galateo natale

Galateo del Natale: dagli addobbi alle cene, tutte le regole di bon ton

Quante lucine mettere, quali regali fare, come scrivere i biglietti di auguri: il galateo del Natale ti suggerisce come essere elegante e chic anche durante le feste 

Che tu sia una sorta di Grinch in versione moderna o una Christmas addicted poco cambia: ormai il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato e tu, volente o nolente, stai per essere risucchiata in quel vortice di impegni e festeggiamenti che ogni anno, immancabilmente, si scatena con l’arrivo di dicembre. C’è modo e modo, però, di farsi trascinare: se non vuoi perdere l’eleganza e la classe nemmeno in questa circostanza, affidati alle regole del galateo del Natale, che ti dicono come devi comportarti di qui alla fine dell’anno.

Forse non ci hai mai pensato, ma sono diverse le insidie che rischiano di rovinare la tua reputazione di persona ben educata in questo periodo: dagli addobbi kitsch ai regali sbagliati, fino agli errori nella mise en place e nell’organizzazione di feste e cene. Meglio allora non improvvisare e non procedere a casaccio. Ecco alcuni preziosissimi suggerimenti.

Galateo dei regali di Natale: cosa dovresti (e non dovresti) regalare

VEDI ANCHE

Galateo dei regali di Natale: cosa dovresti (e non dovresti) regalare

Sì a lucine e decorazioni, ma senza esagerare

Iniziamo dalle basi. Come addobbare casa? Ovviamente, la scelta dipende innanzitutto dai tuoi gusti personali. Ma attenzione a non perdere di vista una regola fondamentale del galateo del Natale: non bisogna mai esagerare, né in un senso né nell’altro.

Se adori l’atmosfera natalizia, quindi, cerca di contenerti. Benissimo mettere lucine e decorazioni fuori e dentro casa, ma non esagerare. Altrimenti, rischi che il tutto risulti eccessivo, di cattivo gusto e pure ingombrante. Quando entri in casa devi avere la sensazione di essere avvolta dall’atmosfera, non sommersa e soffocata.

Sei purista e minimalista anche e soprattutto in fatto di decorazioni? Non cedere alla tentazione di non mettere nemmeno un segno natalizio. Qualche addobbo non potrà che rendere più confortevole, intimo e caldo il tuo nido. Un piccolo albero in un angolo, una ghirlanda alla porta, un presepe su una mensola daranno un tocco magico in più.

Cura nei dettagli la tavola

In questo periodo, cerca di dedicare qualche attenzione in più alla tavola. La mise en place deve essere più curata del solito, e naturalmente a tema. Sì, la risposta alla domanda che stai per farti è positiva: anche se sei da sola o con le persone che vivono abitualmente con te, in vista nel Natale e di fine anno può essere piacevole e divertente apparecchiare in modo inusuale, naturalmente con gusto.

Anche in questo caso, però, niente eccessi. Qualche candela rossa, un piccolo centrotavola, elegante e rigorosamente non di plastica, tovaglia e tovaglioli oro, argento, rossi o verdi sono più che sufficienti. Non “soffocare” lo spazio di oggetti e addobbi.

Se hai degli ospiti a cena o a pranzo, però, non dimenticare i sotto piatti perché aiutano a ben delimitare lo spazio di ciascuno. Sì anche ai segna posto, ovviamente discreti e di classe, specie se hai numerosi invitati.

Galateo del Natale: dagli addobbi alle cene, tutte le regole di bon ton

Come comportarsi a tavola a Natale

Oltre ad apparecchiare la tavola con attenzione, è bene anche seguire certe regole di bon ton durante il pranzo di Natale. Innanzitutto, bisogna avvisare gli ospiti con anticipo rispetto a chi saranno gli altri commensali: se è vero che a Natale si è tutti più buoni, è vero anche che certi dissapori familiari si accantonano con fatica. Quindi è meglio, in vista del pranzo di Natale, che tutti sappiano chi saranno i presenti in modo tale da non avere sorprese o spiacevoli incomprensioni. È bene poi far sedere a capotavola le persone più anziane: in questo modo avranno più spazio per muoversi e avranno anche tutta la situazione sott’occhio. Vietati i cellulari: almeno il giorno di Natale gli smartphone dovranno stare lontani dalla tavola, prediligendo la conversazione con gli ospiti. Attenzione poi a non fare ‘scivoloni’: è meglio non fare domande troppo personali ad alcuni dei parenti che vedete meno spesso, come per esempio “Sei fidanzato/a?”, “Quando fate un figlio?”. “Quando ti laurei?”. Il rischio è quello di creare situazioni di imbarazzo. 

Attenzione ai regali

Passiamo ora a una delle questioni più spinose del mese di dicembre: chi includere nella lista dei “buoni” a cui mettere un dono sotto l’albero? Secondo il galateo del Natale dovresti fare un pensiero, anche piccolo, a tutti i famigliari con cui hai rapporti e/o che vedrai in questo periodo, anche solo per un saluto veloce. E anche a tutti i colleghi più stretti, al tuo capo e ovviamente ai tuoi amici.

No, non serve che tu sottoscriva un mutuo. I regali costosi non sono l’ideale né dal punto di vista delle tue finanze né da quello del bon ton: infatti, rischiano di mettere in imbarazzo chi li riceve. Basta qualcosa di piccolo, ma su misura per il destinatario: il dono non deve piacere a te, bensì a chi lo riceve, come dice anche il galateo del regalo. Evita, dunque, le cose impersonali e prodotte in serie. Anche le esperienze, i servizi, gli oggetti fai da te sono perfetti.

Idee su come incartare i regali di Natale

VEDI ANCHE

Idee su come incartare i regali di Natale

Ringrazia sempre

Quando sei tu a ricevere qualcosa, come suggerisce anche il galateo del ringraziamento, ringrazia sempre con un abbraccio e un sorriso. Poi apri con cura e delicatezza il pacchetto e mostrati entusiasta di ciò che contiene. Sì, anche se non ti piace: così non farai sentire nessuno a disagio.

Rivaluta i biglietti di auguri

In alternativa, se hai un budget limitato a tua disposizione o se il tuo elenco è infinito, potresti pensare a dei biglietti di auguri. Questa potrebbe rivelarsi una scelta vincente anche dal punto di vista della sostenibilità. Ti evita, infatti, di comprare oggetti low-cost, decisamente poco green e magari inutili. Contribuirai così anche alla lotta al consumismo sfrenato.

Fra l’altro, non dando importanza ai regali materiali potresti riscoprire e far riscoprire a chi ti circonda lo spirito più vero del Natale. I biglietti di auguri, insomma, possono rivelarsi una mossa molto chic, sobria e di classe.

Ovviamente, il galateo del Natale fornisce delle regole anche su questo punto. In primo luogo, scegli una carta elegante e di buon gusto. Poi evita di copiare frasi di auguri standard, magari prese su internet. Dovresti personalizzare il messaggio, in modo che la persona che lo riceve capisca che l’hai creato pensando a lei. Ci vuole del tempo, ma ne vale la pena. Non scrivere a computer, ma a mano, firma e spedisci per posta. Almeno a Natale niente email e niente messaggi whatsapp.

Galateo del Natale: dagli addobbi alle cene, tutte le regole di bon ton

Galateo degli auguri di Natale

Oltre al galateo dei regali, esiste anche quello degli auguri di Natale. Ci sono delle regole precise da rispettare per fare al meglio gli auguri. Per esempio, per rivolgere i propri auguri per le feste è bene usare soltanto tre strumenti: un biglietto, una telefonata o di persona. Vietati quindi gli auguri tramite messaggini su chat o sui social. Bisogna poi cercare di essere originali: almeno a Natale sarebbe bene sforzarsi di andare oltre alle classiche frasi di auguri e provare a dedicare alla persona a cui ci si rivolge un pensiero personalizzato e profondo.

Chi deve fare per primo gli auguri?

Sul chi debba fare il ‘primo passo’ per gli auguri di Natale non esistono vere e proprie regole. Tra parenti, sarebbe buona norma che a fare gli auguri per primi siano i più giovani verso i più anziani. Ma almeno su questo punto sarebbe bene sentirsi liberi di comportarsi come ci suggerisce il cuore: gli auguri di buon Natale devono infatti venire dal profondo dell’anima, devono essere sinceri e andrebbero fatti se e quando ci si sente di farli, non per dovere o per seguire certe regole imposte. Dai quindi spazio ai tuoi sentimenti e rivolgili alle persone che ami, senza vergogna e senza schemi rigidi. 

Riproduzione riservata