donna mountain biking Grindelwald lago

In bici, alla scoperta di colori, suoni e profumi

35 anni, ciclista, al piacere di pedalare Francesca Giani ha dedicato un blog e appena può sale in sella e parte. Qui racconta la sua passione per le due ruote

Come regalo per la laurea in pedagogia ho chiesto una bicicletta da corsa ai miei genitori. Fino ad allora avevo fatto solo escursioni in mountain bike con gli amici ma, complici i weekend liberi dallo studio, dopo gli anni dell’università ho potuto dedicarmi alla grande passione per le due ruote che sentivo dentro fin da bambina. Salire sulla bici da corsa mi ha cambiato la vita: ho fatto spazio nelle mie giornate per allenarmi, ho trovato un lavoro in tema, ho stretto amicizie con chi ama questo sport e ho iniziato a partecipare alle gare.

Viaggi in bici: 6 itinerari

VEDI ANCHE

Viaggi in bici: 6 itinerari

La mia palestra è il lago di Como dove vivo. Nella zona di Cernobbio ci sono percorsi stupendi e appena posso esco dal traffico per cercare le salite. La Val d’Intelvi mi piace tantissimo: la rampa che porta a Schignano è la mia preferita perché in un attimo (si fa per dire!) mi trovo immersa nella natura pur rimanendo vicina a casa: improvvisamente entro nel silenzio assoluto rotto solo dai versi degli animali al pascolo. In zona ci sono altre ciclabili molto belle, per esempio quella che da Menaggio segue il percorso della ex ferrovia e arriva a Croce di Menaggio.

Fuori dalla Lombardia, amo l’Emilia Romagna che, dalle parti di Cesenatico, ha strade in pianura e sali e scendi dove si allenava anche Pantani. In montagna, invece, consiglio il Passo di Pennes, in Alto Adige, che ti porta fino a 2.000 metri in un paesaggio lunare, e il passo di Monte Giovo, meno conosciuto ma bellissimo, accessibile a tanti grazie alle e-bike. La Sardegna ha percorsi spettacolari a picco sul mare e ora conto di organizzare un giro in Puglia.

1 di 4 - Palazzo Nicolaci di Villadorata è una tappa irrinunciabile a Noto.
2 di 4 - La ciclabile Grab abbraccia Roma.
3 di 4 - La ciclabile Alta Italia passa anche dalla laguna di Venezia.
4 di 4 - La pista da San Remo a San Lorenzo è ampia e costeggia il mare.

A chi inizia dico che la pedalata assistita è un buon modo per raggiungere paesaggi anche impegnativi; a tutti consiglio di investire in un buon paio di calzoncini (l’imbottitura in gel del fondello fa la differenza), così come una maglietta che protegge dai raggi UV e un buon intimo (la canottiera salva la pedalata perché assorbe bene il sudore).

Una cosa a cui tengo tantissimo, poi, è la sicurezza. Qualche anno fa ho fatto un incidente a causa della distrazione di un automobilista e per fortuna mi è andata bene. Consiglio di essere sempre ben visibili, sulla bici ho montato luci anteriori e posteriori, ho un dispositivo che si connette al ciclocomputer e mi segnala le auto in arrivo e indosso sempre il casco. Per il resto: divertitevi!

Con la bici si vedono cose che in auto passano inosservate. Ogni particolare salta all’occhio e il paesaggio colpisce i cinque sensi con odori, colori, sensazioni. Ho appena avuto una bambina e non vedo l’ora di portarla con me a pedalare, prima nel carrellino, poi sul seggiolino e poi una accanto all’altra.

Tips

  • Oltre alle app sul cellulare porta una cartina fisica. Ti fa vedere il tragitto nell’insieme e ti permette di calcolare i dislivelli.

  • Per evitare forature scegli pneumatici tubeless, cioè senza camera d’aria. Ma non caricare troppo la bici perché tendono a perdere pressione e devono essere rigonfiati spesso.

  •  I guantini da ciclista assorbono il sudore nelle giornate calde e attutiscono le asperità del terreno sui tratti sterrati e in discesa.

  • Dimentica zaini e marsupi, il peso lo devi far portare alla bicicletta. Sono l’ideale le borse tubolari e impermeabili da agganciare al telaio.

Francesca Giani, l'autrice di questo articolo

Francesca Giani, 35 anni, ciclista, al piacere di pedalare ha dedicato il blog francyclist.com e app
Francesca Giani, 35 anni, ciclista, al piacere di pedalare ha dedicato il blog francyclist.com e appena può sale in sella e parte insieme al Vanotti Cycle Team, uomini e donne uniti dalla stessa passione per le due ruote.

A cura di Alessia Cogliati e Anna Scarano
Hanno collaborato Isabella Colombo, Marta Ghelma, Valeria Palieri, Anna Pugliese, Laura Sommariva

A piedi, per immergersi nella bellezza e ritrovare il ritmo della natura

VEDI ANCHE

A piedi, per immergersi nella bellezza e ritrovare il ritmo della natura

In camper, dove la libertà è proprio di casa

VEDI ANCHE

In camper, dove la libertà è proprio di casa

In treno, con tutta l’Italia che scorre davanti agli occhi

VEDI ANCHE

In treno, con tutta l’Italia che scorre davanti agli occhi

Riproduzione riservata