Quilling hobby

Quilling: l’arte di creare con le striscioline di carta

Con semplici striscioline di carta colorata puoi creare capolavori. All’inizio ci vuole pazienza, ma acquisita la tecnica non ti fermi più. Come racconta qui un architetto che ha cominciato per caso e che oggi è un’artista riconosciuta del quilling

Il quilling è l’hobby del momento per chi vuole creare oggetti sorprendenti, ma ha radici antiche. Già nel Rinascimento, infatti, si usavano gli avanzi dei fogli da stampa a margine dorato per realizzare opere d’arte sacra. E anche allora si partiva da semplici striscioline arrotolate in varie forme, fino a ottenere l’effetto filigrana.

Quella del quilling una tradizione che, lungo i secoli, si è radicata soprattutto nell’Est Europa. E adesso è tornata in auge, grazie alle tante hobbiste e artiste che se ne sono innamorate. Come tutte le attività creative, il quilling non è solo un modo per mettere alla prova le proprie abilità manuali. È terapeutico: rilassa e dà soddisfazione anche a chi è alle prime armi.

Creazioni con il quilling, dai quadri ai bijoux

Tra le artiste più note spicca l’architetto Anna Chiara Valentini: l’opera con cui abbiamo scelto di aprire questo articolo è sua (annachiaravalentini.it). «Mi sono imbattuta nel quilling per caso, qualche anno fa» confessa. «Piano piano ha soppiantato gli altri miei passatempi. Partendo da progetti semplici ho affinato la tecnica e ora sono in grado di realizzare opere d’arte anche molto complicate».

Anna Chiara Valentini
Una creazione di Anna Chiara Valentini (annachiaravalentini.it).
Anna Chiara Valentini
Una creazione di Anna Chiara Valentini (annachiaravalentini.it).
Anna Chiara Valentini
Una creazione di Anna Chiara Valentini (annachiaravalentini.it).
Una creazione di Giorgia Ghezzi (su Instagram è @linfa_creativa).
Una creazione di Giorgia Ghezzi (su Instagram è @linfa_creativa).
Una creazione di Giorgia Ghezzi (su Instagram è @linfa_creativa).
Il libro di Yulia Brodskaya (artyulia.co.uk) dedicato al quilling, Painting with paper.
Un altro libro dedicato al quilling che potrebbe esserti utile: The complete book of Quilling, di Sena Runa.

Con il quilling si crea di tutto, dai quadri ai preziosi biglietti d’auguri. Ma il più delle volte si tratta di opere piccole, a volte in miniatura: oggetti stilizzati che diventano orecchini, pendagli e ciondoli. «Ancora mi stupisco che, con curve e riccioli della carta, si possano creare oggetti così meravigliosi» dice Valentini. «Il mio consiglio per chi vuole provare è di scegliere il tipo di carta che piace, immaginare un soggetto che ispira e armarsi di pazienza. Si può partire con un progetto facile, e magari giocare con i colori per creare un bel effetto. Non è scontato, all’inizio, riuscire a realizzare quello che si vuole, ma ne vale la pena». Anche perché il quilling permette di creare opere sontuose, senza spendere quasi nulla (qui sotto ti parliamo del materiale che ti occorre).

Creare piante finte è la nuova tendenza

VEDI ANCHE

Creare piante finte è la nuova tendenza

Quilling, l’ultima tendenza è il free style

Chi sposa questo hobby creativo può scegliere tra due tecniche. Con lo stile tradizionale, usi strisce di carta arrotolate per creare cerchi, triangoli, quadrati, rettangoli, gocce, ovali e così via, che poi accosti a piacere incollandoli a un supporto.

«L’ultima tendenza, però, è il free style» svela Valentini. «In questo caso, utilizzi cartoncini di tutti i tipi e misure, tagliati in strisce anche fino 2-3 centimetri. Puoi arrotolare la carta, ma anche stenderla, pieghettarla, intrecciarla, senza porre limiti alla tua fantasia. La regina assoluta di questa tendenza è Yulia Brodskaya (artyulia.co.uk), che riesce a creare così perfino dei ritratti che sono apparsi sulle copertine del Time.

Quilling: che cosa ti serve

Quill On (letsquillon.com) è il punto di riferimento se vuoi darti al quilling. Trovi tutto quello che occorre per cominciare, ma tanti strumenti potresti già averli, tranne una: la penna. Non usarne una qualsiasi: quella per fare i rotolini ha una scanalatura che ti facilita il lavoro, dove infili la striscia di carta. Magari non la trovi in cartoleria, ma con pochi euro puoi ordinarla su Amazon, Ebay o Wish.

Un’altra cosa che all’inizio conviene acquistare è la carta già tagliata. Prova con quella da 80 grammi, la più facile da maneggiare. Poi passa a cartoncini più spessi o leggeri. Ti servirà anche una forbice piccola, con le lame dritte e punte fini e una colla vinilica. Scegli la boccetta con il beccuccio sottile, adatta per i lavori di precisione.

Come pinzetta va bene quella delle sopracciglia. Se cerchi ispirazione, su Etsy trovi tanti carta modelli con schemi da copiare. Per imparare le forme di base, c’è il canale youtube di Vivi con Letizia, che insegna con video tutorial.

Un progetto floreale per iniziare con il quilling

Quilling hobby
Giorgia Ghezzi, @linfa_creativa

Giorgia Ghezzi (su Instagram è @linfa_creativa) è una delle interpreti italiane più originali del quilling. Qui svela i segreti del fiore e della pianta che vedi sopra.

Scegli un supporto su cui fissare le varie parti del tuo lavoro.
Fai le strisce in carta rosa, blu, marrone e nelle tre tonalità di verde: tutte alte 5 mm.

Per creare il fiore di sinistra segui questi step
1. Fai sette rotolini verde scuro, aiutandoti con la pinzetta, senza stringere troppo la carta su se stessa, e chiudili con qualche goccia di colla vinilica.
2. Schiaccia le estremità tra pollice e indice fino a creare due angoli acuti.
3. Al centro dei rotolini incolla le strisce di carta rosa, che userai anche per ricoprirli, incollandoli tra di loro e al finto gambo.

Per creare le foglie della pianta a destra costruisci rotolini in diverse dimensioni, senza stringere troppo la carta, e chiudili con la colla. Per ottenere l’ovale devi premerli nella parte centrale, anziché alle estremità. Per realizzare i vasi usa strisce di carta più grandi, a cui dare la forma del rettangolo e del semicerchio.

A scuola di ricamo gratis su Zoom

VEDI ANCHE

A scuola di ricamo gratis su Zoom

Scrivere a mano: perché ci piace sempre di più

VEDI ANCHE

Scrivere a mano: perché ci piace sempre di più

Riproduzione riservata