sposa che pensa, matrimonio rimandato

Matrimonio rimandato: come comunicarlo con stile

Questo matrimonio non s’ha da fare! O meglio, sì, però ci vorrà un po’ di tempo prima che tu possa realizzarlo proprio come l’hai sempre sognato. Ecco come si può rimandare con stile

Un matrimonio rimandato è un matrimonio più fortunato. Giusto? Giusto! Avevi programmato il matrimonio dei tuoi sogni per questa primavera, e sei stata costretta a rimandarlo per via dell’emergenza Coronavirus. Come potrai ben immaginare non sei la sola: un’infinità di persone si sono viste costrette a rimaneggiare la loro agenda.

Rimandare la promessa è spesso un grande dispiacere e una potenziale perdita di denaro. In questo articolo ci concentriamo su come fare per spiegare ai propri ospiti che l’evento è stato rimandato. È probabile che già si aspettassero una simile comunicazione, ma è sempre meglio farla con stile.

Matrimonio rimandato: ne vale davvero la pena?

A meno che tu non abbia la ferma intenzione di sposarti in maniera del tutto anticonvenzionale, rimandare potrebbe essere la soluzione giusta. C’è chi ha trovato alternative creative. La wedding planner Alba Dìaz ha detto il fatidico “sì, lo voglio” sul davanzale del suo appartamento, invitando tutto il quartiere ad affacciarsi. Si tratta di una soluzione molto creativa ed emozionante, ma siamo abbastanza certi che non sia esattamente come avevi immaginato questa giornata.

Il matrimonio rimandato è la soluzione perfetta per non rinunciare a una giornata pianificata con meticolosa perfezione. Spostare a una data che, si spera, sarà più adatta, senza che nessuno corra il rischio di infettarsi, specialmente i parenti più anziani. Il matrimonio ai tempi del Coronavirus è una questione ancora più seria di quanto non lo sia normalmente, e rinviare la data fatidica è spesso fonte di dolore. Molti wedding planner, però, concordano su un fatto specifico: chi non vuole rinunciare ai suoi sogni per il giorno più bello, è bene che rimandi.

Non scoraggiarti: scegli una data “furba”

Hai deciso di rinviare il matrimonio e devi comunicarlo ai tuoi invitati facendo del tuo meglio per non arrecare loro problemi di organizzazione. In altre parole, fallo tempestivamente, possibilmente con almeno un mese di anticipo dalla vecchia data. Di più è anche meglio, così che i tuoi ospiti evitino di prenotare il parrucchiere – qualora sia possibile – o di acquistare un abito apposito per l’occasione.

A quando rimandare? È la domanda dell’anno, e purtroppo l’unico che può darci una risposta sicura è un certo signor Coronavirus. Alcuni esperti affermano che il matrimonio potrebbe essere rimandato a luglio o agosto, se non addirittura settembre. Chi preferisce non correre alcun rischio dovrebbe optare invece per un rinvio al 2022. Ricordati che prima decidi, prima riuscirai ad accaparrarti la data migliore, senza andare a sovrapporti ai matrimoni di altre persone.

Comunicare la nuova data agli ospiti

Prima di effettuare la comunicazione in grande stile sulla nuova data che hai scelto, parlane con un circolo ristretto. Ci riferiamo ai tuoi parenti prossimi, agli amici del cuore e ai testimoni. Consultati con loro su una data per cui, sei sicura, non potranno mancare per niente al mondo. Una volta che il tuo cerchio magico ha dato il nulla osta, puoi procedere con la comunicazione ufficiale.

L’ideale sarebbe effettuare un giro di telefonate per gli invitati meno tecnologici, come per esempio i parenti più avanti con l’età. Recapita loro un nuovo invito con la data aggiornata, e fai in modo che ne tengano in considerazione il posticipo. Così non puoi sbagliare!

E per quello che riguarda il cerchio allargato? Amici, parenti tecnologici e invitati in senso largo dovranno ricevere una comunicazione di qualche tipo. La telefonata è sempre molto gradita, ma se gli invitati sono tanti, opta per un messaggio su WhatsApp o su Telegram, magari condividendo anche la nuova data su un gruppo privato su Facebook. Anche l’email è un ottimo mezzo, ma c’è sempre il rischio che qualcuno se la perda.

Matrimonio rimandato: rifare le partecipazioni o no?

La partecipazione è il primo contatto che gli invitati hanno del tuo matrimonio, come ben sai. Da questa cominceranno a farsi un’idea di come potrebbe essere l’evento. Nel 2021, però, è assai probabile che la partecipazione diventi il secondo (o addirittura il terzo) contatto degli invitati con il tuo giorno speciale. La partecipazione crea aspettative stilistica e, negli anni, si è trasformata in una piccola opera d’arte da non sottovalutare.

Se sei della scuola del rifare le partecipazioni, sappi che stai dando una nuova vita alla tua cerimonia. Nuove opportunità stilistiche da esplorare, nuove opzioni per la cerimonia. Potrai avere quella seconda opportunità per fare meglio una cosa che hai sempre desiderato fosse perfetta.

L’invito di carta ha sempre il suo fascino irresistibile, e puoi realizzarlo da sola o in contatto con un wedding planner specializzato. Se invece preferisci un invito più sostenibile, opta per la creazione di un biglietto digitale da recapitare a tutti gli invitati. Rivolgiti a un professionista grafico per creare una soluzione adatta a te.

Un video per il tuo matrimonio rimandato

Vuoi fare le cose in grande stile, pur comunicando un senso di intimità e colloquialità ai tuoi invitati? Prepara un video in cui tu e il tuo partner spiegate che un matrimonio rimandato è un matrimonio fortunato. Al cortometraggio, di un paio di minuti al massimo, allegate anche un messaggio con le nuove informazioni sul matrimonio in forma scritta. Data, ora, luogo e un messaggio entusiasta in cui affermate di non esservi ancora arresa. Oltre ad essere un eccellente passatempo per questi giorni di distanziamento sociale, sarà anche un modo originale per comunicare ai tuoi invitati la nuova decisione!

Riproduzione riservata