Cereali e erbe: fonti alternative meravigliose!

Cereali e erbe: fonti alternative meravigliose! Credits: Shutterstock
02/05
Foto

I bambini, si sa, amano molto la pasta. Ogni tanto però sarebbe importante indirizzare l’alimentazione del proprio piccolo verso ingredienti più salutari e variare il menù abituale, inserendovi ad esempio erbe particolari o cereali.
Soprattutto d’estate infatti questi alimenti possono offrire un apporto nutritivo completo e rappresentare delle valide alternative al classico primo piatto, ma non solo!

“Personalmente amo molto la quinoa perché è proteica e senza glutine. Le mamme ad esempio che cercano di tanto in tanto alternative alla carne o al pesce, magari perché il piccolo non li ama particolarmente, possono offrire quinoa e legumi. Questo è decisamente un bel trucchetto per dare al bambino proteine mascherate da primo piatto! - Ci spiega Federica Fiocchetti, che continua – Poi esistono tantissimi tipi di riso, dagli integrali al riso venere, con cui si può giocare e inventare, il cous cous e il bulgur, un grano antico spezzato davvero squisito.”
Tutti questi alimenti in chicchi sono molto versatili e possono essere utilizzati per cucinare primi piatti fantasiosi, in cui magari coinvolgere i bambini.
Il metodo di preparazione di base è sempre lo stesso: si fanno bollire per 30-40 minuti circa e non necessitano di particolari lavorazioni. Una volta scolati si possono conservare “bianchi” in frigorifero, per poi essere conditi al momento in cui si decide di consumarli, il che è decisamente molto comodo!
Ovviamente questi alimenti sono particolarmente adatti anche per i pranzi in spiaggia o per i pic-nic che caratterizzano la bella stagione: non scuociono e non perdono le loro proprietà nutritive se cucinati in anticipo.

“Si può pensare a preparazioni di classiche insalate con sapori mediterranei, tipici della nostra terra, come olive e pomodorini oppure più particolari, come mango o avocado. Normalmente i bambini sono incuriositi dalla moltitudine di ingredienti da scoprire! – Racconta Federica Fiocchetti – Un gioco molto divertente è quello di bendarli e chiedere loro di individuare quanti più elementi possibili all'interno del piatto. Questo è un gioco delizioso, che aiuterà i bambini ad assaggiare cibi nuovi e a prendere confidenza con il proprio palato.”

Si può infine decidere di trasformare alimenti come la quinoa in secondi piatti sfiziosi, come polpettine o crocchette dorate in padella o al forno, normalmente molto gradite dai più piccoli.  

Riproduzione riservata