Cistite: tutto quello che devi sapere

Credits: Shutterstock
/5

Quali sono le cause? Quali i sintomi principali? Come intervenire e curarla? Esistono rimedi naturali per alleviare il fastidio? Cerchiamo di dare delle risposte ai dubbi sulla cistite

La cistite è un'infezione delle basse vie urinarie e della mucosa vescicale, talmente frequente da colpire oltre il 60% delle donne nella fascia di età compresa tra i 20 e i 45 anni. Purtroppo è molto fastidiosa e, come se non bastasse, spesso si tratta di un problema recidivo.

Vediamo però quali sono i fattori di rischio, le cause, i sintomi e le cure della cistite, ma soprattutto come prevenire quasto disturbo.

Cause

Sono tanti i fattori legati all'insorgere della cistite.

In pole position si collocano i frequenti rapporti sessuali che favorirebbero l'ingresso di batteri a livello vescicale, così come i sistemi contraccettivi come ad esempio le creme spermicida oppure il diaframma, che alterano l'intero ecosistema vaginale.

Tra le cause della cistite, poi, c'è la risalita verso la vescica di agenti patogeni di origine fecale o vaginale. Si tratta di un batterio, nel 70% dei casi, come lo Staphilococcus saprophyticus.

Sintomi

Ecco quali sono i sintomi della cistite:

- un aumento del numero di minzioni durante il giorno e la notte (con  la sensazione ogni volta di non aver svuotato del tutto la vescica);

- bruciore o dolore durante la minzione accompagnato da brividi e freddo;

- presenza di sangue nelle urine;

- talvolta febbre con brividi e dolore lombare.

Diagnosi

L'esame delle urine dimostra la presenza di batteri nelle urine insieme a tracce di sangue.

L'urinocoltura in questo caso consente di dimostrare un'infezione e identificare l'agente infettante, anche se in realtà non è indispensabile poiché i potenziali patogeni e la loro suscettibilità agli antibiotici sono prevedibili, e spesso i tempi di esecuzione dell'esame sono più lunghi della fase acuta della malattia.

Cure

Curare la cistite fin dai primi sintomi aiuta a fermare il circolo vizioso delle possibili recidive. La cistite solitamente si risolve con un aumento nell'assunzione di liquidi (meglio superare i due litri di acqua al giorno) e un breve trattamento antibiotico (di solito, una terapia di tre giorni è sufficiente a sradicare l'infezione).

Prevenzione

È difficile lo sappiamo ma comunque possibile evitare queste infezioni ricorrenti che causano la cistite: intanto bere almeno due litri d'acqua al giorno (e tanto succo puro di mirtillo) ed evitare di trattenere l'urina è molto utile. Si deve poi evitare il consumo di cibi e bevande che possono irritare l'intestino come i fritti, i piatti piccanti oppure gli alcolici.

Indossare biancheria intima in fibre naturali come il cotone o il lino e praticare una regolare igiene intima, evitando l'utilizzo di detergenti aggressivi resta comunque il primo passo.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te