Come la principessa Anna ha cambiato la moda

Con il suo amato stile sartoriale e i suoi fidati occhiali da sole sportivi, l'"equestre" principessa Anna ha conquistato la settimana della moda londinese dimostrando a tutti come ha rivoluzionato il look della Royal Family prima di Kate, Meghan e Lady Di

Con l'uscita di scena di Harry e Meghan (sul piede di guerra perché la Regina Elisabetta non ha concesso loro l'uso del brand Sussex Royal) e il "licenziamento" del duca di York fresco 60enne a causa dello scandalo Epstein, quella che è sempre stata considerata una figura di secondo livello della Firm, come viene definita la Famiglia Reale inglese, ora torna alla ribalda e sbaraglia la concorrenza riconquistando il favore dei sudditi e della critica. La principessa Anna, unica figlia femmina della regina Elisabetta, ha infatti appena chiuso la settimana della moda di Londra consegnando il Queen Elizabeth II Award e riportando alla ribalta tutti quei successi e quelle conquiste di stile che avevano fatto di lei una vera e propria figura "rivoluzionaria" negli anni Settanta e Ottanta.

Prima della Principessa Diana con i suoi tubini Dior e Versace. Prima dell'avvento della commoner Kate Middleton con le sue fluide stampe floreali bon ton. Prima della trendy ex signorina Markle, c'era lei: Anna. La principessa che per prima ha lanciato la moda dell'equestrian look, con camicia bianca, pantaloni attillati color sabbia e stivali e giacca neri, oggi tanto amato da Charlotte Casiraghi. Che per prima ha sfoggiato gli occhiali da sole in stile Matrix; il blazer blu doppiopetto con bottoni dorati (permesso solo agli uomini); e persino i colli di pelliccia sintetici quando ancora il "fur free" era ben lontano dal diventare un movimento politically correct.

Anna, che è stata (anche) la prima reale a gareggiare alle Olimpiadi del 1976 a Montreal, ha trascorso tutto il suo tempo libero in abiti sportivi: il suo amore per i jodhpurs la allinea perfettamente al guardaroba "sporty-chic" delle influencer del 21° secolo. E non ha mai rinunciato al foulard (in testa oppure al collo) così come al mitico cappello "Panama" sfoggiato da sempre in tutte le stagioni. La passione per i tagli sartoriali di giacche, abiti e cappotti così come di completi pastello e culotte, di camicette con colletto e maglioni a maglia grossa, la rendono la "musa perfetta" di Victoria Beckham e della sua tavolozza di colori dai riflessi retrò e da sfumature (a volte) poco lusinghiere come il giallo tuorlo o il fiordaliso.

Insomma, la moda avrà anche trascurato il guardaroba di Anna per decenni (ed è forse proprio questo che lo rende cool), ma, bisogna ammetterlo, già cinque decenni fa, era all'avanguardia rispetto alle passerelle di oggi.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Riproduzione riservata