Greta Thunberg Stoccolma Cop24 clima

Greta Thunberg ha quindici anni, la sindrome di Asperger e abita a Stoccolma. Da parecchi mesi a questa parte, ogni venerdì non va a scuola per protesta contro il cambiamento climatico. I suoi sit-in davanti al Parlamento della capitale hanno ispirato manifestazioni simili in tutta la Svezia. In occasione del Cop24 Greta ha preso un aereo per Katowice, la città polacca dove si svolge la 24esima conferenza Onu sul clima (dal 3 al 14 dicembre). 

La campagna lanciata da Greta prosegue sui social con l'hashtag #schoolstrike4climate. Hanno già risposto all'appello tanti ragazzi, oltre che molti genitori.

Gli effetti del cambiamento climatico? Sono già 467

E vanno dal record di incendi in California al boom di malattie infettive come l’epatite A, fino all’aumento dell’insonnia. Lo rivela uno studio appena uscito (mentre in Polonia i politici litigano sulle misure anti-inquinamento)

A Katowice, in Polonia, 20.000 tra scienziati e diplomatici stanno discutendo di clima al Cop24. Parlano di futuro, snocciolano date come 2030 e 2040. Eppure gli effetti dell’inquinamento sono davanti agli occhi di tutti, come dimostra un nuovo studio che elenca i 467 modi (sì, avete letto bene) in cui il cambiamento climatico impatta già sulle nostre vite.

La ricerca, redatta da un team di oltre 20 super esperti, è stata appena pubblicata sulla rivista scientifica "Nature Climate Change" e con numeri e fatti dà un quadro simile a un bollettino di guerra: il record di incendi in California e quello di alluvioni in Giappone, l’aumento del 40% delle persone che soffrono di malattie legate allo smog, il boom delle allergie nei bambini.

Non solo: ci sono persino le invasioni di roditori in Svezia e di serpenti in Cina, in fuga da habitat ostili, e il ricorso massiccio a calmanti per l’insonnia legata al caldo eccessivo.

Scomparsi sei animali su dieci negli ultimi 50 anni

VEDI ANCHE

Scomparsi sei animali su dieci negli ultimi 50 anni

«Quando parliamo di cambiamenti climatici ragioniamo in astratto, pensando a qualcosa che accadrà domani. Ma il domani è qui e ora» nota Massimo Tavoni, professore al Politecnico di Milano e direttore dell’Istituto europeo di economia e ambiente, che ha condotto un’altra importante ricerca. «Abbiamo calcolato i costi economici dell’inquinamento: l’aumento delle temperature penalizza diversi settori, come quello agricolo, e il 90% degli Stati registrerà perdite, che accentueranno disuguaglianze sociali e tensioni».

Questi temi non sembrano far breccia nel summit polacco. «C’è un grande lavorio diplomatico per stilare il Rulebook» spiega l’esperto. «Si tratta delle linee guida per mettere in pratica l’accordo di Parigi, firmato nel 2015, che prevede l’azzeramento delle emissioni dei gas serra tra il 2030 e il 2040, per limitare a 1,5 gradi l’aumento medio delle temperature. Peccato che tutto sia legato a doppio filo con la politica. Gli Usa sono usciti dall’accordo e anche il nuovo presidente del Brasile Jair Bolsonaro si è detto scettico. Perciò l’Unione Europea può diventare protagonista: può convincere i Paesi africani a mettere in atto pratiche più green».

Gli alberi in città? Valgono un sacco di soldi

VEDI ANCHE

Gli alberi in città? Valgono un sacco di soldi

2018, L’ANNO PIÙ CALDO IN ITALIA

Un “primato” assoluto dal 1800, da quando cioè sono iniziate le rilevazioni delle temperature. Mentre dal 2010 sono state evacuate 45.000 persone a causa di eventi meteo estremi. E il quadro potrebbe peggiorare, secondo l’Istituto superiore di sanità, perché entro il 2100 le ondate di calore passeranno da 75 fino a 250 giorni all’anno. Non mancano le ripercussioni sul fronte della salute: oltre all’aumento delle patologie respiratorie, crescono malattie infettive come epatite A e legionella nelle zone più colpite da alluvioni.

Com’è che fa sempre più caldo?

VEDI ANCHE

Com’è che fa sempre più caldo?

Plastica al bando in Europa: dal 2021 stop ai prodotti monouso

VEDI ANCHE

Plastica al bando in Europa: dal 2021 stop ai prodotti monouso

Riproduzione riservata