Xiaomeng Li è la prima donna a trionfare negli eSports

06 11 2019 di Alessia Sironi
Credits: Twitter

La giovane giocatrice cinese è diventata la campionessa del mondo del gioco di Blizzard Hearthstone e si è aggiudicata il titolo di Grandmaster con una schiacciante vittoria sugli avversari (tutti maschi)

La giovane cinese Xiaomeng VKLiooon Li di certo non si aspettava di scrivere una pagina della storia degli eSport: con una vittoria decisiva e soprattutto schiacciante finita con un 3-0 contro tutti i suoi avversari maschi (una gran bella soddisfazione, ndr) si è infatti aggiudicata il titolo di campionessa mondiale del torneo delle Grandmasters Global Finals del gioco di carte collezionabili Hearthstone, nel corso del BlizzCon 2019.

E' stata una dura battaglia, soprattutto a causa delle molte discriminazioni che hanno spesso accompagnato la carriera di molte ragazze negli eSports. Ma la pronta ed esuberante risposta, oltre che la vittoria di Xiaomeng è destinata a far "ribollire" molti animi di maschi il cui orgoglio si trova sottoterra ora. A tutti i malpensanti del settore, Xiaomeng ha infatti detto, alzando il prestigioso trofeo: "Voglio dire una cosa importante a tutte le giocatrici che vogliono far carriera in questo mondo: se credete in voi stesse, dovete dimenticare di che sesso siete, perché quando si gioca non ha alcuna importanza se siate maschi o femmine".

E in un altrettanto significativo messaggio su Twitter, la giovane cinese ha cinguettato: "Questo è il modo migliore per controbattere a chi ha dubitato di me solo perché sono una ragazza. La mia vittoria dimostra che anche le donne possono essere abili giocatrici professioniste, tanto quanto i ragazzi".

In moltissimi hanno inviato i complimenti e le congratulazioni per un traguardo così importante e tutta la federazione si augura che presto le persone diventino più tolleranti verso il ruolo delle giocatrici negli eSports e che anche le donne possano raggiungere gli stessi traguardi degli uomini, proprio come è successo Xiaomeng VKLiooon Li.

Riproduzione riservata