Fiori Farfalle

I fiori da piantare per attirare api e farfalle

Basta piantare i fiori giusti ed ecco che la primavera si colora di macaoni e coccinelle. Hai solo un davanzale o un piccolo balcone? Scegli le piante giuste e mandaci la foto del tuo angolo verde: la ripostiamo su Instagram!

Per salvare le api ci vuole un fiore, anzi tanti fiori, da piantare nel tuo spazio verde, piccolo o grande che sia. «Persino un davanzale può diventare un angolo di ristoro per gli insetti impollinatori» racconta Giorgia Leonardi, commerciante milanese e apicultrice per passione, che condivide il suo amore per questi animali incredibili su Instagram e Youtube, con il profilo Il giardino delle api. «Tutto è cominciato nella mia casa di montagna quando un amico ha deciso di regalarmi uno sciame. All’inizio non è stato facile, non sapevo nulla di questo mondo così affascinante e complesso, poi ho seguito un corso e mi sono buttata in questa avventura. Oggi guardare un alveare per me è come una droga buona: mi rilassa il ronzio, il profumo di propoli e amo vedere gli insetti affaccendati sui fiori». Per frequentare anche in città le sue amate api, Giorgia ha creato sul terrazzo un’area bee-friendly, che puoi realizzare anche tu.


Partecipa al nostro contest su Instagram! Si chiama "Balcone Fiorito": pubblica le foto del tuo angolo verde con #BEEGREEN e @donnamoderna. Ti ripostiamo nelle nostre Stories!


 

Punta sulle piante mellifere

Il trucco è puntare sulle piante mellifere, ricche di nettare, e sceglierle in modo da garantirsi fioriture prolungate. «I mesi da aprile a giugno, in cui tutto fiorisce, sono i più semplici. Il periodo più complicato va da gennaio a marzo quando la natura ancora dorme» aggiunge Giorgia.

Tra le specie che si risvegliano prima ci sono le primule e alcune bulbose, come i giacinti e il narciso, che si piantano in autunno (on line trovi mix di bulbi per attirare le api). «Sì anche agli alberi da frutto, come pesco, pero o melo: a marzo sono già punteggiati di fiori» consiglia l’apicultrice. «Il più precoce è il nespolo giapponese, che si coltiva anche in vaso. Sul mio terrazzo ho piantato le ginestre, che attirano l’ape legnaiola, nera e blu».

Come riconoscere un bouquet di fiori sostenibile

VEDI ANCHE

Come riconoscere un bouquet di fiori sostenibile

Se sei poco esperta di giardinaggio

Se sei poco esperta puoi creare uno spazio bee-friendly con piante facili. Tra i rampicanti, per esempio, gli insetti amano la passiflora, che cresce a vista d’occhio ed è di semplicissima manutenzione. Piacciono anche il gelsomino (quello vero, con le foglie più chiare e sottili) e l’edera (Edera elix), una delle ultime a essere bottinata dalle api prima del riposo invernale. Per avere fiori fino all’autunno ci sono i crisantemi o la bignonia, una pianta che fino a settembre-ottobre si colora di arancione.

Se hai solo un davanzale o un balcone

Se hai solo un davanzale o un balcone la scelta strategica è puntare sugli aromi. «Sono più che graditi ad api e farfalle: borragine, basilico, erba cipollina, timo, rosmarino e salvia, da scegliere nella varietà “ananas” se vuoi spettacolari fiori viola e rossi. Infine, la profumatissima lavanda, un luna park per gli impollinatori» consiglia Giorgia Leonardi.

Se hai un giardino

Se hai un giardino, sappi che tutti gli insetti, anche le farfalle e le coccinelle, prediligono gli spazi “spettinati”: semina il prato a trifoglio e non falciarlo spesso, pianta i fiori vicini, perché le macchie di colore sono un’attrazione irresistibile. «Ci sono quattro piante perfette per attirare le farfalle, che sono schizzinose e prediligono il nettare fluido» sottolinea Gianumberto Accinelli, entomologo e fondatore Eugea (eugea.it), associazione che con l’appello Let’s flower up our cities (facciamo fiorire le nostre città), vuole rendere gli spazi urbani più accoglienti per gli insetti. «La facelia è la prima a regalarci le sue inflorescenze viola, la cosmea, una sorta di margheritona, resiste al caldo e fiorisce tutta l’estate, la zinnia, detto anche il fiore delle farfalle, ci dà colore e profumo fino a novembre. La quarta è il finocchio selvatico, che nutre i bruchi del macaone, la farfalla tipica italiana». Per trovare mix di semi o miscele che piacciono a api e coccinelle vai sul sito eugea.it.

→ Partecipa alla #BEEGREEN Challenge

Sei pronta per metterti al lavoro?

«La città è un habitat ideale per gli insetti perché non ci sono gli insetticidi delle campagne coltivate» assicura l’entomologo. «Se sommiamo balconi, terrazzi, davanzali e aiuole otterremo un enorme parco e faremo un regalo agli insetti, ma non solo. Perché è l’impollinazione a garantirci frutti e fiori e la natura ci dona la bellezza di cui abbiamo bisogno: avere un macaone che volteggia tra i palazzi non è una meraviglia?».

Sì all’acqua, no agli insetticidi

In piena estate le api hanno sete, proprio come noi. Buona regola è lasciare un po’ d’acqua a disposizione per gli insetti assetati. Basta un piattino fondo con qualche pallina di argilla espansa, tappini di sughero o piccoli sassolini: così possano bere senza annegare.
Per tenere lontani i parassiti evita le sostanze chimiche ma prepara un macerato di aglio frullando qualche bulbo e lasciandolo in infusione in due litri di acqua bollente per qualche ora. Poi aggiungi qualche goccia di olio di neem, versalo in un flacone spray e spruzzalo sulle piante.

Un “albergo” per gli insetti

Se hai spazio, puoi creare un bug hotel (albergo degli insetti), una vera e propria casa per le api solitarie, che sono campionesse di impollinazione (ma non fanno il miele). Non vivono negli alveari e volano sui fiori che le altre api “snobbano”, perché meno adatti a produrre miele. Per realizzare la casina degli insetti ti servono delle cannucce di bambù o di carta o mattoni forati, legno, paglia. Su internet trovi diversi tutorial, cercali su amicingiardino.it o sul sito del Museo di storia naturale di Pisa. Colloca la casetta a non più di 100 metri dai fiori, in modo che le api abbiano sempre cibo a disposizione. Se ti spaventano le eventuali punture, sappi che le api raramente entrano nelle case e, a differenza delle vespe che sono carnivore, difficilmente pungono (i maschi delle solitarie non hanno neanche il pungiglione).

Diamo vita a un milione di api a Milano

VEDI ANCHE

Diamo vita a un milione di api a Milano

Partecipa alla #BEEGREEN Challenge di Donna Moderna per far vivere 1 milione di api a Milano

VEDI ANCHE

Partecipa alla #BEEGREEN Challenge di Donna Moderna per far vivere 1 milione di api a Milano

Riproduzione riservata
Main Partner:
Thanks to: