Marco Pantani: a ottobre il nuovo film biografico

A 16 anni dalla scomparsa del Pirata arriva il film che porta sul grande schermo la sua storia: un evento speciale lungo tre giorni, il 12-13-14 ottobre si può assistere a un biopic noir d'inchiesta sulla morte del campione romagnolo

I prossimi 12, 13 e 14 ottobre arriva al cinema il nuovo film biografico sul campione di ciclismo Marco Pantani. Sono passati 16 anni dalla sua scomparsa, da quella notte di febbraio del 2004, e "Il caso Pantani - L'omicidio di un campione", vuole mettere la parola fine a un'inchiesta che sembra essere tanto oscura e complicata quanto le stragi più importanti della storia del nostro Paese. Sul campione romagnolo nato a Cesena nel gennaio del 1970 si è detto già tutto. Ma, nonostante ciò, ancora moltissime domande rimangono senza una risposta. Così, il filone cinematografico tipicamente americano che solitamente rivanga le tragedie e cerca di chiarire le dinamiche dei fatti di eventi traumatici, coinvolge questa volta i momenti topici della vita del Pirata attraverso l'infanzia nella sua amata Cesenatico, l'odiata Madonna di Campiglio dove, nel Giro d'Italia del 1999, viene squalificato per doping e quella maledetta Rimini che l'ha portato alla morte.

«È il racconto di Marco e delle sue tre vite: tre anime, tre interpreti, un solo uomo. Una vittima che non ha ancora avuto giustizia» spiega il regista Domenico Ciolfi che caldeggia una tesi ben chiara sin dal titolo e che promette di svelare «particolari inediti» sulla personalità molteplice del campione. Ecco perché il mitico Pirata sullo schermo è interpretato da tre attori differenti: Marco Palvetti per la sua giovinezza, Brenno Placido per il doping-gate e Fabrizio Rongione per la parte di Rimini.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images

Senza spoilerare nulla, sono in molti a pensare che Marco Pantani sia stato "ucciso" ben due volte. Il primo sarebbe stato un "omicidio sportivo" avvenuto con la squalifica per doping a causa di valori alti di ematocrito nel sangue, a seguito di esami contraffatti (dietro un giro di scommesse clandestine che lo davano perdente al Giro). Il secondo è avvenuto il 14 febbraio 2004 nella stanza del residence "Le Rose" di Rimini dove sarebbe stato costretto a ingerire enormi quantità di cocaina. Proprio dopo aver confessato di voler rilasciare «clamorose rivelazioni».

Non è il primo film sul Pirata: oltre alla fiction del 2007 intitolata proprio "Pantani", anche un documentario americano "The accidental death of a cyclist" si è occupato della triste storia. Questa volta però, la pellicola si avvale di una approfondita ricerca iniziata nel 2014, ma soprattutto della consulenza della famiglia del ciclista e del legale che ha fatto riaprire le indagini.

Riproduzione riservata