Parco Hyde Park Londra

Gli alberi in città? Valgono un sacco di soldi

Gli alberi non sono solo belli da fotografare e rigeneranti per lo spirito: valgono anche un sacco di soldi. Facciamo un po' di calcoli

Su Instagram gli hashtagh #tree e #trees raccolgono da soli oltre 75 milioni di immagini. Star come Gisele Bündchen sono fan del “tree-hugging” la pratica di abbracciare gli alberi, e il New Hampshire, regno mondiale del foliage, ha toccato la cifra record di 9,8 milioni di turisti. Ma gli alberi non sono solo belli da fotografare e rigeneranti per lo spirito: valgono anche un sacco di soldi.

Gli alberi fanno abbassare costi energetici e sanitari

Uno studio pubblicato dalla rivista Ecologica Modelling dice che gli alberi delle grandi metropoli del Pianeta corrispondono a mezzo miliardo di dollari all’anno. Un esempio: il solo Hyde Park (nella foto sopra), a Londra, vale quasi 250.000 dollari. «Tra i servizi dall’alto beneficio economico offerti dai parchi ci sono l’anidride carbonica catturata, l’acqua piovana assorbita e gli agenti inquinanti tolti dall’aria» spiega Rita Baraldi, ricercatrice del Cnr all’istituto di Biometeorologia di Bologna.

Un risparmio tangibile non solo a livello di costi energetici ma anche sanitari e ospedalieri, voci di solito pesanti nel bilancio delle nostre città. «Secondo l’Oms l’inquinamento atmosferico causa solo in Italia 90.000 morti all’anno» spiega Baraldi. «Gli alberi sono un vero antidoto naturale: basta pensare che un ippocastano “ferma” in media ogni anno 225 grammi di polveri sottili, 4 volte quelle prodotte da un’auto di media cilindrata».

Se salvi un albero, salvi il Pianeta

VEDI ANCHE

Se salvi un albero, salvi il Pianeta

Gli alberi hanno un valore economico calcolato da algoritmi

In Gran Bretagna è partito il progetto “All our trees” che si propone di mettere agli alberi e alle piante della contea di Greater Manchester un cartellino con il prezzo: «Per calcolarlo ci sono algoritmi ad hoc o il software I-tree» dice l’esperta. «Combinano indicatori come il valore di base dell’albero, l’aspettativa di vita e lo stato di salute, ma anche la densità abitativa della zona in cui si trova, e l’area dell’ubicazione». E il profitto ha margini di crescita altissimi, come conferma Baraldi: «Se si piantassero alberi in tutte le aree potenziali, i benefici potrebbero aumentare fino all’85%».

Inquinamento, come proteggere il cervello dei bambini

VEDI ANCHE

Inquinamento, come proteggere il cervello dei bambini

Perché bisogna ridurre l’uso della plastica

VEDI ANCHE

Perché bisogna ridurre l’uso della plastica

Riproduzione riservata