“Mare fuori”, la serie con Carolina Crescentini nel carcere di Gomorra

La nuova fiction in onda su Rai 2 ogni mercoledì è ambientata nell'Istituto di pena minorile di Napoli e racconta un'adolescenza fatta di rabbia, risse, tentativi di fuga e partite a pallone. Ma soprattutto di speranza

Carolina Crescentini è in onda ogni mercoledì su Rai Due con la fiction Mare Fuori (sei puntate per 12 episodi) in cui interpreta Paola Vinci, una donna dura e molto ambiziosa, che ha conosciuto la sofferenza, come dimostra il bastone che la aiuta a muoversi. Paola è la nuova direttrice dell’Istituto Penale Minorile in cui sono ambientate le vicende. Siamo a Napoli in una realtà molto complessa perché ci troviamo di fronte a ragazzi che stanno scontando la loro pena perché hanno sbagliato: a volte per scelta, altre per necessità.
La fiction ruota proprio attorno al carcere per minori che, paradossalmente, si trova in una splendida location con una vista strepitosa a picco sul mare. C’è Filippo, ragazzo borghese della Milano bene, che dopo una notte brava viene ritenuto responsabile della morte del suo miglior amico. C’è Carmine, che per ribellarsi alla sua famiglia di camorristi compie un gesto estremo che lo condanna alla prigione; Ciro, il baby-boss sedicenne condannato per spaccio e con un figlio in arrivo; e c'è Viola, assassina mai pentita di sua madre.
Infine c'è il mondo adulto che governa il carcere: Carolina Crescentini si deve confrontare tutti i giorni con il comandante della polizia, ma anche con gli educatori, il cuoco, il barbiere e tanti uomini e donne che a modo loro cercano di dare un esempio diverso e una speranza ai ragazzi la cui vita è stata precocemente segnata.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images

Qualcuno ha già "etichettato" Mare fuori come l'anti Gomorra perché in questo caso a farla da padrone è l'aspetto psicologico più che quello violento e l'attrice romana ne è il chiaro esempio: in carcere scopre infatti un nuovo modo di essere donna e madre. Un ruolo, quello di mamma, che Carolina Crescentini difende, per cui si batte e chiede venga rispettato, in tutte le sue sfaccettature.

Sposata da un anno con il cantautore Francesco Motta, ha più volte parlato apertamente del tema maternità. L'ultima, poco tempo fa, durante la trasmissione di "Da Noi… A Ruota Libera" dove ha sottolineato quanto possa essere pericoloso chiedere a una donna quando fa un figlio. «Non sai cosa succede a una persona: se ci riesce o meno, se lo vuole… Se è con il compagno giusto. La superficialità con la quale ti bombardano, in realtà, ha a che fare con l'incasellamento sociale… Io non so se in futuro avrò figli. Mi piacerebbe, ma poi non dipenderà necessariamente solo da me. Ma tutta quest’insistenza con la quale mi viene chiesto, mi fa venire una rabbia che non hai idea. Questa storia che una donna, superati i trenta, debba ricoprire per forza un ruolo socialmente riconosciuto deve finire».

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images

E noi non potremmo che essere più d'accordo con lei!

Riproduzione riservata