Malia Obama: la ‘First daughter’ è già un’icona

06 07 2016 di Alessia Sironi
Credits: Getty Images

Otto anni alla Casa Bianca: ne ha fatta di strada la timida ricciolina che si nascondeva dietro papà Mr. President. Ora è pronta per spiccare il volo. E le altre teenager già la amitano.

Malia ha festeggiato i suoi 18 anni (il 4 luglio) alla grande. La First Daughter è stata definita da Vogue America una "girl to watch". Non è certo la prima a festeggiare la maggiore età alla Casa Bianca, ma Chelsea Clinton, non era mai stata definita icona: "il suo stile cattura i nostri occhi", ha scritto il magazine d'Oltreoceano.

In quasi otto anni l'unico 'incidente' accorso a Malia è relativo al suo atterraggio a Madrid con la mamma per una visita ai reali spagnoli: appena apparsa sulla scaletta dell’Air Force One, il vento le ha fatto uno scherzo alla Marilyn Monroe, sollevandole la gonna. Ma la ragazza, che da quel 2009 ne ha fatta di strada, non si è scomposta minimamente (anche perché avendo preso la coscia lunga da papà Barack, le piace mostrare le gambe snelle!).

Credits: Getty Images
Credits: Sasha (L) and Malia (C), the daughters of US President Barack Obama and First Lady Michelle Obama (R), make their way to board Air Force One before departing from Andrews Air Force Base in Maryland on August 30, 2014. Obama is returning to Westchester County, New York to attend the wedding of his personal chef Sam Kass. AFP PHOTO/Mandel NGAN (Photo credit should read MANDEL NGAN/AFP/Getty Images)
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Credits: Getty Images
Foto

Durante la prima campagna elettorale Barack Obama aveva espressamente affermato che le figlie (oltre a Malia c'è anche Sasha) potessero vivere come bambine normali andando in scuole pubbliche e alle feste come qualsiasi adolescente che si rispetti.

Non è stato proprio così: Malia si è diplomata alla Sidwell Friends School di Washington a metà giugno, una scuola privata e ora si appresta a incominciare il suo anno sabbatico. Scelta che ha fatto e fa discutere molto tanto che l'editorialista Jean Hannah Edelstein del Guardian ha scritto "Se passa l’idea che il gap year sia un merito addizionale in un Cv, favoriremo solo i figli dei privilegiati".

Insomma, tra favoritismi e non, Malia si appresta a far parlare di sé. Soprattutto per la sua bellezza.

Riproduzione riservata