Donna estate alberi respiro

Come regolarizzare l’intestino dopo le vacanze

Come migliorare e regolarizzare i movimenti intestinali dopo le vacanze: consigli per andare in bagno con meno difficoltà

L’attività dell’intestino varia da ogni persona, ma per definirsi regolare, alcuni studi dicono che può essere normale evacuare due o tre volte al giorno e tre quattro volte a settimana. 

I movimenti intestinali regolari, sono essenziali per la buona salute del corpo.

Intestino irregolare in estate?

Perché in estate l’intestino può diventare più irregolare del solito.

In estate avere un intestino irregolare è molto più probabile perchè ad incidere ci sono molti più fattori tra cui:

  • I cambi di temperatura
  • Non avere il proprio bagno e le proprie abitudini, perché si alloggia in hotel o in altre abitazioni magari anche con persone non sempre del proprio nucleo familiare
  • Si passano molte più ore fuori casa e spesso diventa difficile evacuare nei bagni pubblici
  • Si adotta una dieta e uno stile di vita differente dalla solita routine 
  • Si evita di andare nei bagni pubblici per timore di contrarre infezioni 
  • Si tende a trattenere più spesso le feci per non farla dove capita anche se scappa

Il cervello e l’intestino sono collegati, quindi come cambiare il pensiero verso il bisogno o meno di espellere le feci e vivere questo momento in modo sereno e naturale

Evacuare il bolo fecale è un'esigenza fisiologica vitale per il corpo, non c'è nulla di cui vergognarsi, se devi farla non temere, le feci sono una parte naturale di te stessa. Vai in bagno ogni volta che ne senti il bisogno. Cerca di non trattenerla o di annullare il movimento intestinale. 

Se ti scappa e non sei a casa tua, non farti prendere dall’ansia, appena trovi un bagno pubblico, fai dei respiri profondi e cerca di non pensare che fuori gli altri ti sentano, quindi non temere i giudizi degli altri o l’ambiente estraneo e libera con serenità il tuo intestino. Pulisci al meglio il water e procedi. 

Lo stress e l'evacuazione hanno uno stretto collegamento, quindi cerca sempre di crearti un minimo di confort intorno a te dove avere un pò di privacy e prenditi il tempo necessario per fare i tuoi bisogni fisiologici. 

Per sopravvivere devi espellere le feci, perché è l’unico modo che ha il tuo corpo per sbarazzarsi dei rifiuti che produci all’interno del tuo sistema digerente.

SOS disidratazione: sintomi, cause e rimedi d’emergenza

VEDI ANCHE

SOS disidratazione: sintomi, cause e rimedi d’emergenza

Cosa causa la stipsi o la diarrea

La stipsi o stitichezza e la diarrea sono entrambi due fattori che alterano il regolare funzionamento dell’intestino. 

La stipsi è un disturbo causato dalla difficoltà del transito delle feci nell’intestino con conseguenza di accumulo delle feci stesse nell’intestino.

La diarrea si riferisce a feci sciolti o liquide. Le cause che provocano stipsi o diarrea possono essere correlate a diversi fattori come:

  • dieta 
  • intolleranze alimentari
  • stress
  • farmaci
  • condizioni viarie che colpiscono il tratto gastrointestinale
  • vita sedentaria
  • età
  • livello di attività fisica
  • Irregolarità delle contrazioni dei muscoli coinvolti nella defecazione che se si contraggono troppo poco si fa fatica ad evacuare, se si contraggono più del solito si tende a fare diarrea. 
Settembre: tutte le strategie per ricominciare con il piede giusto

VEDI ANCHE

Settembre: tutte le strategie per ricominciare con il piede giusto

L'importanza dei movimenti intestinali

Perché mantenere un corretto funzionamento dei movimenti intestinali è importante.

I movimenti intestinali sono fondamentali per la digestione dei cibi, inoltre consentono alle sostanze di procedere in una determinata direzione (dalla parte superiore dell'intestino alla parte terminale del colon). Tali movimenti intestinali portano il cibo verso le pareti intestinali per permettere l'assorbimento delle sostanze e per muovere il materiale fecale in avanti e consentire l'evacuazione delle feci.

Con i movimenti intestinali ti sbarazzi dei rifiuti di scarto che non servono al tuo corpo. Le feci contengono circa tre quarti d'acqua e il resto si compone di: batteri, muco, sali, scarti alimentari, fibra, bilirubina la sostanza che dà il colore alle tue feci. 

Le abitudini detox che ti depurano dopo le vacanze e non solo

VEDI ANCHE

Le abitudini detox che ti depurano dopo le vacanze e non solo

Suggerimenti per tenere a bada la diarrea

La diarrea può essere correlata ad episodi sporadici o diventare cronica se non presa in tempo. Se la diarrea persiste per giorni consulta il tuo medico. 

La diarrea può essere causata da momenti di stress, impegni importanti o pesanti da affrontare, virus, batteri, intolleranze alimentari, farmaci, alimenti o acqua contaminata.

Spesso durante il periodo del ciclo, per alcune donne può essere normale avere la diarrea che si risolve da sola dopo i primi giorni del menarca.

Alcuni suggerimenti per limitare e prevenire la diarrea:

  • Se sei soggetta a colpi di freddo che colpiscono facilmente il tuo intestino, copri quella parte del corpo e non esporti se possibile a rapidi sbalzi di temperatura 
  • Assumi dei fermenti lattici
  • Evita alimenti che irritano l'intestino come prodotti lattiero-caseari, caffè, zuccheri semplici, bevande congelate. 
  • Mangia alimenti che contengono fibra per compattare le feci
  • Consuma grassi buoni  
  • Bevi molta acqua o bevande contenenti elettroliti per restare idratata
Bevi poco? Ecco cosa succede al tuo corpo

VEDI ANCHE

Bevi poco? Ecco cosa succede al tuo corpo

Come ridurre la stitichezza

Suggerimenti per ridurre la stitichezza e il dolore durante la defecazione.

La stitichezza può essere causata dallo stress, la dieta, la mancanza di attività fisica, farmaci, invecchiamento o per problemi di salute importanti a carico dell'intestino o l'apparato digerente.

Escludo le gravi malattie, se dopo 5/7 giorni non riesci ad andare in bagno consulta il tuo medico.  

Come favorire il transito intestinale 

Alcuni suggerimenti per favorire il transito intestinale.

  • Bevi almeno 10 bicchieri di acqua al giorno o 1,5 litri di acqua. I rifiuti nell'intestino assorbono acqua e aiutano l'intestino a muoversi meglio
  • Fai esercizio fisico e resta più attiva. L'esercizio può agire come un massaggio esterno intestinale. L'attività fisica non deve essere ad alto impatto per essere efficace, anche una camminata o attività fisiche blande possono aiutare e favorire il movimento intestinale.
  • Aumenta l'assunzione di fibre nella tua alimentazione
  • Assumi fermenti lattici 
  • Riduci il consumo di prodotti, surgelati, troppo elaborati, o che contengono troppi zuccheri o conservanti
  • Non consumate troppi prodotti lattiero-caseari, sostituisci con il Kefir e yogurt greco
  • Consuma grassi buoni 
  • Cambia l'angolo delle gambe mentre sei seduta sul bagno. Tieni le ginocchia più alte delle tue anche posizionando un rialzo sotto la pianta del piede 
  • Mentre sei seduta sul bagno e fai fatica, alzati e mettiti in una posizione di squat per alcuni secondi, oppure da seduta resta con la schiena dritta e fai dei cerchi con il tronco in senso orario e antiorario come per volere mescolare l'intestino
  • Fai un massaggio leggero per allentare le tensioni nella pancia. Puoi usare anche degli oli vettori e mettere dentro qualche goccia di olio essenziale di lavanda, rosmarino, finocchio o timo. Fai dei movimenti leggeri accarezzando con i palmi delle mani la pancia
  • Pratica il vacuum addominale. Da posizione in piedi espira e tira dentro la pancia, resta qualche secondo poi inspira e rilascia la pancia
  • La mattina consuma al bisogno kefir con all'interno i semi di lino messi a mollo in acqua il giorno prima oppure frullati. L'acqua dei semi di lino una volta scolato il contenuto puoi berla 
  • Ascolta della musica, leggi delle riviste, fai dei respiri lenti, guarda un video nel tuo smartphone
  • Pratica esercizi di meditazione anche mentre sei in bagno 

I movimenti intestinali richiedono cibo sano, attività fisica, acqua e calma. Se con questi suggerimenti i tuoi  sintomi non migliorano, parlane con uno specialista.

A settembre inizio “Dieta e attività fisica”: i trucchi per riuscirci

VEDI ANCHE

A settembre inizio “Dieta e attività fisica”: i trucchi per riuscirci

Come riprendere l’attività fisica correttamente

VEDI ANCHE

Come riprendere l’attività fisica correttamente

Riproduzione riservata