Dimagrire senza fatica. L’esercizio top per il lato B

Alimentazione e allenamenti mirati e semplici sono gli ingredienti fondamentali del metodo di Giulia Calefato, per essere snelle e toniche. Qui i consigli per migliorare il lato B

Niente diete, bilance, grammature o conteggio delle calorie. Il metodo messo a punto da Giulia Calefato si basa su un percorso di benessere che prevede due ingredienti fondamentali: mangiare bene e sano, preferendo alimenti naturali e non industriali o raffinati, e dedicare qualche minuto ogni giorno all'esercizio fisico. Così, secondo la blogger, imprenditrice, mamma, moglie e autrice del libro Fit Is Beauty - snella e tonica in 12 settimane (Fabbri Editore), si può dimagrire in modo duraturo.

Nel libro puoi trovare in dettaglio le indicazioni sull'alimentazione, già anticipate qui, e gli esercizi che permettono di rinforzare la muscolatura del lato A, in particolare per avere una pancia piatta e un seno tonico. Di seguito, invece, i consigli che riguardano il lato B, ovvero soprattutto glutei e schiena.

Spinta da terra

La spinta da terra è un esercizio molto semplice, da eseguire partendo distese supine, che mira a rinforzare la muscolatura della schiena e dei glutei. 

Come si fa
Parti sdraiata con la schiena a terra, con le ginocchia piegate e i piedi a terra. Solleva il bacino contraendo i glutei e mantieni la posizione.

È un esercizio completo perché coinvolge anche gli addominali. Tutti i muscoli, una volta attivati aiutano la schiena, che così non è sottoposta a troppe sollecitazioni.

Tenuta posturale e schiena retta

Avere glutei alti e sodi è bello, ma una postura corretta, con spalle aperte e braccia toniche può aiutare a risultare più sexy e a mettere in risalto il seno. Per questo è utile esercitarsi con la tenuta posturale isometrica per allenare i muscoli estensori della colonna e il trapezio.

Come si fa

Per allenare alla tenuta posturale e avere una schiena dritta siediti a terra con le gambe distese e unite, alza le braccia portandole vicino alle orecchie ed estendile verso l’alto come a voler toccare il soffitto tenendo eretta la colonna per tutta la durata dell’esercizio.

Stringi le scapole come se dovessi tenere tra loro una matita. Tieni i palmi delle mani rivolti verso l’interno.
Mantieni la posizione per 30 sec. per 4 volte.

Come combattere le "culotte de cheval"

Si tratta di quegli odiosi cuscinetti tra coscia e gluteo, detti proprio "culotte de cheval" che colpiscono moltissime donne. Dipendono da una predisposizione fisica femminile: la distribuzione del grasso corporeo su bacino e glutei rappresenta una scorta energetica che la donna tiene da parte, pronta a essere utilizzata come energia a cui attingere per affrontare eventuali gravidanze.

Cosa fare

Consuma poco sale: condisci i cibi con spezie come il curry, la curcuma, lo zenzero. Se devi usare il sale meglio quello rosa dell’Himalaya.

Mangia le banane: ricche di potassio, le banane stimolano il drenaggio della linfa e aiutano a liberare il tessuto adiposo e a limitare l’effetto buccia d’arancia. Anche l’ananas e la papaia sono utili.

Fai sempre colazione: inizia la giornata con yogurt (anche greco o di soia) e fiocchi d’avena, carboidrati che aiutano a perdere peso. L’avena viene digerita lentamente, è ricca di fibre e ha un impatto minimo sui livelli di zucchero nel sangue.

Mangia l'avocado: i grassi dell’avocado sono sani, aumentano il senso di sazietà apportando fibre e minerali.

Allenati con costanza: è l’unica soluzione davvero efficace per combattere le culotte de cheval!

In più, nel libro...

Nel libro di Giulia Calefato Fit Is Beauty - snella e tonica in 12 settimane (Fabbri Editore) trovi anche tanti consigli preziosi per la cucina, come ad esempio "Come risolvo la cena in 5 minuti", oppure utili box che spiegano quale attività fisica sia più indicata per dimagrire (correre o camminare?) o "6 buoni motivi per allenarsi con le scale" o, ancora, sul dimagrimento con un regime vegetariano o vegano.  

LEGGI ANCHE

Dimagrire senza fatica con il metodo di Giulia Calefato

Dimagrire senza fatica. L'esercizio top per il lato A

Riproduzione riservata