbrustoliti in forno, stufati con altre verdure di stagione, aggiunti nei sughi della pasta, adagiati sulla pizza o nelle conserve sott'olio e sott'aceto. Puoi cuocere friggitelli, patate e cipolle in padella e preparare un ottimo contorno e li puoi inserire tra gli ingredienti della classica peperonata o del gazpacho spagnolo.

Peperoncini verdi fritti

Come già abbiamo accennato, la ricetta napoletana dei friggitelli li vuole cucinati in padella, praticamente fritti. Non è necessario né pulirli internamente né lessarli in precedenza, ti basta lavarli con cura e friggerli in un dito di olio bollente. Una volta cotti, sgocciolali e falli asciugare su carta per fritti in modo da eliminare l'unto in eccesso. Una spolverata di sale e sono pronti da gustare!

Friggitelli ripieni

Cerchi il tocco di sapore in più? Una prelibatezza tipica sono i friggitelli ripieni e fritti farciti per esempio con un battuto di acciughe e capperi, con della gustosa salsiccia oppure con del ragù di carne.

La ricetta pugliese dei friarelli ripieni e fritti prevede una farcia a base di pane raffermo, capperi dissalati, aglio, prezzemolo, pecorino, uovo, pepe e olio extravergine d'oliva. Puoi preparare anche dei friggitelli ripieni, impanati e fritti alla ligure. In questo caso la ricetta tradizionale vuole che la farcia sia a base di pane grattugiato. Per la panatura basta della semplice farina ma nel caso tu voglia affidarti a una pastella puoi mescolare in una ciotola fecola di patate e farina in parti uguali, aggiungi la necessaria birra fredda e un pizzico di sale, sbatti con una piccola frusta fino eliminare tutti i grumi e lascia riposare per una decina di minuti.

Friggitelli al forno

Ma i peperoncini verdi dolci sono ottimi anche al forno! Per preparare al volo dei golosi friggitelli al forno puoi amalgamare in una ciotola mollica di pane sbriciolata, pecorino grattugiato, qualche filetto di acciuga e dei capperi dissalati e tritati, aglio sminuzzato a piacere e poco olio extravergine d'oliva. Lava e asciuga i peperoncini verdi dolci, sistemali in una teglia da forno, ungili d'olio, aggiusta di sale, pepe e cospargeteli con il trito preparato. Falli cuocere in forno fino a quando il ripieno comincerà a dorare.

Sughi per la pasta

Con i friarelli si possono preparare innumerevoli sughi per la pasta. L'unico limite in questo caso è la fantasia! Se cerchi una ricetta facile e veloce puoi semplicemente decidere di ripassare in padella per un paio di minuti i peperoncini verdi fritti (anche avanzati) con uno spicchio di aglio, qualche diavolicchio (peperoncino calabrese piccante) intero e dei pomodorini freschi tagliati a metà. Avrai un intingolo saporito perfetto per condire la pasta secca come la pasta fresca. Senza contare che i friggitelli al pomodoro sono ottimi anche così!

Ma puoi preparare una carbonara speciale con uova, pancetta, friarelli e caciocavallo oppure condire penne, spaghetti, orecchiette e cavatelli anche con un sugo di salsiccia e peperoncini verdi. Falli saltare in una padella con olio extravergine d'oliva, cipolla o aglio, qualche foglia di allora e abbondante salsiccia sbriciolata. 

Siamo comunque in estate e sei in cerca di una ricetta lightCon i friggitelli crudi puoi creare anche un ottimo sugo freddoPulisci i peperoni, lavateli, privateli del torsolo e dei semi, sciacquali e tritateli molto grossolanamente. Pulisci, lava e sminuzza anche dei pomodori. Riunisci le verdure in una ciotola condisci con olio extravergine d'oliva, una spolverizzata di prezzemolo ed erba cipollina. Regola di sale e pepe, aggiungi la pasta calda e completa il piatto con della ricotta dura o un altro formaggio grattugiato. Che bontà!

Riproduzione riservata