A tu per tu con Annalisa, cantautrice nerd

05 10 2018 di Camilla Ghirardato
<p>Giubbino e gilet di jeans con paillettes argento. Abito nero. Tutto DSquared2. Girocollo Trollbeads</p> Credits: Aris Elvira

Giubbino e gilet di jeans con paillettes argento. Abito nero. Tutto DSquared2. Girocollo Trollbeads

Le piacciono i colori vivaci, gli outfit sgargianti, le fantasie pop. Si diverte a stare al centro dell’attenzione. Non potevamo che scegliere lei, la “cantautrice nerd” con la laurea in fisica, per indossare la tendenza più glamour del momento

È un bel rompicapo Annalisa. Ha movenze da modella e una voce da soprano. Duetta con il rapper Mr. Rain nell’ultimo singolo Un Domani poi, per Sky, intervista gli scienziati del Cern. 33 anni, una laurea in Fisica, sei album fra il 2011 e il 2018, una passione per gli abiti colorati. E qui si racconta.

Com’è iniziata con la musica?

«Una grande passione molto precoce, alimentata da due casse giganti che avevo in casa e con cui ho imparato ad amare i miei miti: da Joni Mitchell ai Depeche Mode, da Patti Smith a Björk. Ma, più di tutti, c'erano i vinili di lei, Mina, con quei gorgheggi incredibili e quella audace scelta professionale: scomparire ma continuare a esserci anche se solo con la voce».

Una famiglia di musicisti la tua?

«Macché, mamma e papà sono due professori: seri e concreti, a loro devo la libertà con cui ho mosso i primi passi (con Amici nel 2010) e l’amore per le parole. Forse è stato per accontentarli che mi sono iscritta all’università. In dubbio tra Filosofia e Fisica, ho scelto, senza mai pentirmene, la seconda. Ma ero una ragazzina strana, a cominciare dai vestiti».

Racconta.

«Più che altro non avevo gusto, mi vestivo in modo eccentrico. Non lo posso negare: stare al centro dell’attenzione mi è sempre piaciuto. Non era importante che un abito mi stesse bene ma che sottolineasse il mio lato istrionico».

Ora che rapporto hai con la moda?

«Più equilibrato. Il fattore estetico è diventato essenziale. Mi vesto per stare e sentirmi bene, ma amo i colori un po’ azzardati e le fantasie pop. Dipende dai momenti: magari vado in fissa per il nero ma poi torna sempre la fase sgargiante. Da ragazzina ho avuto il periodo in cui mi vestivo solo di fibre naturali, quello in cui punkeggiavo. La voglia di giocare con la moda è rimasta».

E con le scarpe?

«Lo confesso: un rapporto morboso, ma non chiedetemi di contarle. Ne ho a bizzeffe, a Savona e nel mio nuovo appartamento di Milano».

<p>Mini abito di paillettes multicolori con frange Amen</p> Credits: Aris Elvira

Mini abito di paillettes multicolori con frange Amen

Hai un fisico perfetto e per Donna Moderna hai posato come una modella, ti piaci?

«Alcune caratteristiche sì, altre no. Sì alle gambe, sì agli occhi (Annalisa li ha enormi e verdi, ndr). No al busto: lo butterei via in cambio di uno più sinuoso.

Cosa fai per tenerti in forma?

«Sono un disastro, non faccio niente. D’estate nuoto, d’inverno cerco di camminare, ma non sono un tipo da palestra».

Non usciresti mai di casa senza…

«Il mascara, mi sentirei nuda».

<p>Mini abito di paillettes smeraldo Hanita. Anelli e bracciali Trollbeads</p> Credits: Aris Elvira

Mini abito di paillettes smeraldo Hanita. Anelli e bracciali Trollbeads

Come te la cavi con i social?

«Non li bazzico tutti i giorni ma, quando ci capito, sono proprio io. Non mi piace l'idea di farli gestire da terzi, ci metto la mia faccia».

Cosa hanno in comune le tue passioni, cioè la fisica e la musica?

«Offrono tutte e due una buona lettura del mondo che ci circonda. La fisica spiega quello che finora abbiamo capito delle leggi dell’Universo, la musica ci aiuta a intuire quello che è impalpabile, come le sensazioni e i sentimenti».

Ti senti più scienziata o musicista?

«Mi sento una cantautrice nerd. È buona come definizione?».

Servizio di Cristina Nava
Foto di Aris Elvira
Trucco Armani by Daniela Zeqo
Pettinature TiGi by Daniela Zeqo

Riproduzione riservata