Milly Carlucci durante il programma televisivo in onda su Rai Uno, ‘’Il cantante mascherato’’, Roma 29 gennaio 2021.

Il curioso successo del Cantante mascherato su Rai 1

Tutto pronto per la finale del programma condotto da Milly Carlucci, che quest’anno doppia il successo della prima stagione grazie a un bizzarro mix di amarcord, maschere stravaganti e una buona dose di comicità involontaria

L’anno scorso era andato bene, ma quest’anno Il cantante mascherato, il programma condotto da Milly Carlucci che venerdì 26 febbraio alle 21:30 celebra la sua attesa finale, è diventato un vero e proprio fenomeno, amatissimo sui social, dove le battute si sprecano sulle improbabili “maschere” indossate dai concorrenti e l’ilarità che inevitabilmente provocano. Per questa edizione, le maschere in gara erano nove – impossibile non  ridere ai nomi: Pecorella, Giraffa, Lupo, Tigre, Farfalla, Gatto, Pappagallo, Orso e soprattutto Baby Alieno, che ha quasi strozzato i Ricchi e Poveri – sotto le quali si nascondevano altrettanti vip, che si sono esibiti nel corso delle serate.

Alla giuria, che quest'anno ha visto l’aggiunta di Caterina Balivo e Costantino della Gherardesca ai già rodati Francesco Facchinetti, Patty Pravo e Flavio Insinna, il compito di individuare chi si celava sotto gli ingombranti costumi: solo a fine serata, insomma, il pubblico poteva scoprire il concorrente umano, dopo aver raccolto gli indizi disseminati durante la puntata.

Da dove viene e come funziona Il cantante mascherato

Uno show per famiglie che ha trovato successo anche in Italia: il format, infatti, deriva da quello di King of Masked Singer, fortunato programma della rete sudcoreana MBC che ha anche una sua versione americana, intitolata anche’essa The Masked Singer. Ogni maschera ha una sua identità e una sua precisa descrizione, che così recitano: il Lupo non è «il lupo cattivo delle favole, di lui ho preso il meglio»; la Giraffa ci tiene a precisare di essere «sempre me stessa nel bene e nel male, indipendente e innamorata dell’amore»; l’Orso «non sopporta le ingiustizie»; la Tigre dice «che essere più forte significa che nessuno ti accudisce»; la Pecorella si sente «smarrita in un mondo di predatori»; il Gatto è «solitario e indipendente, devo lottare per la sopravvivenza»; il Pappagallo proclama «hanno cercato di rinchiudermi in gabbia, man non ci sono mai riusciti»; la Farfalla sa che «forse intimidisco le persone, ma chi mi conosce sa che sono molto più alla mano di quanto non si creda»; mentre del Baby Alieno si sa poco, ma ciò non ha impedito che diventasse la maschera più popolare sui social.

I Ricchi e Poveri hanno dovuto rivelarsi prima del tempo a causa della difficoltà di esibirsi all’interno dell’enorme ma soffocante costume, un piccolo incidente (per fortuna senza conseguenze) che ha reso il Baby Alieno la star di Twitter, protagonista di battute e meme (compresa quello che lo vede photoshoppato su Marte al posto del rover Perseverance della Nasa). Dietro alle maschere, nelle varie puntate, abbiamo visto far capolino Katia Ricciarelli, Platinette e Alessandra Mussolini fra gli altri.

Tutto pronto per la finale

Venerdì 26 febbraio si sfideranno le quattro maschere rimaste in gara, e cioè Lupo, Pappagallo, Orso e Farfalla: le ultime due andranno subito in spareggio. Per la finale, Milly Carlucci ha deciso di far duettare le maschere in gara con altrettanti artisti, che saranno Anna Tatangelo, Rita Pavone, Cristina D’Avena e Red Canzian. Molti di questi artisti erano stati precedentemente nominati come possibili maschere, per cui il pubblico affezionato si divertirà a vederli esibire e a far luce sugli indizi che sono stati già disseminati nel corso delle puntate: in molti fan, ad esempio, pensano che il Lupo sia Gigi D’Alessio e la maschera duetterà proprio con Anna Tatangelo: che sia proprio lui? Non ci rimane che guardare la puntata per scoprilo. 

A grande richiesta… riecco i Ricchi e Poveri

VEDI ANCHE

A grande richiesta… riecco i Ricchi e Poveri

Riproduzione riservata