Parto in acqua: il racconto di una mamma

Credits: Shutterstock
/5
di

Ignica

Il parto in acqua, un’esperienza indimenticabile, raccontata da un mamma ginecologo

La dottoressa Valentina Ciardelli, mamma e ginecologo presso l’Ospedale Bentivoglio di Bologna, ci ha raccontato la sua esperienza di parto in acqua.

“Partorire la mia ultima bambina in acqua nella struttura dove lavoro da 8 anni è stata una esperienza speciale! Il mio corpo ha direttamente verificato quello che la letteratura aveva dimostrato. Ricordo l’abbandono, il contenimento, il sollievo, il calore, la  concentrazione, il silenzio e finalmente…la vita! Si è fatta strada dolcemente, nonostante i suoi 4 chili non ha lasciato ferite. Ricordo la leggerezza di quel corpicino cullato dall’acqua, il grido di gioia del papà, delle mie compagne di strada e il suo sguardo curioso e tranquillo. Ricordo di non averne udito il pianto. Siamo rimaste immerse a lungo dopo la sua nascita! Acqua dentro, acqua fuori: di nuovo solo acqua tra noi, e il cordone continuava ad unirci. Privilegio assoluto il potersi ritrovare dopo nove mesi, senza fretta, per iniziare a conoscersi e a riconoscersi. E ancora l’abbraccio caldo dell’acqua che ci avvolgeva assieme!”

Nell’Ospedale di Bentivoglio, in provincia di Bologna, nascono circa 1000 bambini ogni anno; i parti in acqua si praticano dal 2008.

Dall’Ospedale ci dicono che: "negli ultimi 3 anni, sono nati in acqua oltre 100 neonati, mentre più di 150 donne ogni anno ha sfruttato il potenziale analgesico dell’immersione in acqua in varie  fasi del travaglio. L’immersione in acqua  è stata apprezzata, oltre che dalle future mamme, anche dai professionisti del punti nascita come efficace strumento per il contenimento non farmacologico del dolore in travaglio".

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te