Film in costume più belli da rivedere

Un viaggio dedicato agli amanti dei film in costume, tra personaggi e fatti storici, costumi e set curatissimi, atmosfere d’altri tempi

<p><br data-mce-bogus="1"></p>


Film in costume più belli

Quali sono i 10 film storici più belli di sempre? Ovviamente ce ne sono tanti, eppure alcune pellicole, proprio raccontando la storia, hanno più di altre fatto la storia del cinema.

Attraverso set minuziosamente ricostruiti e abiti meravigliosi, l’industria del cinema è riuscita, infatti, a restituire pagine di storia importanti e a regalarci capolavori dal fascino intramontabile, film bellissimi da vedere assolutamente.

Agli amanti del genere, dedichiamo questo viaggio nel tempo tra fatti, grandi vicende e personaggi del passato, abilmente raccontati nei film in costume di maggior successo.

Dall'antica Roma al Medioevo, passando per le gesta di abili condottieri fino agli sfarzi delle corti di famosi Re e Regine, leggi scoprire quali sono i 10 film in costume da rivedere.

Classifica 10 film in costume più belli

  • Downton Abbey
  • L'inganno
  • La favorita
  • Colette
  • Marie Antoinette
  • Troy
  • Elizabeth
  • Anna Karenina
  • Il Gattopardo
  • Orgoglio e Pregiudizio

Credits: Ansa

1. Downton Abbey, il film

La serie tv in costume più amata ha dato vita a quello che certamente si presenta come uno dei film in costume più belli. Tornano le vicende della famiglia Crawley, torna Lady Mary e tornano tutti gli altri personaggi in autunno, subito dopo i film dell'estate 2019. Che si riveli, oltre che un film in costume, anche un film d'amore a lieto fine?

  • Trama: Un pranzo reale, una parata e una cena. Tutto questo deve essere pronto a Downton Abbey per l'arrivo delle Loro Altezze Reali, il Re e la Regina. Per fortuna tutti gli alleati dei Crawley sono presenti e persino il mitico Carson è pronto a tornare!
  • Frase cult: "Io non litigo, semmai spiego"
Credits: Ansa

2. L'Inganno

E' un film in costume sui generis quello che ha presentato Sofia Coppola al Festival del Cinema di Venezia di qualche edizione fa. Con un cast tutto al femminile, guidato da una meravigliosa Nicole Kidman, state pur certi che il povero Colin Farrell avrà il suo bel da fare. Sicuramente uno dei migliori film al femminile degli ultimi anni.

  • Trama: La Guerra di Secessione americana imperversa, un soldato ferito cerca e trova rifugio in una grande dimora che ospita ragazze di ottima famiglia. La sua sensualità non farà che risvegliare gli istinti sopiti e i sogni di queste giovani donne, ma i sentimenti che l'uomo ha suscitato diverranno infine un pericoloso movente
  • Frase cult:"Forse il nemico non è ciò che credevamo"
Credits: Ufficio stampa

3. La favorita

Un Yorgos Lanthimos dall'accento british ci trasporta all'epoca della Regina Anna, dove tra intrighi di corte, lotte di potere e parrucche si intrecciano le vite di tre donne. Premio Oscar per Olivia Colman (Regina Anna) e candidatura per Rachel Weisz e Emma Stone

  • Trama: Chi conquisterà il cuore della debole Regina Anna e tutto il potere che ne deriva? La prima favorita è la determinata Lady Sarah, ma il suo posto nei pensieri della regina potrebbe venire occupato dalla furba e scaltra Abigail
  • Frase cult:"Noi due non giocavamo lo stesso gioco!
Credits: Ansa

4. Colette

Questo post potrebbe tranquillamente chiamarsi: Film in costume di Keira Knightley. L'attrice ne ha infatti girati moltissimi (da Orgoglio e Pregiudizio ad Espiazione) e se non sono proprio 10 poco ci manca!

  • Trama: La vita della scrittrice francese Colette, dal matrimonio con Willy, il marito-impresario, fino alla sua completa emancipazione e all'amore con Missy. Un viaggio nella Parigi dei primi del '900 assolutamente indimenticabili
  • Frase cult:"Che vita meravigliosa ho avuto! Volevo solo averlo capito prima"
<p><br data-mce-bogus="1"></p> Credits: 20061103 - ROMA -SPE- CINEMA: EASTWOOD E SOFIA COPPOLA, DA HOLLYWOOD A TORINO- Kirsten Dunst in una scena del film 'Flags of Our Fathers', presentato come film d'apertura della 24ma edizione del Torino Film Festival (10 - 18 novembre) e l'anteprima italiana di 'Marie Antoinette', in programma alla rassegna lunedì 13, quattro giorni prima del debutto nelle sale italiane, previsto per il 17, sono i due attesi film d'autore made in Hollywood che propone quest'anno il festival. ANSA/COC


5. Marie Antoinette

Un film in costume ispirato a una delle figure storiche più interessanti che mescola elementi d'epoca con altri decisamente pop

  • Trama: "Se non hanno pane che mangino le brioche". Con questa frase Maria Antonietta è passata alla storia. Ma la vede diversamente la regista, Sofia Coppola (2006) che facendosi aiutare da costumi straordinari e da una colonna sonora che mescola musica d'epoca a brani di Bow Wow Wow, New Order e Phoenix, porta sul grande schermo una donna moderna immersa in una storia antica, evitando i cliché storici e la ricostruzione politica. Maria Antonietta  è una donna-bambina che soffre per la disattenzione sessuale del marito e compensa le frustrazioni giocando con scarpe, cibi, cani.
  • Frase cult:"Ero una regina e mi hanno tolto la corona, una moglie e hanno ucciso mio marito, una madre e hanno portato i miei bambini lontano da me, mi è rimasto solo il mio sangue. Prendetelo. Ma non fatemi soffrire a lungo"
Credits: Ansa

6. Troy

Non c'è nulla di più divertente che vedere gli Americani confrontarsi e lottare con i miti greci, già solo per questo vale la pena di vedere Troy. E poi c'è Brad Pitt. E Orlando Bloom. E Eric Bana.

  • Trama: Il film ripercorre gli eventi salienti, così come sono riportati nel poema omerico, della guerra di Troia. Protagonisti sono dunque un manipolo di eroi pronti a dare la vita per l'onore della bella Elena e di quello scellerato di Paride
  • Frase cult:"L'uomo è ossessionato dalla dimensione dell'eternità e per questo si chiede le mie azioni riecheggieranno nei secoli a venire?"
Credits: Ansa

7. Elizabeth

E' stata una delle regine più grandi di sempre, ricordata per il suo carettere indomito, per la sua abilità a trattare con i pirati e per essere passata alla storia come la "regina vergine" pur facendosi tranquillamente i fatti propri

  • Trama: La storia dell'ascesa al trono di Elisabetta I, figlia di Enrico VIII e Anna Bolena. Fra congiure e tradimenti, mariti non voluti e pretendenti da quattro soldi, Elisabetta alla fine capisce che l'unica che può reggere saldamente corona e scettro è proprio lei, senza alcun aiuto (o quasi)
  • Frase cult:"Non voglio aprire finestre nelle anime degli uomini!"
Credits: Ansa

8. Anna Karenina

Un classico della letteratura che si trasforma anche in un classico dei film storici. Dal capolavoro di Lev Tolstoij, la travolgente storia di una donna. Uno dei film più romantici di sempre

  • Trama: Una delle storie d'amore e di passione più famose di sempre, quella di Anna Karenina e del suo conte Vronsky, pronti a vivere il loro amore fino in fondo, ma allo stesso tempo vittime di pregiudizi e convenzioni sociali
  • Frase cult:"Dovete dimenticarmi, se siete un galantuomo dimenticherete"
Credits: Una scena del film ''Il Gattopardo'' con Claudia Cardinale, Burt Lancaster e Alain Delon. ANSA / US

9. Il Gattopardo

È inammissibile che un post dedicato ai film in costume da rivedere, non cominci con questo capolavoro del genere.

  • Trama: Il Gattopardo ci racconta la storia di una nobile famiglia, quella del Principe di Salina, che intuisce gli importanti cambiamenti che stanno avvenendo nell'Italia garibaldina e cerca di cavalcare questa nuova tendenza.  
  • Frase cult: "Cambiare tutto perché niente cambi"



Credits: Ansa

10. Orgoglio e Pregiudizio

Come è impossibile non citare Il Gattopardo, lo è anche non citare un film in costume tratto dall'opera di Jane Austen. Onde evitare una tripletta-Knightley, eccoti servita la versione con Laurence Olivier e Greer Garson, assolutamente perfetti in questo è che anche un film d'amore bellissimo

  • Trama: Davvero non conosci la trama di Orgoglio e Pregiudizio e non sai niente delle vicende di Elizabeth, detta Lizzie, e delle sue quattro sorelle? E di Mr Darcy non hai mai sentito parlare? Siamo sdegnate, non possiamo crederci!
  • Frase cult:"Mi ringrazi per se soltanto, quel che ho fatto, l'ho fatto soltanto per lei"

Film in costume dell'800

  • Madame Bovary
  • Via dalla pazza folla
  • Camera con vista
  • Le quattro piume
  • Guerra e pace
  • L'ussaro sul tetto
  • Senso
  • I Miserabili
  • Ragione e Sentimento
  • Hysteria

Se sei una fanatica dei vestiti ampi e di tutto ciò che rimanda all'epoca ottocentesca, non puoi proprio perderti questi 10 film in costume ambientati nell'800. Tanta Inghilterra, ovviamente, ma anche tanta America e diverse storie d'amore che minacciano di togliervi il sonno e di disidratarvi a furia di pianti disperati.

Film Storici più belli

  • Dunkirk
  • L'ora più buia
  • Braveheart
  • Il discorso del Re
  • Operazione Valchiria
  • La duchessa
  • Zama
  • Maria di Scozia
  • Lawrence d'Arabia
  • Ben Hur

Per chi è in cerca di film che raccontino fatti storici realmente accaduti, ecco una classifica dei 10 migliori, da vedere e rivedere ogni volta che ne avrete voglia. Fra duchesse, re, regine e avventurieri puoi perderti nei meandri della storia fra splendidi costumi e meravigliose ambientazioni.

<p>La bellezza e l’eleganza di <b>Elizabeth Taylor</b> nei panni di <b>Cleopatra</b>, un filmone tanto monumentale quanto la storia che racconta e il budget per la sua realizzazione. Diretto da Joseph L. Mankiewicz (1963), Cleopatra è un super colossal in costume intriso di amori, battaglie ed eccessi, anche finanziari: ai costi già mastodontici delle sontuose scenografie e dei costumi - ben ventisei mila, sessantacinque dei quali destinati alla sola Taylor - si aggiunsero, infatti, una lunga serie di traversie produttive e avversità che valsero al film il terzo posto tra i film più costosi prodotti nel mondo. Ma il risultato fu questo capolavoro, vincitore di svariati Oscar per la fotografia, la scenografia, i costumi e gli effetti speciali visivi.</p>

La bellezza e l’eleganza di Elizabeth Taylor nei panni di Cleopatra, un filmone tanto monumentale quanto la storia che racconta e il budget per la sua realizzazione. Diretto da Joseph L. Mankiewicz (1963), Cleopatra è un super colossal in costume intriso di amori, battaglie ed eccessi, anche finanziari: ai costi già mastodontici delle sontuose scenografie e dei costumi - ben ventisei mila, sessantacinque dei quali destinati alla sola Taylor - si aggiunsero, infatti, una lunga serie di traversie produttive e avversità che valsero al film il terzo posto tra i film più costosi prodotti nel mondo. Ma il risultato fu questo capolavoro, vincitore di svariati Oscar per la fotografia, la scenografia, i costumi e gli effetti speciali visivi.

<p>Le gesta di un personaggio diventato già leggenda popolare a diciotto anni. <b>Giovanna d’Arco, </b>di Luc Besson (1999) riesce, da sola, a superare le linee nemiche inglesi e raggiungere a Chinon Carlo VII, delfino di Francia. Il periodo è quello della Guerra dei cent’anni, l'atmosfera è quella oscura del medio evo. Un film in costume visivamente eccellente, soprattutto nelle scene di battaglia, con tre interpreti d’eccezione, Milla Jovovich, Dustin Hoffman e John Malkovich.</p>

Le gesta di un personaggio diventato già leggenda popolare a diciotto anni. Giovanna d’Arco, di Luc Besson (1999) riesce, da sola, a superare le linee nemiche inglesi e raggiungere a Chinon Carlo VII, delfino di Francia. Il periodo è quello della Guerra dei cent’anni, l'atmosfera è quella oscura del medio evo. Un film in costume visivamente eccellente, soprattutto nelle scene di battaglia, con tre interpreti d’eccezione, Milla Jovovich, Dustin Hoffman e John Malkovich.

<p><b>Barry Lyndon</b>, di Stanley Kubrick (1975) è un giovane di bell'aspetto ma dalle origini modeste. Rifiutato dalla donna che ama, intraprende la carriera militare dopo un duello con l'avversario in amore. Un classico dei film in costume, apprezzatissimo dalla critica e sempre bello da rivedere per la trama avvincente e quel trionfo di estetica dei suoi costumi.</p>

Barry Lyndon, di Stanley Kubrick (1975) è un giovane di bell'aspetto ma dalle origini modeste. Rifiutato dalla donna che ama, intraprende la carriera militare dopo un duello con l'avversario in amore. Un classico dei film in costume, apprezzatissimo dalla critica e sempre bello da rivedere per la trama avvincente e quel trionfo di estetica dei suoi costumi.

<p>Il periodo è quello illuminato dall'Illuminismo, quando la borghesia era protagonista del progresso economico ma ancora priva del potere politico. Protagonisti di <b>Orgoglio e Pregiudizio</b>, di Joe Wright (2005), trasposizione di un classico della letteratura firmato dall'arguta penna di <b>Jane Austen, </b>sono soprattutto i bellissimi abiti vittoriani, le ambientazioni, gli equivoci, i battibecchi e l’amore. Un film in costume che ha avuto il merito di portare sul grande schermo una delle più intense protagoniste femminili, Elizabeth Bennet (brillantemente interpretata da Keira Knightley), eroina della Ragione, con la sua indole indomita e orgogliosa.</p>

Il periodo è quello illuminato dall'Illuminismo, quando la borghesia era protagonista del progresso economico ma ancora priva del potere politico. Protagonisti di Orgoglio e Pregiudizio, di Joe Wright (2005), trasposizione di un classico della letteratura firmato dall'arguta penna di Jane Austen, sono soprattutto i bellissimi abiti vittoriani, le ambientazioni, gli equivoci, i battibecchi e l’amore. Un film in costume che ha avuto il merito di portare sul grande schermo una delle più intense protagoniste femminili, Elizabeth Bennet (brillantemente interpretata da Keira Knightley), eroina della Ragione, con la sua indole indomita e orgogliosa.

<p>Tra romanzo e realtà, amore, lacrime e passione, <b>Titanic</b>, di James Cameron (1997) è un viaggio e insieme un processo di crescita, una “traversata” che coniuga spettacolarità, azione, emozione e precipitazione struggente. Due adolescenti, bellissimi e così diversi all'inizio (Leonardo Di Caprio e Kate Winslet), che superando i divieti del censo e della cultura edoardiana si innamorano, vivono la loro parentesi di passione e sentimento e alla fine si perdono, per un errore umano dall'esito catastrofico. Un film smisurato nel budget, ma anche un kolossal vincitore di undici Oscar.</p>

Tra romanzo e realtà, amore, lacrime e passione, Titanic, di James Cameron (1997) è un viaggio e insieme un processo di crescita, una “traversata” che coniuga spettacolarità, azione, emozione e precipitazione struggente. Due adolescenti, bellissimi e così diversi all'inizio (Leonardo Di Caprio e Kate Winslet), che superando i divieti del censo e della cultura edoardiana si innamorano, vivono la loro parentesi di passione e sentimento e alla fine si perdono, per un errore umano dall'esito catastrofico. Un film smisurato nel budget, ma anche un kolossal vincitore di undici Oscar.

<p><br data-mce-bogus="1"></p>


<p>L'impegno di Re Giorgio VI per superare la sua balbuzie e guidare il paese verso la guerra. Questo, in breve, <b>Il discorso del re</b>, di Tom Hooper (2010), ritratto biografico del Duca di York (Colin Firth) che vive in un contesto storico drammatico e nella drammaticità di non poter godere della considerazione del padre, del favore della corte e dell'affetto del popolo inglese proprio a causa della sua incapacità di parlare in pubblico. Almeno finché, grazie alla devozione di Lady Lyon, sua premurosa consorte, e alle tecniche poco convenzionali di Lionel Logue, logopedista di origine australiana, non riesce a buttar fuori la voce.</p>

L'impegno di Re Giorgio VI per superare la sua balbuzie e guidare il paese verso la guerra. Questo, in breve, Il discorso del re, di Tom Hooper (2010), ritratto biografico del Duca di York (Colin Firth) che vive in un contesto storico drammatico e nella drammaticità di non poter godere della considerazione del padre, del favore della corte e dell'affetto del popolo inglese proprio a causa della sua incapacità di parlare in pubblico. Almeno finché, grazie alla devozione di Lady Lyon, sua premurosa consorte, e alle tecniche poco convenzionali di Lionel Logue, logopedista di origine australiana, non riesce a buttar fuori la voce.

<p><br data-mce-bogus="1"></p>


<p>Infine, tra i migliori film in costume (dedicato soprattutto alle amanti della moda), <b>Dracula di Bram Stoker</b>, di Francis Ford Coppola (1992) porta sul grande schermo un elegantissimo e cattivissimo signore della notte, che passeggia per le strade insieme a borghesi in frac e dame con abiti accollatissimi di velluto. Nessun castello in Transylvania, dunque, perché la storia di questo Dracula inizia nella Londra vittoriana del fine ‘800. Il film, sebbene non fedele al racconto di Stoker, racconta la storia di un giovane archivista inglese che si reca in Transilvania su richiesta del conte Dracula.</p>

Infine, tra i migliori film in costume (dedicato soprattutto alle amanti della moda), Dracula di Bram Stoker, di Francis Ford Coppola (1992) porta sul grande schermo un elegantissimo e cattivissimo signore della notte, che passeggia per le strade insieme a borghesi in frac e dame con abiti accollatissimi di velluto. Nessun castello in Transylvania, dunque, perché la storia di questo Dracula inizia nella Londra vittoriana del fine ‘800. Il film, sebbene non fedele al racconto di Stoker, racconta la storia di un giovane archivista inglese che si reca in Transilvania su richiesta del conte Dracula.

Riproduzione riservata