A Milano scopri il bello delle STEM

17 04 2019 di Myriam Defilippi

Divertenti laboratori con i Lego e i robot. Una mostra interattiva su Leonardo e lo spazio. E il nostro spettacolo Donne come noi. Tutto questo è STEMintheCity, la grande rassegna dedicata alla scienza. Di cui Donna Moderna è protagonista, con il contributo di Accenture

Dal 6 all’8 maggio la “Maratona delle Stem” chiuderà STEMintheCity, l’iniziativa del Comune di Milano che trasforma la città un laboratorio di scienze, tecnologia, ingegneria e matematica. «E in chiusura, la sera dell’8 maggio all’Auditorium Milano, andrà in scena lo spettacolo Donne come noi» spiega Roberta Cocco, assessore alla Trasformazione digitale e ai Servizi civici. 

Per partecipare gratis allo spettacolo di mercoledì 8 maggio, iscriviti qui

«Il fatto che ragazze e ragazzi di oggi siano nativi digitali non significa che abbiano tutte le competenze richieste dal mondo del lavoro. STEMintheCity vuole promuovere proprio le skill tecnologiche vincenti».

Qualche assaggio della Maratona? Agli alunni della scuola primaria è stato dedicato Stem&Play (in collaborazione con Bricks4Kidz, Focus Junior, Laboratori Si! e Francesca Valla): ha permesso ai bambini di imparare divertendosi, per esempio invitandoli a costruire con i Lego le macchine di Leonardo.

I ragazzi delle medie inferiori si sono invece messi alla prova nei laboratori di Stem&Science (con Focus Junior, Laboratori Si!, International STEM Awards e Accenture). Gli studenti delle superiori hanno scoperto le grandi sfide del nostro tempo grazie ai workshop di Stem&Digital su temi tosti come l’Intelligenza artificiale e la Robotica (con Accenture, JRC, NTT Data e SAP). Sempre rivolto ai teeneager era l’incontro promosso da Cisco Cybersecurity: pericoli, rischi e opportunità.

La Maratona ha anche ricordato 2 anniversari illustri: 500 anni fa moriva Leonardo da Vinci, 50 anni fa l’uomo sbarcava sulla Luna. Li celebra la mostra interattiva Da Leonardo allo Spazio, promossa da Lenovo in collaborazione con l’Aeronautica Militare, lungo 6 sezioni, dall’arte all’innovazione.

Riproduzione riservata