Arredamento

10 cose della tua camera da letto che dovresti cambiare il prima possibile

Al mattino ti alzi già stanca? Da qualche tempo, le tue notti sono agitate? Mal di testa, acciacchi e starnuti fanno regolarmente parte della tua routine mattutina? È un periodo in cui ti senti spesso stanca e fuori forma? Non allarmarti: la situazione potrebbe essere meno grave del previsto. La colpa di tutto questo, infatti, potrebbe essere semplicemente della tua camera da letto.

Sì, hai letto bene. La ragione è semplice: alcuni elementi tipici di questa stanza e abitudini che assumi proprio mentre sei a letto possono influenzare il tuo benessere. Ci sono, in particolare, 10 cose a cui dovresti fare attenzione e, se necessario, cambiare il prima possibile. Ecco quali.

Il cuscino

Quando arrivi a sera stremata dopo una giornata interminabile e faticosa, probabilmente, non vedi l'ora di appoggiare la testa sul cuscino. Ma se il modello è sbagliato corri una serie di rischi. La prima cosa della tua camera da letto che devi controllare, quindi, è proprio il cuscino. L'ideale è che opti per un modello naturale (in lana o in piuma) e piuttosto basso, che mantenga la tua testa solo leggermente rialzata.

Se al mattino hai spesso torcicollo, spalle doloranti, cefalea controlla il cuscino: se non torna alla sua forma originale dopo che lo hai piegato a metà o se è in schiuma e ha una rientranza incisa in modo permanente è il momento di sostituirlo.

Il materasso

Altro elemento fondamentale è il materasso. Non esiste il modello perfetto, consigliabile indistintamente a tutti: la scelta dipende dalle caratteristiche fisiche di ciascuno, ed è, quindi, estremamente individuale (c'è chi preferisce dormire sul duro e chi sul molle).

Per capire se il tuo letto ti fornisce il giusto sostegno, basta che osservi il materasso dopo una notte di sonno: deve mostrare solo segni leggeri e superficiali. Se non è così, è arrivato il momento di cambiarlo. Scegline uno che si adatti bene al tuo fisico. Per quanto riguarda il materiale, via libera anche ai più nuovi lattice e Memory Foam.

La fodera

Tieni presente che il cuscino accumula rapidamente batteri, spore di muffe, acari della polvere e altri elementi dannosi, favorendo la comparsa di sintomi come mal di gola, mal di testa, starnuti e congestione. Ricordati, quindi, di usare solo fodere antiallergiche, lavandole spesso. Ogni tanto, metti in lavatrice anche il cuscino: se non è lavabile, sostituiscilo una volta all'anno.

Anche il materasso richiede una pulizia regolare, proprio come il resto della tua camera da letto. Proteggilo con coprimaterassi e igienizzalo spesso con i prodotti e gli accessori appositi.

Le lenzuola e le coperte

Anche le lenzuola e le coperte sono importanti. Preferisci quelle in materiale naturale, come lana, cotone, lino e seta, perché consentono una migliore traspirazione e non sono troppo "pesanti".

Presta attenzione poi ai colori: se punti sui classici pastello e bianco non sbagli, perché infondono calma. Ottimo anche l'azzurro: è un colore molto rilassante.

Camera da letto, attenzione ai tappeti

È indubbio: appoggiare i piedi scalzi su un tappeto caldo e morbido è decisamente meglio che appoggiarli sul freddo pavimento. Tuttavia, i tappeti non sono esattamente l'ideale. Infatti, trattengono acari della polvere, sporco, peli di animali e altri microrganismi nemici della salute.

Quindi, ricordati di pulirli con frequenza: passa l'aspirapolvere almeno un paio di volte alla settimana e mettili all'aria, sbattendoli, due-tre volte al mese. Ogni tanto, lavali con gli appositi prodotti.

Se soffri di allergie, ipersensibilità, asma o altre malattie respiratorie, meglio che li elimini dalla tua camera da letto: la tua salute ringrazierà.

I prodotti per la pulizia

Naturalmente è importante che pulisci con frequenza la tua camera da letto. Fallo però con i prodotti giusti. Se possibile, scegli detergenti naturali al 100%, controllando bene le etichette, specie se soffri di allergia o sei asmatica.

Per esempio, sono ottimi i detergenti certificati a bassa emissione di sostanze chimiche o a base di sostanze naturali, le candele di cera d'api naturale, i deodoranti con oli essenziali (e non semplicemente al "profumo di").

L'angolo verde

Le piante sono sempre una buona idea. Infatti, aiutano ad arredare un ambiente e a renderlo più accogliente, dando un tocco di colore naturale molto piacevole da osservare. Inoltre, aiutano a purificare l'aria e assorbono l'umidità. Ma attenzione: devi evitare quelle tossiche e velenose.

E non devi innaffiarle troppo, altrimenti diventano un terreno ideale per muffe e spore, che possono scatenare sintomi allergici in soggetti sensibili all'asma o alle allergie.

Questo non significa che nella tua camera da letto tu non possa avere un angolo verde, ma che devi scegliere bene le piante e dar loro da bere solo quando sono asciutte. No, poi, a lasciare sotto i vasi i vassoi pieni di acqua: sono un richiamo irresistibile per gli insetti.

La temperatura e l'umidità

In camera da letto, la temperatura dovrebbe aggirarsi intorno ai 18- 19 gradi, mentre il tasso di umidità dovrebbe essere pari a circa il 45 per cento. Quindi, regola attentamente il riscaldamento.

Se serve, procurati un umidificatore o un deumidificatore, a seconda della secchezza dell'aria di casa tua. Ricordati, però, di cambiare l'acqua dell'umidificatore quotidianamente e di pulirlo accuratamente almeno una volta alla settimana, per evitare la crescita di muffe che potrebbero causarti problemi respiratori.

La televisione

Nelle ore che precedono il sonno è bene evitare l'esposizione a fonti luminose e sonore. La luce, infatti, inibisce la produzione della melatonina, l'ormone che favorisce l'addormentamento, mentre i rumori tengono in allerta i centri della veglia. No, quindi, a guardare la televisione, a leggere un libro alla luce di una lampada da tavolo, a usare telefonini e computer.

Per questo sarebbe meglio non avere televisioni in camera da letto, che fra l'altro deve essere riservata solo al sonno, altrimenti è più difficile riposarsi.

Le candele

Quando vuoi creare un'atmosfera romantica non c'è nulla di meglio delle candele, che sono anche un ottimo elemento di arredo. A patto di sceglierle correttamente. Le candele di paraffina profumate, per esempio, possono rilasciare sostanze chimiche nocive mentre bruciano: anche il profumo stesso è irritante per certe persone.

Preferisci le candele di cera d'api o comunque naturali. In alternativa, via libera ai diffusori e agli oli essenziali.

Riproduzione riservata