Denim in total look

Il “blue” non solo nella classica versione jeans: il denim infatti si indossa in total look dalla testa ai piedi, come ci insegnano le star. Dal più tradizionale giubbino alla giacca e camicia, dai cinque tasche agli shorts e alle gonne, finendo con splendidi abiti che si possono indossare dall’estate all’inverno semplicemente modificando alcuni dettagli. Non solo: le dive ci forniscono quotidianamente anche i trucchi per non risultare banali e garantire ai nostri capi denim lunga vita ed eterno glamour.

Il denim per l’estate 2022

Per questa estate ti proponiamo il denim come non l’hai visto mai: patchwork, tagli design, sfumature, stringhe, orli doppi, buchi, cuciture… Si potrebbe pensare anche a un fai-da-te. Guarda questi outfit e prendi ispirazione:

Marco Rufini
1 di 10
– Giacca con maniche a kimono (Levi’s Red Tab, 130 euro).
Camicia di denim organico (Levi’s Made and Crafted, 80 euro).
Body di cotone (Yamamay, 25,95 euro). Jeans a vita alta (Levi’s, 150 euro). Foulard Franco Ferrari.
Gioielli Luca Cantarelli.
Sandali AGL.

Gallery a cura di Cristina Nava
Foto di Marco Rufini

Marco Rufini
2 di 10
– Gilet over di denim con tasche applicate (Roy Roger’s, 99 euro). Shorts (Weili Zhang,168 euro). Foulard E. Marinella. Occhiali CR7 Eyewear.
Marco Rufini
3 di 10
– Camicia di denim patchwork (Harmont&Blaine, 258 euro).
Body (Yamamay, 25,95 euro).
Denim 5 tasche (Primark, 18 euro).
Coppola Borsalino.
Collane Morellato.
Sandali Piombo per OVS.
Marco Rufini
4 di 10
– Blazer sfoderato (Motivi, 79 euro).
Jumpsuit di denim (Federica Tosi, 361 euro).
Cintura Coccinelle.
Secchiello La Carrie.
Sandali Church’s.
Marco Rufini
5 di 10
– Camicia di denim stampata (Pence 1979, 321 euro).
Pantaloni 4 tasche (Cigala’s, 198 euro).
Cintura Felisi.
Occhiali Tod’s.
Sandali Scarosso.
Marco Rufini
6 di 10
– Camicia (390 euro) e pantaloni palazzo a vita alta (320 euro), tutto 3×1 N.Y.C.
Coppola Stetson.
Occhiali pilot Chloé.
Orecchini Boccadamo.
Sandali AGL.
Marco Rufini
7 di 10
– Giacca di denim upcycling (399 euro) e pantaloni di denim riciclato (249 euro), tutto Blue of a Kind.
Marco Rufini
8 di 10
– Giubbino di jeans (JIJIL, 179 euro).
Pantaloni ampi con orlo a contrasto (Sfizio, 239 euro).
Cappello Blue of a Kind.
Rasoterra Fratelli Rossetti.
Borsa di denim Gianni Chiarini.
Marco Rufini
9 di 10
– Camicia (Kiabi, 25 euro).
Canotta di cotone organico (Pompea, 11,99 euro).
Occhiali a goccia Chloé.
Orecchino di oro e brillanti Crivelli.
Foulard Kinloch.
Marco Rufini
10 di 10
– Camicia oversize in popeline di cotone (Bagutta, 148 euro). Pantaloni di denim riciclato con lacci (H&M Studio, 89,99 euro).
Cintura Visonà.
Occhiali Gucci.
Berretto Levi’s.
Anelli Morellato.
Mocassini Hyusto.

Ha collaborato Alessia Vancini.
Make up Naike Bilardo.
Hairstyling Mamrez Abbasi.

Le star amano il denim

Da Charlotte Casiraghi a Jennifer Lopez, sono tantissime le celebrities che amano sfoggiare total look in denim. Guarda queste foto:

Ipa
1 di 11
Ipa
2 di 11
Ipa
3 di 11
Ipa
4 di 11
Ipa
5 di 11
Ipa
6 di 11
Ipa
7 di 11
Ipa
8 di 11
Ipa
9 di 11
Ipa
10 di 11
Ipa
11 di 11

Il denim da spiaggia: copia il look

Sulle gambe nude, crema solare a gogò. Sopra, invece, ti proteggi con cappello di paglia, occhiali e casacca leggera. Ecco l’impeccabile soluzione da mare che ci arriva dalla sempre pretty Julia Roberts:

Ipa
1 di 10
Julia Roberts (con Ethan Hawke sul set del film Leave the World Behind)

2 di 10
– Camicia di lino da uomo (Uniqlo, 39,90 euro).

3 di 10
– Shorts a vita alta con bordi sfrangiati (Kocca, 91,50 euro).

4 di 10
– Cappello artigianale (Montegallo Alice Catena, 245 euro).

5 di 10
– Classici occhiali aviator (Ray-Ban, 145 euro).

6 di 10
– Shopper di cotone e manici di nabuk (Magata, 193 euro).

7 di 10
– Sandali 100% eco con nodo infradito (Ipanema, 32,90 euro).
Ipa
8 di 10
– Julia Roberts in spiaggia con look total denim.
Ipa
9 di 10
– Julia Roberts
Ipa
10 di 10
– Julia Roberts

Denim: il tessuto più amato

Il denim è certamente uno dei tessuti più amati di sempre perché capace di grandi trasformazioni pur restando sempre fedele alle sue radici: sembra ieri che nacque il primo “jeans denim” grazie a Levi Strauss, invece era la San Francisco del 1873 in un negozio di oggetti per i cercatori d’oro. Da allora è passato più di un secolo e i jeans, nel frattempo, hanno fatto la storia di intere generazioni diventando l’icona dell’abbigliamento casual (e non solo) per eccellenza.

In 150 anni di esistenza la mitica tela blu è passata dall’essere lo strumento ideale per il lavoro, a un vero e proprio strumento di seduzione. Ecco perché oggi il jeans è uno stile di vita, il “jeansweare”: non solo pantaloni, ma anche camicie, gonne, abiti, giacche, cappelli, borse e scarpe.

Lo stile inimitabile e glam del denim

Il colore blu indaco e il tessuto denim sono uno dei matrimoni più riusciti di sempre. Non è un caso se, a partire dagli anni Ottanta, qualsiasi brand di abbigliamento ha una propria linea di jeans prêt-à-porter: infatti i preferiti delle star sono proprio quelli firmati, come vuole la tendenza yuppie, che diventano non più solo un capo per i giovani e per il tempo libero, ma un oggetto di lusso per tutte le età.

Il denim invecchiato

Pensate che già dagli inizi degli anni Novanta diventa indispensabile sfoderare un modello vintage. E così le aziende hanno ricercato negli anni nuovi metodi – stone washed, biostone washed, sabbiatura e spazzolatura automatica – per ammorbidire e invecchiare il tessuto con lo scopo di rendere i pantaloni come usati, anche se appena usciti dalla fabbrica. In pratica i jeans, più sono strappati, scuciti, sdruciti, più acquistano valore estetico; più hanno un aspetto vissuto e vecchio, più hanno il fascino del capo d’abbigliamento originale di qualche decennio fa e appartenuto, magari, ai propri genitori.

Ipa
1 di 10
Ipa
2 di 10
Ipa
3 di 10
Ipa
4 di 10
Ipa
5 di 10
Ipa
6 di 10
Ipa
7 di 10
Ipa
8 di 10
Ipa
9 di 10
Ipa
10 di 10

Dai cinque tasche all’abito sartoriale

Non solo taglio “a campana” (passato quasi in disuso per lustri e timidamente tornato ciclicamente negli anni), a tubo, a sigaretta, attillato, con il cavallo alto o basso, ma mille versioni di uno stesso pezzo di stoffa che prende vita tra le mani di abili artigiani per arrivare fino alle passerelle. Proprio dai catwalk arrivano jumpsuit, tute, tailleur, minidress e microgiacche, morbidi kimono da mood minimalista o camicie con ampie maniche a sbuffo da indossare di giorno e di sera, ma anche gonne dall’apblomb creativo e blazer destrutturati per classiche interpretazioni di moderna femminilità. E poi scarpe e stivali irriverenti per mise ton sur ton.

Il denim è il mitico jolly adatto a ogni circostanza 24 ore su 24.