Keith Urban fa gli auguri a Nicole Kidman: “11 anni e sembri ancora la mia ragazza”

Con un toccante e romantico post sui social il cantante Keith Urban augura alla sua 'Babygirl', l'attrice Nicole Kidman, un felice anniversario di nozze. E i fan impazziscono

"Undici anni di matrimonio ed è come se fossi ancora la mia ragazza...". È con questo romantico post sui social che l'affascinante Keith Urban ha augurato alla sua 'Babygirl', l'attrice Nicole Kidman, un felice anniversario di matrimonio. I due si sono sposati a Sydney, in Australia nel 2006 ma vivono a Nashville, nel Tennesse, con le figlie. E pare essere proprio questo il segreto della loro storia d'amore e del loro matrimonio: stare il più posibile lontano dal gossip. Da quel gossip che li vuole in crisi un mese sì e uno no e sull'orlo del divorzio ogni anno.

Invece il matrimonio tra Nicole Kidman e il cantante Keith Urban, avvenuto dopo pochi mesi di fidanzamento, ha superato molte crisi e dipendenze, da quella del botox di lei a quella per la cocaina di lui, e la nascita di due figlie biologiche, Sunday Rose, nata il 7 luglio 2008 e Faith Margaret, nata tramite madre surrogata il 28 dicembre 2010.

La Kidman ha sempre ammesso di avere un marito molto romantico: "Mi scrive bellissime lettere d’amore", ha confessato candidamente, "e quando sono fuori casa per lavoro trovo sempre un fascio di rose ad attendermi in hotel. Omaggio di Keith, ovviamente. Ma la vera felicità, però, è a casa".

L’ultima dedica è quindi arrivata a 11 anni dalle nozze dopo che per i 50 anni della moglie aveva dichiarato: "La mia vita è iniziata quando l’ho incontrata e sposata. Non è stato un cambiamento, ma un inizio".

Cosa volete di più!

Guardate i momenti più romantici di Keith e Nicole!

Instagram
1 di 14
Getty Images
2 di 14
Instagram
3 di 14
Getty Images
4 di 14
Getty Images
5 di 14
Getty Images
6 di 14
Instagram
7 di 14
Getty Images
8 di 14
Getty Images
9 di 14
Getty Images
10 di 14
Getty Images
11 di 14
Getty Images
12 di 14
Getty Images
13 di 14
Getty Images
14 di 14
Riproduzione riservata