Atmosfere anni '50 sul set della serie televisiva 'L'Amica geniale'

L’amica geniale: la serie tv è la star del Festival di Venezia

La serie tv tratta dai romanzi di Elena Ferrante è l’evento cult della Mostra del cinema. Per (almeno) 3 motivi

Altro che Ryan Gosling o Lady Gaga... La più attesa alla 75esima Mostra del cinema di Venezia è una serie tv. Ovvero L’amica geniale, tratta dalla quadrilogia Elena Ferrante e in onda su Rai1 in autunno. Dopo aver contagiato le librerie di tutto il mondo, dal 29 agosto la “febbre” sbarca al Lido.

La storia de "L'amica geniale" è potente

Febbre è la parola giusta quando si parla dei libri della misteriosa scrittrice napoletana: negli Stati Uniti è stata coniata l’espressione “Ferrante fever” per descrivere il suo successo. «Elena Ferrante è tra i più grandi romanzieri del nostro tempo. I suoi libri sono magnifici, coraggiosi, implacabili» ha scritto il New York Times Book Review.

I 4 volumi che compongono la storia di Lila e Lenù, le amiche cresciute nello stesso rione di Napoli ma destinate a prendere strade diverse, hanno venduto oltre 10 milioni di copie nel mondo. E nessuno ancora sa chi si nasconda dietro lo pseudonimo dell’autrice. La principale “indiziata” è Anita Raja, traduttrice e moglie dello scrittore Domenico Starnone. Il fatto che non abbia mai smentito le voci è, secondo i lettori, una prova schiacciante.

Ansa

Guarda la gallery con le prime foto della serie tv "L'amica geniale"

Ansa
Ansa
Atmosfere anni '50 sul set della serie televisiva "L'Amica geniale"
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa
Ansa

"L'amica geniale" (e/o) di Elena Ferrante

La produzione è kolossal

Questa non è solo una fiction: è un evento mediatico globale. Per la prima volta l’americana Hbo (quella di Il trono di spade, per capirci) fa squadra con la Rai per un progetto kolossal: 150 attori per i ruoli principali, 5.000 comparse e più di 100 giorni di cantiere per costruire un set da 20.000 metri quadri (14 palazzine, 5 interni di appartamenti, una chiesa).

Alla regia c’è Saverio Costanzo, habitué di Venezia (l’ultima volta ci è stato nel 2014 con Hungry hearts), mentre il cast è di volti nuovi: Lila e Lenù bambine sono Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio, da adolescenti hanno il volto di Gaia Girace e Margherita Mazzucco. L’unica famosa è Alba Rohrwacher, alias Lenù da adulta.

Il regista è una garanzia

«Per diventare cult, la serie deve creare un immaginario nuovo a partire dal materiale originale, seguendo l’esempio di Romanzo criminale e Gomorra» dice Mariarosa Mancuso, critico cinematografico di Il Foglio. «Costanzo ha già sperimentato il serial con In treatment: è la persona giusta per una sfida così ambiziosa. Scrittrice permettendo: Ferrante è tra gli sceneggiatori, si sa che gli scrittori sono gelosi del loro lavoro».

E i fan? «Diranno, come sempre, che erano meglio i libri. Ma chi non conosce i romanzi nei dettagli applaudirà. E il culto non potrà che aumentare».

Scopri tutto su Elena Ferrante

Festival del cinema di Venezia 2018: i film più attesi

VEDI ANCHE

Festival del cinema di Venezia 2018: i film più attesi

Festival di Venezia 2018: dal primo red carpet tutte le star in gioco

VEDI ANCHE

Festival di Venezia 2018: dal primo red carpet tutte le star in gioco

Riproduzione riservata