Speciale

La dieta depurativa per eliminare le tossine

Credits: Shutterstock

Se siete stanche, gonfie e nervose può essere che abbiate accumulato troppe tossine. Che ora il corpo ha bisogno di smaltire

Non aspettarti una dieta dimagrante. Questa è una filosofia alimentare tesa a depurare completamente l'organismo dalle tossine accumulate nel tempo. Sì perché se ti senti sempre stanca, gonfia e anche nervosa, in molti casi, può essere anche colpa del tipo di alimentazione e dello stile di vita stressante.

Vuoi sapere qual è il momento migliore per una dieta detox? Sempre. In qualsiasi momento dell'anno.

Attenzione, però, perché non stiamo parlando di una dieta dimagrante ma di un vero e proprio sistema collaudato per disintossicarsi: l'assunzione di cibi raffinati, ricchi di grassi e poveri di vitamine e minerali, favorisce infatti l'accumulo di tossine (così come anche uno stile di vita scorretto o un ambiente inquinato).

Depurarsi è quindi essenziale per aiutare l'organismo a liberarsi dalle sostanze nocive accumulate. E ognuna di noi dovrebbe farlo almeno per tre giorni al mese.

Perché abbiamo bisogno di disintossicarci? Perché nell'organismo, il sistema sanguigno e linfatico portano il nutrimento alle cellule e ne ricevono in cambio gli scarti metabolici, le ben note tossine.

Per mantenere quindi sangue e linfa puliti, il corpo ha bisogno di fegato e reni per espellere le scorie. Ma capita che a volte l'organismo non riesca a smaltire tutte le tossine in eccesso. Inoltre, se l'ambiente in cui vivono le cellule non viene mantenuto pulito, può verificarsi un’intossicazione.

Il migliore modo per dare il via a una dieta detox, un regime alimentare che punta a depurare l'organismo da tutte le tossine accumulate (causa cibo spazzatura, farmaci, inquinamento), è il consumo costante di fibre e liquidi (molti liquidi) oltre che l'abbattimento quasi totale del consumo di grassi. Ecco perché è bene seguire questo regime per un periodo non superiore ai tre giorni al mese.

La dieta depurativa deve promuovere l'ottimale funzionalità epatica, fornendo al fegato gli strumenti necessari per sostenere la fase detox.

Ecco perché devi fare incetta di vegetali (tutte le verdure ma quelle di colore verde in modo particolare perché hanno una specifica attività epatoprotettiva come insalate, carciofi, cetrioli, cavolo nero, erbette e coste) e alimenti integrali, ma anche di uova e pesce (se ti piace il sushi è il giusto compromesso) che - anche se con una certa moderazione - devono comunque essere consumati.

Ecco un esempio di dieta disintossicante:

- inizia la giornata con un centrifugato di frutta e verdura fresche con un cucchiaino di miele e due fette di pane integrale;

- verso metà mattina, consuma due tazze di tè (verde se ti piace, perché aiuta in modo più consistente la depurazione) e una spremuta di agrumi (arance, limoni e pompelmi a piacere);

- a pranzo è concesso un passato di verdura più 300 grammi di verdura condita solo con succo di limone;

- verso metà pomeriggio, puoi scegliere tra uno smoothy o uno yogurt magro, a cui aggiungere a piacere un cucchiaino di miele;

- per cena, altri 300 grammi di verdure bollite o crude.

Per depurare l'organismo, oltre a seguire i nostri suggerimenti in fatto di alimentazione, occorre bere molto perché l'unico modo per eliminare le tossine è attraverso le urine. E non è tutto: bere, soprattutto acqua, aiuta a riossigenare la pelle, donandole un aspetto più sano e luminoso.

Un consiglio? La mattina, a digiuno, bevi un bicchiere d'acqua a temperatura ambiente con una perla di olio di germe di grano e la spremuta di mezzo limone per mettere in moto il metabolismo.

In ultimo, una dieta depurativa deve facilitare l'eliminazione delle tossine non solo per via urinaria, ma anche attraverso il sudore. Ecco perché sarebbe utile, almeno una volta alla settimana, fare una sauna.

Non tutti sopportano l'eccessivo calore ma è l'unico modo per velocizzare in modo sano il processo di eliminazione delle tossine. Finita la sauna fai una doccia (o un bagno) freddo per alzare la pressione sanguigna e poi concediti 20 minuti di riposo al caldo, prima di tornare alla routine quotidiana.


Riproduzione riservata