Viaggiare rende (davvero!) felici, ecco perché

Credits: shutterstock

Spendere il proprio denaro in viaggi ci rende più felici. Sì, perché rispetto al solito shopping fatto di beni materiali, acquistare un'esperienza ha un effetto positivo su tutta la nostra vita e su chi siamo.

Chi ama viaggiare l'ha sempre sospettato ma ora una ricerca scientifica, che ha preso in considerazione la wanderlust (ovvero la malattia del viaggiatore) citata dai travel addicted di ogni epoca, lo conferma.

I benefici di un viaggio: perchè ci rende felici

Sì, l'abitudine al viaggio aumenta la nostra felicità, amplia i nostri orizzonti mentali e ci rende persone più sagge, flessibili, in grado di conoscere e accettare la diversità. Non solo.

Dai risultati di uno studio su consumi e felicità condotto da Thomas Gilovich, professore di psicologia presso la Cornell University,  intitolato "A wonderful life: experiential consumption and the pursuit of happiness", emerge che acquistare un'esperienza anziché un semplice oggetto aumenta il nostro senso di soddisfazione e felicità.

Queste ricerche sono l'occasione per riflettere sui nostri consumi e su ciò che veramente aiuta la nostra qualità di vita perché oggi, iniziamo a esserne pienamente consapevoli: sono le esperienze a renderci felici!

Viaggiare è l'unica cosa che compri che ti rende più ricco

Questo accade per più ragioni, spiega il team di esperti. Innanzitutto, un'esperienza ha effetto sulle nostre relazioni sociali, al contrario di un bene materiale. Inoltre, le esperienze che facciamo diventano parte di noi e contribuiscono a costruire la nostra identità, senza contare, terza motivazione spiegata dall'indagine, la tendenza al confronto, che diminuisce drasticamente quando abbiamo a che fare con un'esperienza anziché l'acquisto di un oggetto che colma una necessità solo apparente.

Viaggiare è l'avventura della vita, ogni giorno

Le nostre valigie erano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo molta strada da fare. Ma non importava, la strada è la vita.
Jack Kerouac  

Un film come Wild, la storia di una ragazza che dopo un lutto e la fine del matrimonio decide di mettersi in cammino da sola, zaino in spalla, ci ricorda che viaggiare è una terapia per il corpo e per la mente. Si parte per tanti motivi e spesso la strada diventa il percorso per un cambiamento a livello interiore. Perché viaggio è anche l'avventura della vita, ogni giorno.

Viaggiare è scoprire le nostre risorse

Affrontare difficoltà e fatica, conoscere nuove persone e scoprire che siamo in grado di cavarcela apre i nostri orizzonti mentali, sprona all'andare, è scoperta delle nostre risorse e consapevolezza. Ecco un motivo in più per viaggiare anche da soli, superando le proprie paure e riscoprendo la magia dell'esistenza nella felicità delle piccole cose.

Viaggiare è l'antidoto allo stress

Secondo un'indagine effettuata dalla Global Commission on Aging and Transamerica Center for Retirement Studies, in collaborazione con l'U.S. Travel Association, chi viaggia vede abbassarsi il rischio di essere vittime di un infarto: viaggiare è antistress e aumenta le nostre capacità di problem solving perché insegna a trovare soluzioni, chiedere aiuto e persino diventare migliori amministratori di se stessi. 

Viaggiare è costruire nuove relazioni e acquisire competenze

In viaggio, costruiamo una memoria positiva capace di aumentare la nostra autostima. Il mondo è pieno di persone che hanno mollato tutto per provare a vivere dei propri sogni: la sorpresa è che non è impossibile, tutt'altro. Grazie al lavoro digitale organizzarsi in remoto oggi è sempre più alla portata. Non solo, viaggiando impariamo a diventare flessibili e scopriamo nuove competenze che non credevamo di avere, tanto che una vacanza può persino trasformarsi nell'occasione per trovare nuovi contatti e cambiare lavoro.

Sono tanti i motivi per cui si sceglie di partire...

Cambiare abitudini (almeno per un po')

Rilassare la mente

Fare movimento

Darsi la sveglia, anche a livello psicologico!

Praticare una lingua straniera

Conoscere nuove persone (e trovare l'amore, chissà)

Scoprire altre culture e stili di vita

Sperimentare ricette e cucine

Costruire autostima e resilienza

Ritrovare la leggerezza

Riflettere sui cambiamenti che vogliamo per la nostra vita

Sperimentare la felicità passo dopo passo

Scoprire che possiamo farcela e che… sarà così divertente da farci subito pensare a un altro nuovo viaggio.

Riproduzione riservata