Charlotte Casiraghi e il legame con nonna Grace (Kelly)

Il duo madre-figlia ha parlato per la prima volta del legame con uno dei più grandi personaggi femminili della "Maison Grimaldi" e cioè Grace Kelly: ecco cosa Charlotte e Carolina hanno rivelato sull'eredità che la bellissima attrice scomparsa ha lasciato loro

In quanto figlia e nipote di una delle principesse più famose al mondo, non sorprende che la principessa Carolina di Monaco e Charlotte Casiraghi vengano spesso interrogate sulla loro affascinante mamma-nonna famosa, la principessa Grace di Monaco.

Apparse entrambe con frangetta d'ordinanza ed elegantissime, si sono per la prima volta raccontate al magazine francese Madame Figaro: Carolina e Charlotte hanno discusso dell'eredità di Grace, inclusa la loro evidente somiglianza fisica e la loro bellezza che si sta tramandando di generazione in generazione. «Fisicamente, a dire il vero, assomiglio più a mia nonna paterna» ha detto la figlia maggiore dell'attrice parlando della madre di suo padre, il principe Ranieri III, la principessa Charlotte, duchessa di Valentinois. «Era una donna molto libera e originale. Era un'infermiera durante la guerra, ha gestito un centro di riabilitazione per ex detenuti. Era un vero fenomeno».

Eppure Charlotte, la figlia di Caroline (e nipote di Grace) che non ha mai incontrato la sua famosissima e amatissima nonna, ha affermato di riuscire a vedere continue e sorprendenti somiglianze nei modi di fare e nelle movenze delle due donne, soprattutto nella Grace "Old Hollywood", come la definisce affettuosamente: «Vedo molto della nonna in te», dice Charlotte a sua madre. «Il rapporto tra madre e figlia è sempre molto complesso, la mamma occupa un posto indiscutibile. Ma in questo caso quando guardo mia madre è come se allo specchio vedessi un film in cui mia nonna è protagonista: vedo in lei l'amore, la bellezza, la grazia ma anche la disciplina e quel tocco di mistero che mi hanno entrambe trasmesso».

La principessa ha ammesso di aver ricevuto un’educazione vecchio stampo: «Non vedevamo molto i nostri genitori, avevamo una tata inglese e una domestica francese». Per i tre figli invece, ha scelto una strada diversa. «Ho dato loro molta libertà», ha detto perché fossero in grado di essere loro stessi. Charlotte, con i fratelli Andrea e Pierre, è cresciuti in Provenza, dove la principessa si era trasferita dopo la morte improvvisa del marito Stefano Casiraghi e dove i tre ragazzi hanno frequentato scuole pubbliche e sono cresciuti lontani dai riflettori.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images

Casa Grimaldi ha una lunga discendenza di donne forti: non solo la principessa Grace di Monaco e la principessa Charlotte, ma anche Alice, la prima vera principessa americana, che sposò il Principe Alberto I nel 1889 e fu "responsabile" di aver portato a Montecarlo quel tocco di cultura e glamour che da sempre contraddistingue il Principato.

«Mi sento molto ricca perché in me si nascondono un po' tutte le donne della mia famiglia» ha detto Charlotte, «possiedo un tocco della mia stravagante bisnonna, ma anche di mia nonna che ha scelto di lasciare Hollywood per amore di mio nonno e di mia mamma che è una donna davvero straordinaria e con cui ho un legame unico».

La chiacchierata a cuore aperto con il magazine fa anche da sfondo alla discussione generazionale su un tema importante e scottante con il femminismo: «Essere una donna e voler esprimere la tua unicità è una lotta, qualunque sia la tua posizione» spiega Carolina descrivendo la forza di carattere della figlia. «È una lotta però, non una guerra, bisogna ricordarlo sempre» aggiunge Charlotte facendo eco alla mamma le fa notare come «Con il pretesto che le donne si sono emancipate, che possono scegliere di fare carriera, di dedicarsi solo ai figli ed essere comunque desiderabili, ci accorgiamo meno dei sacrifici che stanno dietro l'essere donna oggi».

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Riproduzione riservata