come farsi notare sul lavoro, ragazza che riceve i complimenti al lavoro

5 abitudini delle persone che sanno (davvero) come farsi notare sul lavoro

I professionisti sanno sempre come farsi notare sul posto di lavoro, senza per forza mettere in cattiva luce chi sta loro accanto.

Esistono parecchi modi per farsi notare sul lavoro. Se hai la percezione che il tuo impegnarti passi in sordina, è giunto il momento di fare qualcosa per invertire la tendenza. Nel momento in cui decidi di prendere attivamente in mano le redini della tua situazione lavorativa, ti sentirai subito più sicura di te, e riuscirai a vedere con chiarezza ciò di cui hai bisogno e ciò che gli altri devono riconoscerti.

Se senti di stare facendo il tuo massimo sul posto di lavoro, è assai probabile che tu voglia anche un po’ di riconoscimento. Non è spirito di protagonismo, ma pura e semplice necessità di una persona che sta cercando di emergere e, perché no, fare carriera. A volte chi di dovere ti nota subito: altre volte, invece, c’è bisogno di dare una piccola mano agli altri per fare in modo che si accorgano del tuo operato. Non è nulla di personale: qualche piccolo aggiustamento può fare la differenza.

Non avere paura di prenderti il merito di ciò che hai fatto

Prendersi il merito di un successo non significa accaparrarselo tutto per sé, e nemmeno diventare protagonisti assoluti di un ufficio. Qui non si tratta di scavalcare gli altri e mostrarsi migliori, mettendo in cattiva luce altre persone. Si tratta di prendersi le dovute ricompense per un lavoro esemplare. Un buon dipendente conosce i suoi punti deboli, ma riesce a vedere con altrettanta chiarezza ciò che ha fatto, e come lo ha fatto per distinguersi da tutti gli altri.

Dimostrare che un progetto è andato in porto grazie al proprio contributo non è peccare di egoismo, ma ottenere credito per il proprio operato. Non aver paura di dire ciò che hai fatto, con massima chiarezza e sincerità. E soprattutto, senza esagerare.

Farsi notare al lavoro parlando apertamente

A volte il capo è un po’ distratto dalle incombenze di un mondo del lavoro sempre più esigente e pressante. Non c’è bisogno di andare a bussare alla porta del suo ufficio ogni santo giorno, ma potrebbe essere necessario rimanere nel radar. Scegli la modalità di comunicazione preferita dal tuo boss e tienilo aggiornato sugli sviluppi del tuo lavoro in maniera succinta e pratica. Non “sbrodolare” in lunghe disquisizioni su ciò che hai fatto tu, facendo notare – direttamente o indirettamente – quello che hanno mancato di fare gli altri.

Parlare apertamente dello stato di avanzamento dei lavori, quanto è richiesto, non significa fare la spia sul cattivo operato altri. Il tuo obiettivo è enfatizzare l’impatto che il tuo lavoro sta avendo sul progetto o sull’azienda, e non quello di dare risalto a ciò che fai sminuendo gli altri – o peggio ancora diventando gli occhi e le orecchie del capo.

A tal proposito: rendi più facile il lavoro del boss

È vero, il mondo del lavoro è difficile per tutti, ma se sei mai stata responsabile di un ufficio, sai quanto è dura stare ai vertici senza impazzire. Farsi notare sul lavoro significa anche fare in modo che il capo non debba preoccuparsi troppo di te.

Se hai maturato una certa esperienza in quell’ambiente di lavoro, sai bene che cosa si aspetta il capo da te e dagli altri dipendenti. Conosci le scadenze, le tempistiche, le modalità con cui vengono affrontate le consegne. Fai in modo di essere sempre un passo avanti al tuo capo e fagli notare, con educazione e premura, che ti sei permessa di mettere avanti alcune occorrenze.

Se il tuo capo è molto preoccupato di qualcosa, dovrai fare in modo che il tuo operato rifletta alla perfezione il fatto che tu sei consapevole di questa faccenda, e presti attenzione. In questo modo avrai sempre un alleato ai piani alti!

Farsi notare al lavoro mettendo in risalto il lavoro altrui

Riagganciandoci ai discorsi precedenti, farsi notare non significa che ogni tuo discorso debba iniziare con un “Io”. Non sei l’unica persona in ufficio che merita i complimenti per il suo operato. Condividi i successi e non avere paura di esprimere la tua ammirazione per un collega che ha avuto successo. È assai probabile che tu e lei (o lui) non siate in diretta competizione per un avanzamento di carriera. E anche se lo siete, avere un amico che ti rispetta nel management è un ottimo modo per avanzare più velocemente.

E il giochetto della nuova proposta di lavoro (migliore)?

Quanti vostri colleghi hanno tentato la via della nuova proposta di lavoro, più allettante dal punto di vista economico e professionale? Se stai cercando di farti notare, questa potrebbe essere una carta molto pericolosa da giocare. Non è detto, infatti, che l’azienda in cui lavori versi in condizioni economiche propizie al punto da rivedere il tuo compenso.

Si tratta di una mossa da giocare non più di una volta, poiché potrebbe portare a risultati diametralmente opposti a quelli sperati. Qualche azienda potrebbe infatti decidere che sei una risorsa troppo importante per perderti, mentre altre potrebbero ringraziarti e salutarti. Sei pronta ad assumerti il rischio?

Riproduzione riservata