1/6 – Introduzione

Se è vero che al giorno d’oggi i bambini sono sempre più orientati verso giochi tecnologici e video games, è altrettanto vero che se vengono stimolati verso le attività più fisiche e di gruppo, ritrovano subito la passione per questo tipo di giochi. Le attività all’aperto sono salutari per il corpo e per la crescita psicologica, stimolano creatività e fantasia e sono al tempo stesso uno sfogo ed un importante momento di formazione. Ecco quali giochi fare!

2/6 Occorrente

  • fazzoletto o bandierina
  • fune
  • contenitori di varie dimensioni
  • palline
  • palloncini

3/6

I giochi all’aria aperta, sono uno strumento di intrattenimento che, oltre a favorire la socializzazione, rinforzano l’organismo e le difese immunitarie; il sole ed il movimento sono un vero toccasana, specie se svolti in luoghi idonei e salutari e nelle ore ottimali della giornata. Da evitare le ore più calde, nel periodo estivo e le ore più fredde nei periodi invernali ed autunnali, prediligendo spazi aperti nel verde della natura. I giochi all’aperto, costituiscono un modo piacevole, per far trascorrere ai bambini delle simpatiche ore in allegria.

4/6

Alcuni simpatici giochi sono i seguenti: “riempire la bacinella”, in cui ci saranno due squadre con i relativi contenitori da riempire d’acqua, attraverso un cucchiaio che funge da mezzo di trasporto della stessa, portato con la bocca; “centro con le palline”, in cui il contenitore sarà una cesta di piccole dimensioni, da centrare con palline da tennis o ping pong, lanciate da una determinata distanza, e ancora, riuscire a forare, nel minor tempo possibile, il numero maggiore di palloncini, appesi ad un filo, mediante un bastone, provvisto alla sua estremità di un piccolo spillo. Oltre a questi ci sono sempre i grandi classici, come “palla prigioniera“, “strega comanda colore” e l’intramontabile nascondino.

5/6

Infine tra i giochi all’aperto, più amati dai bambini di tutte le età, ed adatti anche alle persone più grandi, possiamo ricordare il classico “ruba bandiera”: si effettua a squadre, ponendo un capo bandiera, atto a sorreggere un fazzoletto o una bandierina, il quale chiamerà dei numeri, corrispondenti alle relative coppie di giocatori avversari. Il primo che acciuffa la bandiera, senza commettere falli e rientra nella sua postazione, senza essere raggiunto e toccato dall’avversario “perdente”, aggiudicherà il punto alla sua squadra. Altro gioco gradevole, è il “tiro alla fune”, che si pratica ponendo due squadre avversarie alle due estremità della fune, la squadra che riuscirà ad applicare una forza maggiore, e superare la linea di limite segnalata al suolo, si aggiudicherà la vittoria.

6/6 Consigli

  • Adattiamo i giochi alle diverse età e competenze dei bambini, facendo in modo che nessuno venga escluso