Donna determinata a gestire difficoltà

Come si fa a essere determinate in una situazione lavorativa difficile?

Nel mondo professionale potresti ritrovarti a gestire momenti difficili. Ecco alcune strategie, mutuate dal mondo militare, che possono aiutarti a superare con grinta e successo una situazione lavorativa difficile.

Determinazione, grinta e qualche superpotere: per affrontare qualsiasi situazione lavorativa difficile, queste sono le motivazioni giuste.
A proposito di superpoteri: chi, meglio di un’ex Marine, poi diventata una famosa business coach, può dare dei suggerimenti più che utili per gestire problemi di lavoro? Ecco i consigli di Kate Monroe su Forbes per diventare un'eroina di successo.

Sviluppa la resistenza

La prima regola per un militare consiste nel farsi più furbe, resistere più a lungo e sopravvivere. Va bene, tu non sei un Marine, ma in una situazione lavorativa difficile, potrebbe tornarti utile adottare una simile strategia.

Per mantenere la tua determinazione, puoi riconsiderare questi tre inviti in un’unica formula. In altre parole, si tratta di rimanere in piedi, anche se sei l’ultima rimasta. In questo caso, si tratta di sopravvivere in senso metaforico. In altre parole, metti alla prova il tuo impegno e la tua decisione nel raggiungere i tuoi obiettivi, i tuoi sogni e mantenere le tue attività.

Sviluppare forza (e resilienza) significa, semplicemente, comprendere che puoi gestire le avversità. La vita non è comoda e, anzi, potrebbe mettersi di fronte a tante difficoltà, di ogni ordine e grado. In certi momenti, ti potrebbe sembrare di annaspare, ma ricordati sempre una cosa: tu non sei la situazione lavorativa difficile. Quella è solo un’etichetta che riguarda una condizione temporanea da cui uscirai. In piedi, appunto.
Se vuoi andare avanti nella tua attività o nella tua vita, dovresti imparare anche che devi affrontare la distanza (e tutte le avversità che potrebbe portare) che ti separa dal successo. Ci vuole determinazione per raggiungerlo, e puoi farcela.

Fidati della tua preparazione

Addestramento, allenamento, preparazione: tutte abbiamo passato un sacco di tempo della nostra vita allenandoci per il prossimo passo, per le cose più grandiose. Di fatto, però, potresti sperimentare la sensazione di esserti del tutto dimenticata della tua preparazione: a cosa è servito tutto quello studio, quella gavetta, quando ti trovi in una situazione lavorativa difficile?

Sempre dal mondo dei Marine, puoi ricavare una riflessione utile. I militari, infatti, insegnano a fidarti sempre del tuo addestramento, perché quando sei in combattimento, sono proprio quelle le abilità che ti terranno in vita. Ma è essenziale che tutti noi ci fidiamo della nostra formazione quando perseguiamo i nostri obiettivi.

Affidarsi alla propria formazione significa riporre fiducia nelle proprie competenze e nelle esperienze già accumulate. Sia che tu sia alle prese con il primo lavoro, sia che stai affrontando una svolta lavorativa – per esempio, stai per intraprendere una tua attività – o, ancora, che tu abbia tra le mani un progetto particolarmente, fidati della tua preparazione.

Hai studiato, hai vissuto, ti sei confrontata fin dalle scuole elementari. Non cercare conferme sulla tua preparazione negli altri. Smettila di pensare di non essere abbastanza brava per gestire questa situazione lavorativa difficile. Hai già tutte le risorse necessarie dentro di te.

Piuttosto, non dimenticare di continuare il tuo addestramento: non c’è nulla di più stimolante (e utile) che continuare a coltivare le cose di cui sei già appassionata.

Abbi fiducia in te stessa

Sai qual è il vero segreto delle imprenditrici di successo, anche quando sembrano delle inguaribili sognatrici? La fiducia in sé stesse e nel proprio valore.
Soprattutto se stai affrontando una situazione lavorativa difficile, è molto importante che tu ti riconosca il tuo valore, al di là di ogni dubbio o difficoltà.

Prova a visualizzare una cassetta degli attrezzi: a parte cacciaviti, forbici, etc, sai qual è lo strumento più utile? La fiducia in te stessa. Non devi mai metterla in dubbio, soprattutto quando ti trovi di fronte a una situazione complessa. La tua arma più potente per affrontare a testa alta anche le difficoltà maggiori è proprio la fiducia in te stessa.

Se ti trovi in una situazione lavorativa difficile, non devi vergognarti né arrenderti. Soprattutto, non devi pensare a te stessa come una persona che sta fallendo. Più abbassi il tuo livello di autostima, più i problemi sembrano aumentare e diventare sempre più grandi.

Secondo l’ex marine Kate, «se riesci a mantenere la fiducia a te stesse e la consapevolezza di avere quello che serve, sarai in grado di gestire qualsiasi cosa». Certo, potrebbe non essere facile avere questa determinazione, perché richiede un cambiamento radicale di mentalità.

Il successo, insomma, potrebbe essere addirittura uno strumento utile per il suo raggiungimento. Se ti concentri sull'idea di avere successo, allora lo raggiungerai più facilmente. Non si tratta di vincere o perdere, ma di mantenere la motivazione e la determinazione.

Addirittura, potresti perfino cominciare a considerare le difficoltà di una situazione lavorativa difficile come possibilità di crescita e miglioramento professionale (e personale).

Mantieni la calma

Diciamo la verità, stare calma in mezzo a una situazione lavorativa difficile potrebbe essere una sorta di superpotere più difficile da sviluppare.
Tuttavia, se ci pensi bene, riuscire a guardare la realtà che ti circonda, per quanto complicata, con sangue freddo e lucidità, è un corollario delle lezioni precedenti.

Se tieni a mente l’obiettivo di “sopravvivere” e intendi raggiungerlo mantenendo la fiducia in te stessa e nelle tue competenze, rimanere calma ti verrà più spontaneo di quanto tu possa immaginare.
Anche perché, se ti vedi già come una supereroina che “barcolla ma non molla”, significa che sei pronta ad affrontare qualunque tempesta. Questo già fa di te una vincente.

5 motivi per cui il pensiero laterale è fondamentale sul lavoro

VEDI ANCHE

5 motivi per cui il pensiero laterale è fondamentale sul lavoro

Riproduzione riservata