Quando i bambini si fanno male: come affrontare le emergenze?

Credits: shutterstock
1 5

FEBBRE ALTA, CHE PAURA?

«Quando un bambino sta male è facile cadere nel panico» spiega il Dr. Giampiero Moruzzi. Dalla sua lunga esperienza come medico di famiglia emerge un valore che spesso trascuriamo: «Pensiamo che di fronte a noi ci sia un essere fragile, al contrario i bambini sono incredibilmente forti, perché hanno un'energia potenziale di almeno 80 anni. Potenziale che si riduce con l'avanzare dell'età». I bambini possiedono straordinarie capacità di ripresa, hanno un corpo giovanissimo e reattivo, elasticità fisica e mentale: risorse che non solo li aiutano a superare i momenti difficili, ma si rivelano strategiche nel rafforzare la crescita. Uno dei casi più frequenti da affrontare? L'influenza. Spiega l'esperto: «La febbre alta non deve far paura, anzi è sinonimo di un organismo vitale e giovane, tant'è vero che di solito non colpisce gli anziani, soggetti a innalzamenti della temperatura corporea più lievi. La febbre alta è un segno di grande forza del soggetto: nel caso di un bambino l'influenza arriva in una fase in cui il sistema immunitario si sta formando, dunque superare questo momento significa uscirne con un organismo rafforzato, capace di combattere uno dei tanti virus con cui verremo a contatto nella vita». Ecco qualche dritta per affrontare le emergenze dei bambini senza ansia.

/5

La prima regola utile: mantenere la calma. I consigli dell'esperto per essere utili senza cadere nel panico

SAPERNE DI PIÙ

Il corpo umano, questo sconosciuto! Impariamo fin da piccoli a prenderci cura della nostra intimità, ascoltare le richieste che vengono dalla pancia, allenarci a sentire ciò che avviene dentro di noi.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te