La prima ecografia

La prima ecografia Credits: Olycom
02/04
Foto

Parola chiave: pazienza

Uno dei momenti in cui le donne fanno più fatica ad attendere l'ecografia, è senz'altro l'inizio della gravidanza. La voglia di sentire per la prima volta un cuoricino battere, la curiosità, la speranza...Si tratta di emozioni molto difficili da controllare ma è opportuno effettuare la prima ecografia al momento giusto e non con troppo anticipo.

Paola Scavello, ostetrica presso il Centro Medico Santagostino, spiega quanto e perché sia importante aspettare. «La prima ecografia è consigliata a partire dall'ottava settimana» afferma l'esperta.

Da una parte la motivazione dell'attesa è legata al fatto che, nelle prime settimane, ci sia un rischio maggiore di interrompere la gravidanza e, dunque, aver già sentito il battito del bambino può acuire in modo incredibile il dolore e il trauma della perdita, già insopportabili.  

Poi vi è un'altra motivazione, più tecnica e correlata all'ipotetico danneggiamento dei tessuti del feto causato proprio dal riscaldamento dovuto a un'esposizione prolungata agli ultrasuoni.

L'ecografia resta comunque una pratica sicura ma da usare con buonsenso, proprio come indicato dalle linee guida del Ministero della Salute.

Riproduzione riservata