Alicia Keys senza trucco

Smettere di truccarsi è una liberazione?

Ne è convinta la cantante Alicia Keys, che ha lanciato la campagna #nomakeup. «Fondotinta e rossetto sono una maschera che usiamo per nasconderci» dice. Ma c’è chi crede che esageri

Il trucco è una forma di schiavitù estetica? Lo abbiamo chiesto a due donne di spettacolo. Ecco cosa ci hanno risposto.

Sì, Debora Villa, attrice e comica

«Ha fatto bene Alicia Keys a dire basta alla donna truccata a tutti i costi. Credo sia un gesto lodevole. Questo è il compito di una diva con un milioni di fan: rappresentare un modello di femminilità autentico, libero da condizionamenti., quindi anche dal make up. Certo lei, con il suo carisma, rende la cosa invitante per tutte noi. Una tipa qualunque non otterrebbe lo stesso effetto».

È un rifiuto dei cliché

«Io non sono bella, però so che volerlo essere a tutti i costi può diventare una schiavitù. E questa trappola a volte ce la tendiamo da sole: siamo noi stesse a incastrarci nei classici cliché femminili, salvo poi lamentarci degli stereotipi. La decisione della Keys, al contrario, sembra dire: “Io per prima devo puntare sul mio talento, invece che sulla bellezza, se voglio che lo facciamo anche gli altri”».

No, Katia Follesa, comica e conduttrice tv

«Il trucco non è un diktat, ma una possibilità di sentirsi meglio. E comunque non ti stravolge. Se sei sicura di te stessa, lo sei sempre. Se non lo sei, non ti aiuta neppure la maschera di Zorro. Tutte sappiamo distinguere quando e quanto truccarci, magari più in inverno e meno d’estate. Io faccio così: e pazienza se, senza tutto il mio armamentario, non mi riconosce nessuno».

È uno stereotipo superato

«Ritenere che il trucco simboleggi un lavaggio del cervello delle donne in nome della perfezione, come fa la Keys, è sbagliato e offensivo. Ci sono professioniste in gamba, con ruoli di responsabilità, che hanno un make up perfetto e non per questo sono meno credibili. Non penso che ci si debba sentire in colpa, o meno brave, se si ha la trousse in borsa. Essere femminili non ci rende delle oche».

Olycom - Photogallery a cura di Roberta Lancia

Tamara Ecclestone durante una serata di shopping da Harrods, seguita da una cena al ristorante cinese. Il 2 gennaio 2013.

Uma Thurman, al Bafta Film Festival di New York, il 2 ottobre 2015.

Olycom

Olivia Wilde indossa un coloratissimo vestito a righe in giro per Brooklyn, il 25 settembre 2015.

Olycom

Nicole Kidman a teatro a Londra, il 12 novembre 2015.

Olycom

Lily Aldridge, supermodella statunitense, a Los Angeles il 26 febbraio 2016.

Olycom

Kate Moss a un'asta di charity al Bulgari Hotel di Londra, il 14 maggio 2013.

Olycom

Helen Mirren il 6 dicembre scorso a New York a una prima di Broadway.

Olycom

La giovane attrice Chloë Grace Moretz mentre esce da un albergo a New York.

Olycom

L'attrice Busy Phillips alla prima del film Consumed, a Los Angeles, lo scorso 11 novembre.

Francois Durand/Getty Images

L'attrice Francese Emmanuelle Beart al Jean Paul & Joe show durante la settimana della moda parigina, il 30 settembre 2014.

Brendon Thorne/Getty Images

Cate Blanchett alla prima di "The Histrionic" a Sydney, 20 giugno 2012.

Alessandra Ambrosio, il 4 giugno 2016, a Los Angeles dopo una festa in un nightclub con il giocatore brasiliano Neymar Jr.

Se tutti parlano del corpo femminile

VEDI ANCHE

Se tutti parlano del corpo femminile

Corpi perfetti negli spot: Londra dice no

VEDI ANCHE

Corpi perfetti negli spot: Londra dice no

Riproduzione riservata