Se muore la Regina Elisabetta? Svelato il piano (segreto) del Governo

È emerso il documento che svela la cosiddetta "Operazione London Bridge" che fa luce su cosa accadrà nel Regno Unito quando verrà a mancare la Regina Elisabetta II: ecco l'articolata scaletta da rispettare dal D-Day fino al decimo giorno quando si celebreranno i funerali di Stato

Dalla schermata nera che oscura il sito della Famiglia Reale alla telefonata al Primo Ministro che darà il via alle operazioni con la frase «London Bridge is down», dalla pubblicazione del brevissimo flash con la conferma della morte di Sua Maestà da parte della Press Association alle forze armate schierate nelle strade di Londra, fino alla successione di Carlo, che dovrà immediatamente partire per un tour del Paese. C'è davvero tutto, una scaletta serratissima con le disposizioni del protocollo che governerà i giorni successivi alla scomparsa di Elisabetta, nel dossier svelato interamente da Politico.

In realtà, da tempi insospettabili (i primi documenti riservati risalgono al 1961, quando la Regina non aveva ancora quarant’anni e i Beatles erano ancora una band) si vocifera di un fantomatico piano di Stato per far fronte alla morte della Sovrana più longeva di sempre. Ma solo oggi, nonostante l'elevato grado di segretezza, sono emersi i dettagli più importanti (e in qualche modo anche dolorosi) di quello che sarà uno dei più impegnativi momenti della storia, non solo del Regno Unito, ma del mondo intero.

Ecco quindi cosa accadrà realmente nel momento in cui la Regina Elisabetta II esalerà l'ultimo respiro. Come è facile immaginare, quando muore un membro della Royal Family si mette in moto una macchina complessa e un protocollo che deve essere seguito al secondo. Il piano funerario è indicato appunto col nome in codice "Bridge", ossia ponte. Quello preparato per gestire la morte della Regina Madre, ad esempio, si chiamava "Operazione Tay Bridge" e, prima di essere messo in atto alla sua morte nel 2002, servì per gestire l'improvvisa scomparsa di Diana, Principessa di Galles nel 1997. Il protocollo del principe Filippo morto ad aprile a 99 anni, si chiamava invece "Operazione Forth Bridge".

Getty Images
1 di 12
Getty Images
2 di 12
Getty Images
3 di 12
Getty Images
4 di 12
Getty Images
5 di 12
Getty Images
6 di 12
Getty Images
7 di 12
Getty Images
8 di 12
Getty Images
9 di 12
Getty Images
10 di 12
Getty Images
11 di 12
Getty Images
12 di 12

Il protocollo prevede che il segretario personale della regina avvisi per telefono il primo ministro – ora è Boris Johnson ma chissà, la Regina ne ha "conosciuti" ben 14 – e il Privy Council Office che si occuperà di coordinare le azioni del Governo per conto della monarchia. dopodiché saranno informati il segretario di gabinetto, che è il funzionario pubblico più alto del Regno Unito, quindi i ministri e i principali funzionari pubblici. Tutti, dal momento della ricezione del messaggio («Siamo appena stati informati della morte di Sua Maestà La Regina», non potrà essere aggiunto oppure omesso nulla) avranno dieci minuti per far abbassare a mezz’asta le bandiere delle loro sedi.
Solo dopo questo gesto tutt'altro che simbolico, i membri senior della Royal Family potranno diffondere la «notifica ufficiale» della morte della Regina ai sudditi.

Il giorno del decesso di Sua Maestà sarà nazionalmente riconosciuto come il D-Day mentre i giorni successivi verranno indicati come D+1, D+2 e così via fino al D+10, giorno dei funerali di Stato. Alle 10 esatte del mattino del giorno successivo alla morte della regina, Carlo, Principe di Galles, verrà proclamato Sovrano del Regno Unito. Alle 15.30 Boris Johnson e gli altri ministri incontreranno per la prima volta il nuovo Re che terrà il suo primo discorso da Capo della Monarchia (c'è chi dice che siano oltre trent'anni che Carlo abbia il discorso pronto).
Il Primo Ministro dovrà inoltre recarsi in visita al feretro della Regina che sosterà per poco tempo alla stazione di Saint Pancras prima di essere riportato a Buckingham Palace. Nel terzo giorno di lutto Carlo partirà per il suo viaggio e farà tappa prima al parlamento scozzese, poi in Irlanda del Nord e infine in Galles.

Inoltre, cosa molto improbabile visto che ormai la Residenza ufficiale di Sua Maestà è stata trasferita a Windsor, se la regina dovesse morire a Sandringham, la salma verrebbe portata a Saint Pancras col treno usato dalla famiglia reale; se dovesse morire a Balmoral, in Scozia, invece, potrebbe essere trasportata a Londra sia in treno (con la cosiddetta "Operazione Unicorn") sia in aereo ("Operazione Overstudy").
In ogni caso, al D+5, partirà l'"Operazione Lion" e cioè il trasferimento del feretro da Buckingham Palace a Westminster Hall; infine si assisterà all'"Operazione Feather" quando la salma dell'omai ex sovrana sarà esposta pubblicamente per tre giorni, per 23 ore al giorno, per tutti i sudditi (e non) che vorranno fare lunghissime code per darle l'estremo saluto.

Alle 12 in punto del D+10, dopo due minuti di silenzio in tutta la nazione si terrà il funerale della regina, nell’abbazia di Westminster. Elisabetta II, con ogni probabilità, sarà sepolta nella cappella di San Giorgio dove l'attendono il principe Filippo e l'amato padre, Re Giorgio VI.

Riproduzione riservata