Comportamenti strani del gatto

5 comportamenti strani del gatto che sono delle dimostrazioni d’affetto

Non è sempre facile capire cosa vuole dirci il nostro amico a quattro zampe: ecco 5 comportamenti strani del gatto con i quali vuole in realtà comunicarci il suo affetto per noi.

A volte può capitare di accorgerci di alcuni comportamenti strani del gatto, che facciamo fatica a spiegarci. In realtà, anche quelli che sono dei gesti apparentemente inspiegabili celano il suo profondo affetto per noi, un amore che non può dimostrarci a voce (a meno che non si lanci in qualche miagolio sonoro).

Il meraviglioso mondo dei gatti, in effetti, può sembrare strano e affascinante: a volte i nostri amici a quattro zampe si atteggiano in modo davvero bizzarro, tanto che ci chiediamo cosa mai vogliano comunicarci. Ebbene sì, nella maggior parte dei casi tutti questi sono dei veri e propri gesti d'amore, di cui non possiamo che essere grati.

E non stiamo parlando delle classiche fusa, quel dolcissimo rumore che simboleggia grande serenità nei mici. Ecco alcuni comportamenti strani del gatto che sono una dimostrazione d'affetto, anche se a volte difficili da interpretare.

Strusciarsi tra le gambe

Quando rientriamo in casa, ecco che il nostro gatto si fionda ad accoglierci: in un attimo, ce lo troviamo tra le gambe che si struscia con insistenza, facendo grandi fusa e rischiando addirittura di farci inciampare. Non tutti lo sanno, ma è solamente una questione di chimica. I gatti hanno infatti ghiandole sul viso che producono feromoni dal forte odore (che possono sentire solamente gli appartenenti alla stessa specie).

Strusciando il musetto sulle nostre gambe, il micio di casa non fa altro che marcare il territorio, lasciando il suo profumo su di noi. "Questo umano è mio" - sembra voler dire il nostro amico peloso, invitando tutti gli altri gatti a restarne ben alla larga, per non incappare in qualche inconveniente. È il modo in cui ci rivela di sentirsi a proprio agio con noi, di essere calmo e sereno nel suo ambiente.

Tenere la coda dritta o a punto interrogativo

Tra i comportamenti strani del gatto a cui prestare attenzione, non possiamo fare a meno di annoverare la bizzarra posizione della coda. Se il cane, scodinzolando, esprime tutta la sua gioia, nel mondo felino sono tantissime le cose che si possono comunicare tramite la coda. Felicità, paura, rabbia e anche amore: ebbene sì, il nostro amico a quattro zampe ha una variegata comunicazione che avviene tramite la sua appendice posteriore.

Vi è mai capitato di vedere il gatto con la coda in posizione a punto di domanda? Se il micio tiene la coda dritta con la punta ripiegata verso il basso, è semplicemente felice di rivederci. Un vero gesto che esprime il suo affetto verso di noi. Se invece tiene la coda ben dritta in verticale che trema leggermente, allora è proprio entusiasta di stare con il suo padrone.

"Fare la pasta"

Ci sono situazioni in cui il gatto inizia a fare movimenti strani con le zampette anteriori, proprio come un fornaio farebbe per impastare il pane. Da qui il modo di dire "fare la pasta": si tratta di un gesto che il micio riserva solamente alle persone con cui ha un forte legame, con le quali si trova davvero a proprio agio, tanto da tornare all'infanzia.

Questo gesto è infatti lo stesso che compiono i gattini appena nati quando si attaccano alle mammelle di mamma gatta. Spingendo con le zampine attorno al capezzolo, stimolano la produzione di latte. Naturalmente, è un momento di grande relax per il nostro pelosetto, è un vero e proprio abbandonarsi completamente a noi. Spesso, la pasta è accompagnata da sonore fusa. Attenzione alle unghiette: se il gatto è abituato a comportarsi così, meglio fare sempre una manicure accurata, per evitare dolorosi graffi.

Fissare negli occhi

In certi momenti, i gatti sanno essere davvero inquietanti - alzi la mano chi non si è spaventato nel vedere il suo fedele amico iniziare improvvisamente a fissare lo sguardo nel vuoto, come se vedesse qualcosa di strano. Ma se i suoi occhi sono puntati su di noi, significa solamente che ci vuole un gran bene. Il suo sguardo intenso e profondo, soprattutto se ci raggiunge mentre il micio sta sulle nostre gambe, è un vero segnale d'amore.

Sebbene infatti i gatti non abbiano problemi nel tenere il contatto visivo con gli umani, è con le persone che amano di più che si lasciano andare ad un'occhiata sorniona, con le palpebre semichiuse. È come se ci stesse mandando un bacio, e non c'è gesto d'affetto migliore che potremmo avere dal nostro compagno di vita.

Mostrare il pancino

La pancia è il "tallone d'Achille" di ogni gatto: priva di qualsivoglia difesa, è la zona del corpo che più deve proteggere in caso di lotta con altri animali. Per questo motivo, se il micio si stende a terra con il ventre rivolto verso l'alto significa che si fida davvero di chi ha di fronte: al nostro fianco non si sente più vulnerabile.

Attenzione però ad accarezzare quel pancino morbidoso, anche se la voglia è davvero tanta. Non sempre i gatti amano farsi toccare, e ciò vale a maggior ragione per le sue aree più delicate. Tuttavia, se riuscite nell'impresa di massaggiargli il ventre, non sottovalutate i segnali di tensione. Se il micio inizia ad agitarsi e a scalciare con le zampette posteriori, potrebbe essere ora di togliere la mano - o magari ha solo voglia di giocare: i gatti sono creature meravigliose, ma un po' strane.

Riproduzione riservata